Art Romain Jacquet-Lagrèze – Vertical Horizon
ArtPhotography

Romain Jacquet-Lagrèze – Vertical Horizon

-
Gabe
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon

Che poi cerchi di guardare avanti e vedi sempre tutto nero quando basterebbe alzare gli occhi in cielo e maledire il nulla cosmico, godendosi fantasmagorici orizzonti verticali.

Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon

Il contesto è sempre Honk Hong come in Michel Wolf, ma Romain Jacquet-Lagrèze non guarda avanti, alza lo sguardo. Vertical Horizon mette in relazione l’uomo con le sue stesse capacità di costruzione. L’uomo che riesce a far stare in piedi palazzi di millemila piani, sfidando qualsiasi legge della fisica, e che poi cade facilmente nel baratro degli affanni quotidiani.

Geometrie, simmetrie, equilibri. Calcoli matematici e architetti plurimilionari. C’è tutto questo dietro la serie fotografica ma io non lo vedo. Vedo solo quel desiderio intrinseco dentro ognuno di noi di superarsi, di imprecare verso l’alto, di toccare il cielo con un dito, il medio.

Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon
Romain Jacquet-Lagrèze - Vertical Horizon

Romain Jacquet-Lagrèze

ArtPhotography
Scritto da Gabe
x
Ascolta su