PUMA Suede, il ritorno di un’icona fatta per durare per sempre

PUMA Suede, il ritorno di un’icona fatta per durare per sempre

Andrea Tuzio · 3 anni fa · Style

Il 16 ottobre del 1968 è una data scolpita nelle pietre della storia.
A Città del Messico si stanno tenendo i XIX Giochi olimpici e allo Stadio Olimpico Universitario è tutto pronto per la finale dei 200 metri piani.
Ai blocchi di partenza si presentano, tra gli altri, Tommie Smith e John Carlos.

Fermiamoci un attimo e torniamo indietro di un anno. 

1967, presso la San José State University in California, il professor Harry Edwards tiene un corso di Racial Minorities al quale al primo giorno di lezione partecipano 60 studenti, dopo qualche mese saranno diventati 600. Tra questi ce ne sono due che eccellono nel mondo dell’atletica leggera e sono proprio Tommie Smith e John Carlos. 

Smith è cresciuto con il padre nei campi di cotone della California, mentre Carlos, nato nel Bronx e cresciuto ad Harlem, arriva dalla East Texas State University. Entrambi sono a San José per essere allenati dal celebre Lloyd “Bud” Winter, il miglior allenatore di sprinter del mondo.

Torniamo alla gara. Lo starter dà il via ai corridori, Smith vincerà in maniera clamorosa correndo sotto i 20 secondi netti e Carlos arriverà terzo, dietro l’australiano Peter Norman.

È arrivato il momento della premiazione e sarà un podio che cambierà per sempre la storia della Black America e la storia in senso assoluto. 

Durante l’inno statunitense, i due velocisti afroamericani abbasseranno la testa e alzeranno il pugno guantato in segno di protesta contro il razzismo e le ingiustizie sociali.
Arriveranno sul podio scalzi con in mano le loro scarpe, poi appoggiate sui gradini, (c’è anche una statua alla San José State University che ricorda il momento) che entreranno nella storia, immortalate nelle fotografie e nelle immagini che faranno il giro del mondo, le PUMA Suede

Negli anni ’70 sono state le scarpe con le quali giocava Walt “Clyde” Frazier, due volte campione NBA nel 1970 e 1973 con quelli che erano i SUOI New York Knicks, sette volte All-Star e membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame.

I B-boy e le crew newyorkesi ne hanno fatto un simbolo estetico e non solo negli anni ’80.

Da oltre 50 anni le PUMA Suede rappresentano un un punto fermo, un’icona impressa nell’immaginario collettivo diventando un classico senza tempo.

L’appuntamento è per mercoledì 4 novembre, quando verranno finalmente rilasciate la Suede Classic XXI, caratterizzate dalla classica tomaia in suede, l’inconfondibile Formstrip PUMA e l’etichetta con il logo PUMA sulla linguetta.

Saranno disponibili su PUMA.com, presso gli store PUMA e AW LAB e in alcuni selezionati retailer.

Ma questo è soltanto l’inizio, altre colorway e collaborazioni verranno rilasciate nel corso di tutto il 2021 per celebrare al meglio il ritorno di un’icona fatta per durare per sempre.

PUMA Suede, il ritorno di un’icona fatta per durare per sempre
Style
PUMA Suede, il ritorno di un’icona fatta per durare per sempre
PUMA Suede, il ritorno di un’icona fatta per durare per sempre
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Gli scontrini di Jonathan Monk sono arte

Gli scontrini di Jonathan Monk sono arte

Giorgia Massari · 5 giorni fa · Art

L’opera di un artista established può costare meno di cinquanta euro? Sembra impossibile, ma la risposta è sì. Stiamo parlando degli scontrini d’artista dell’artista britannico Jonathan Monk (1969), noto per la sua arte irriverente. Chi conosce Monk sa che la sua è un’arte concettuale, che spesso si appropria e cita in modo ironico elementi del mondo dell’arte contemporanea, per questo la sua serie sugli scontrini non sorprende gli addetti ai lavori. Da un po’ di anni ormai, Monk utilizza come supporto delle sue opere dei veri e propri scontrini e ricevute di pagamento di bar e ristoranti, su cui disegna con diversi stili, citando anche altri artisti, uno dei nostri preferiti è quello in cui omaggia l’artista italiano Alighiero Boetti o anche quello con l’iconica banana di Andy Warhol. Gli aspetti interessanti sono senza dubbio la vendita, che avviene su Instagram, e il prezzo, che corrisponde alla cifra riportata sullo scontrino.

Courtesy Jonathan Monk

Gli scontrini di Jonathan Monk sono arte
Art
Gli scontrini di Jonathan Monk sono arte
Gli scontrini di Jonathan Monk sono arte
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Nika Sandler parla fuori dai denti

Nika Sandler parla fuori dai denti

Giorgia Massari · 5 giorni fa · Art

«In questa serie esploro i denti come testimonianza dell’esperienza umana», ci racconta l’arista Nika Sandler, che basa la sua ricerca sull’indagine dell’elemento perturbante e disgustoso. In questa serie, dal titolo A History of Teeth, la sua intenzione è chiara: approfondire i segreti e i misteri dell’essere umano attraverso una parte del corpo così determinante come i denti. Possono suscitare disgusto, ribrezzo, ma possono essere anche sensuali, incarnando un paradosso estetico. Da un lato l’erotismo, dall’altro la repulsione. Oltre all’aspetto estetico, Sandler va oltre la percezione umana e si addentra in ambito scientifico, studiando i batteri della placca, offrendo uno sguardo alternativo sulla nostra bocca e sulla storia che i nostri denti raccontano. Sandler, nell’esplorare la dualità tra il piacere e il disgustoso, invita gli spettatori a riflettere sul significato più profondo dei denti come portatori di esperienze umane. La sua ricerca spazia dalla fisicità sensoriale alla visione tecnologica, creando uno spazio in cui il corpo diventa una tela ricca di narrazioni.

