Rebecca Reeve – Marjory’s world

avatar
22 maggio 2014

Rebecca Reeve è una fotografa nata a Londra che ama ricreare nei suoi scatti situazioni surreali.

Rebecca Reeve è una fotografa nata a Londra che ama ricreare nei suoi scatti situazioni surreali. Uomini in ricerca di un qualcosa nel buio delle tenebre, deserti e fondali marini.

Rebecca Reeve - Marjory's world

Trasferitasi in America, durante una permanenza ad Everglades in Florida, ha realizzato uno dei suoi progetti fotografici più riusciti: Marjory’s world.

Riprendendo un’usanza praticata in Olanda nel 1600 circa, quella di coprire specchi, quadri e ritratti nelle dimore dei defunti con panneggi e tende per facilitare l’abbandono del mondo terrestre da parte delle anime, Rebecca ha cercato di trasformare in immagine il rapporto che esiste ora tra panorama e uomo. Gli scatti di questi paesaggi desertici e paludosi, sono caratterizzati dai panneggi che dividono l’osservatore dalla natura. Essi presentano il panorama agli occhi di chi guarda, ma allo stesso tempo, come sipari di un teatro, annunciano la fine dello show.

Tende con fantasie naturali, di seta o a righe, svolazzano al vento della Florida, rendendo la veduta in qualche modo più meritevole d’attenzione. Abituati ad un’esistenza più urbanizzata, queste tende per Rebecca sono il modo per rendere nella mente questi ambienti un tipico memento mori.

Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world
Rebecca Reeve - Marjory's world

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share