La SS21 “Co-ed” di Maison Margiela celebra il tango

La SS21 “Co-ed” di Maison Margiela celebra il tango

Andrea Tuzio · 3 mesi fa · Style

Il distanziamento sociale che ormai abbiamo imparato a conoscere, metabolizzare e che ci costringe a rinunciare a un certo tipo di “intimità”, è stato il motore che ha spinto lo stilista e direttore creativo di Maison Margiela, il leggendario John Galliano, a dedicare la collezione SS21 “Co-ed” alla danza più intima, carnale e spirituale di tutte, il tango.

Inspirandosi alla volontà di ritrovare il contatto fisico dopo mesi di isolamento, Galliano ci porta in Toscana a ballare. 

Maison Margiela non ha sfilato in modo classico, né ha messo in piedi uno show digitale, ha invece presentato la collezione attraverso un video intitolato S.W.A.L.K. II, girato in Toscana dal regista Nick Knight

S.W.A.L.K. II è la seconda e ultima puntata del progetto cinematografico di Galliano lanciato lo scorso anno, in cui racconta la sua personale interpretazione della peculiarità e dei canoni del tango legandoli a doppio filo al senso di rigenerazione e rinascita che soltanto la danza, e il tango in particolare, riesce a regalare soprattuto in un momento come quello che stiamo attraversando. Il film racconta anche come le tecniche sviluppate e utilizzate per le collezioni sartoriali vengano poi appositamente modificate per essere impiegate nella produzione prêt-à-porter. 

Come dicevamo, il tango è l’ispirazione primaria e dominante per la collezione SS21 “Co-ed”, celebrata attraverso i colori simbolo della danza nata in Argentia come il rosso, il grigio gessato e il color crema.

L’artigianalità è espressa attraverso silhouette sartoriali, gli abiti in mussola di cotone e tulle, creati con tagli circolari che evocano l’effetto “wet look”, sono un riferimento alla scultura neoclassica in marmo, le stampe evocano il movimento e le giacche, costruite con diversi strati di tessuto, raccontano la loro storia e il proprio tempo. 

In questa SS21, Galliano ha anche sperimentato il concetto di “storied garments”, abiti/tessuti con una storia alle spalle. Veri e propri reperti vintage, restaurati e riadattati come capi o accessori completamente nuovi in edizione limitata e venduti nei negozi della maison sotto l’etichetta Recicla. Così come il processo catartico del tango, riutilizzare capi con una storia alle spalle è una pratica liberatoria: rilascia l’energia del vecchio e rinvigorisce la stoffa riportata in vita.

Una storia di rinascita, riappropriazione, sensualità, carnalità e spiritualità che possiamo ammirare sulle note e le movenze della danza più evocativa che esista, il tango. 

La SS21 “Co-ed” di Maison Margiela celebra il tango
Style
La SS21 “Co-ed” di Maison Margiela celebra il tango
La SS21 “Co-ed” di Maison Margiela celebra il tango
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13
Nicolas Miller, un fotografo cinematografico neo-noir

Nicolas Miller, un fotografo cinematografico neo-noir

Collater.al Contributors · 13 ore fa · Photography

Provate a immaginare New York in una notte d’inverno: nebbia fitta, pioggia intensa, i riflessi delle luci al neon si riflettono sull’asfalto bagnato, fa freddo, in giro non c’è quasi nessuno e sembra di vivere dentro a un film. È spettacolare, ma non è solo cinema.
Nicolas Miller, fotografo francese oggi residente a New York, vive la città di notte e trasporta tutti nelle atmosfere sognanti e minacciose di una delle metropoli più suggestive del mondo.

Gli ingredienti delle sue fotografie sono pochi, ma essenziali: un paesaggio urbano, il buio, il meteo minaccioso e le strade semi deserte. Non serve altro per raccontare la vita tenebrosa della città.

Con le sue fotografie Nicolas Miller riesce a raccontare le diverse dimensioni di New York, analizza i suoi spazi, guarda tra gli scorci illuminati dei grattacieli e riporta le storie misteriose di chi, come lui, cammina a tarda sera in solitudine. 

I suoi scatti rispettano un racconto visivo uniforme e coerente, sono immagini drammatiche con pochi colori accesi, molti contrasti e luci tenui. Gli ambienti dark che immortala sembrano ispirarsi ai grandi classici neo-noir del cinema, ogni scatto sembra essere catturato da una scena di un film.

– Leggi anche: Le fotografie notturne di Michael McCluskey

Nicolas Miller lavora tra la foschia, racconta il lato oscuro di New York e allestisce storie misteriose ed enigmatiche.
Guarda qui una selezione dei suoi scatti e seguilo su Instagram.