Courtesy Nika Sandler

Nika Sandler parla fuori dai denti
Art
Nika Sandler parla fuori dai denti
Nika Sandler parla fuori dai denti
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Rong Bao va oltre i confini dell’accettabile

Rong Bao va oltre i confini dell’accettabile

Giorgia Massari · 4 giorni fa · Art

Ridere dell’assurdità della vita, questo è l’invito che l’artista cinese Rong Bao fa ai visitatori della sua mostra di debutto da Saatchi Gallery. La prima artista cinese che la rinomata galleria londinese ospita, nonché vincitrice del premio COLAB della Royal College of Art / Yorkshire Sculpture Park 2023. Con il titolo Rong Bao Is Me, l’ironia è già anticipata. Dando un’occhiata al suo account Instagram, in particolare ai video delle sue opere, è evidente l’aspetto giocoso che Bao ricerca. Le sue opere gonfiabili, come quelle in mostra alla Saatchi fino al 31 marzo, sono l’esempio perfetto. Pensiamo a “Floating” o “The Enigma”, con una forte estetica colorata e in costante movimento, le due sculture su larga scala vogliono riflettere sulla complessità e diversità della vita, prendendo in giro l’assurdo tentativo di mettere ordine nella società.

Al centro del lavoro di Rong Bao c’è l’interazione, in particolare la mostra Rong Bao Is Me vuol essere «un parco giochi di gesti», si legge sul sito di Saatchi Gallery, che invita gli spettatori a entrare in contatto «con i loro lati maliziosi e a partecipare a un mondo che si spinge oltre i confini dell’accettabilità». L’aspetto interattivo è sì giocoso ma allo stesso tempo è provocatorio, con la chiara intenzione di sfidare lo spettatore a ragionare sulla percezione del mondo che lo circonda. Andare oltre l’accettabile significa per Rong Bao ricerare l’elemento deviante, che possa defamiliarizzare il pubblico. Un elemento quotidiano è ora privato dei suoi elementi caratterizzanti, sovvertito e svuotato di senso, portando il visitatore a compiere gesti – nei confronti delle opere – futili e insensati, così da mettere in discussione i preconcetti e l’ordine imposto dalla società.

Courtesy Saatchi Gallery & Rong Bao

Leggi anche: 5 strutture fatte d’aria

Rong Bao va oltre i confini dell’accettabile
Art
Rong Bao va oltre i confini dell’accettabile
Rong Bao va oltre i confini dell’accettabile
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
L’interiorità di Mariella Bettineschi in Triennale

L’interiorità di Mariella Bettineschi in Triennale

Anna Frattini · 3 giorni fa · Art

Fino al 24 marzo 2024 sarà possibile visitare Mariella Bettineschi. All in One, la mostra che ripercorre quattro gruppi di lavori realizzati dall’artista bresciana fra il 1980 e il 2023. Un vero e proprio viaggio che attraversa alcune stagioni della carriera dell’artista che non può essere racchiusa in una definizione lineare. La mostra, sponsorizzata da Dior e da partner istituzionali quali Lavazza Group e Salone del Mobile.

Mariella Bettineschi, Morbido

La poetica di Mariella Bettineschi si rifà alla capacità di sperimentazione e sul linguaggio piuttosto che sul proprio corpo o di altre donne. L’osservatore viene condotto verso riflessioni sulla storia dell’arte e sul ruolo della donna attraverso scultura, pittura e fotografia. Morbidi e Piumari sono alcune delle serie esposte al secondo piano della Triennale, organze imbottite di bambagia o di piume, decorate con parole di oro colato o trapunta in ciniglia, filo di nylon o metallo e perline. I Tesori, invece, sono carte da lucido che diventano materiche attraverso un percorso specifico di catramina, acquaragia e strati di colature di pigmenti dorati a caldo. C’è anche L’era successiva, una serie che Bettineschi inizia nel 2008 contestualmente alla sperimentazione con lo sdoppiamento fotografico di nature, biblioteche e ritratti femminili. È questo il momento in cui l’artista sposta l’attenzione dal presente per dedicarsi al futuro. Il tema di questa serie rimane la sovversione del tempo passando per lo scivolamento di una dimensione atemporale in cui «non ci sono relazioni tra i viventi perché tutto è fenomenologico ed eterno» come si legge nel testo curatoriale scritto da Paola Ugolini.

Le immagini di Mariella Bettineschi sono in bilico fra realtà e mondi immaginati, lontane dalla corporalità, del tutto bandita dalla sua ricerca formale. Si rivolge tutto verso l’interiorità e questo slittamento di percezione non è altro che quello che contraddistingue l’artista. Lo sguardo di Bia de’ Medici del Bronzino – attraverso l’intervento di Bettineschi – viene riattualizzato e decontestualizzato, per esempio. Il tutto catturando la nostra attenzione e facendoci interrogare sull’idea che abbiamo della donna oggi, a distanza di secoli rispetto a Raffaello, Leonardo, Tiziano, Veronese e lo stesso Bronzino.

L’interiorità di Mariella Bettineschi in Triennale
Art
L’interiorità di Mariella Bettineschi in Triennale
L’interiorità di Mariella Bettineschi in Triennale
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4