Articolo di Federica Cimorelli

Nicolas Miller, un fotografo cinematografico neo-noir
Photography
Nicolas Miller, un fotografo cinematografico neo-noir
Nicolas Miller, un fotografo cinematografico neo-noir
1 · 20
2 · 20
3 · 20
4 · 20
5 · 20
6 · 20
7 · 20
8 · 20
9 · 20
10 · 20
11 · 20
12 · 20
13 · 20
14 · 20
15 · 20
16 · 20
17 · 20
18 · 20
19 · 20
20 · 20
Gli stravaganti ritratti di Alexandra Savina

Gli stravaganti ritratti di Alexandra Savina

Giulia Guido · 8 ore fa · Photography

A soli 22 anni Alexandra Savina ha già messo a punto uno stile unico e personale. La giovane fotografa e creativa di Mosca, infatti, è riuscita a rappresentare con le immagini la sua forte passione per le persone. 

Attraverso i suoi scatti, molto spesso ritratti, Alexandra Savina racconta ciò che si nasconde dietro i volti, ovvero le emozioni, le differenti personalità, abbattendo preconcetti ed apparenze. 

Ma come riesce a farlo? Con l’utilizzo del colore, sempre pieno e intenso, attraverso pose inusuali e poco convenzionali e, ultimo ma non per importanza, un pizzico di stravaganza che oltre a non mancare mai è proprio quel qualcosa in più che vi farà venire voglia di continuare a sfogliare i suoi scatti. 

“La fotografia è la mia voce, il mio linguaggio, il mio modo di dire: il mondo è bello, le persone sono belle, la creatività sorge dentro di noi ed è essenziale”. 

Questo suo approccio alla figura umana e alla sua essenza l’hanno portata a collaborare con diverse aziende tra cui Nike, adidas e StreetBeat, ma anche a scattare personaggi pubblici, giocando con loro e con la macchina fotografica. 

– Leggi anche: I ritratti intensi del fotografo David Van Dartel

Qui sotto potete trovare una selezione dei suoi scatti, ma per scoprire di più seguite Alexandra Savina su Instagram

Gli stravaganti ritratti di Alexandra Savina
Photography
Gli stravaganti ritratti di Alexandra Savina
Gli stravaganti ritratti di Alexandra Savina
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 3 giorni fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle. 
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @palacheva_photo, @nuovi_obiettivi_, @mariyaleksa_ph, @bengal_light, @_eleonoram_, @elaverre, @stefaniaaugus80, @palindroma_, @missgherard, @noveprimavere__.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Aritz Dimas Aizpiolea e i suoi scatti intimi ed emozionanti

Aritz Dimas Aizpiolea e i suoi scatti intimi ed emozionanti

Giulia Guido · 4 giorni fa · Photography

Quanto sarebbe bello entrare di soppiatto nelle vite degli altri? Seguirli nella loro intimità, sicuri di non essere visti? È esattamente quello che ci permette di fare Aritz Dimas Aizpiolea

Aritz Dimas Aizpiolea, su Instagram come @greyheavens, nasce in Ucraina e all’età di tre anni viene adottato da una famiglia basca. La sua adolescenza l’ha passata in diverse città spagnole come Irun, Valladolid e Madrid, finché pochi anni fa non ha deciso di trasferirsi a Londra, dove ancora oggi vive e lavora. 
L’arte in tutte le sue forme, dalla danza alla musica, ha sempre fatto parte della vita di Aritz, ma alla fine la fotografia ha vinto du tutte. 

“C’è stato un momento in cui ho capito che non potevo fare ogni tipo di arte, ho scelto di seguire la fotografia perché mi dava la libertà di parlare della vita in un modo con cui gli altri potessero interagire.”

Noi non appena li abbiamo visto i suoi scatti ce ne siamo innamorati.

Si tratta di fotografie intime, in cui vediamo ragazzi, ragazze, giovani coppie catturate nella loro quotidianità, nei loro momenti privati, in cui ogni maschera cade e rimangono i sentimenti più veri. 

“Definirei la mia fotografia come intima, vulnerabile e persino psicologica, ma soprattutto umana.”

Attraverso i lavori di Aritz Dimas Aizpiolea ci intrufoliamo nelle vite degli altri, ne diventiamo spettatori invisibili, nascosti dietro a porte e finestre. Ci perdiamo nei volti malinconici e sentiamo tutta la pesantezza del corpo e delle emozioni lasciarsi andare. 

Qui sotto trovate una selezione di suoi scatti, ma per scoprirne di più seguitelo su Instagram

Aritz Dimas Aizpiolea e i suoi scatti intimi ed emozionanti
Photography
Aritz Dimas Aizpiolea e i suoi scatti intimi ed emozionanti
Aritz Dimas Aizpiolea e i suoi scatti intimi ed emozionanti
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15