Supreme omaggia la serie di culto Aeon Flux

Supreme omaggia la serie di culto Aeon Flux

Andrea Tuzio · 6 mesi fa · Style

Oggi Supreme ha rilasciato la sua capsule collection in collaborazione con Aeon Flux, una serie televisiva animata creata da Peter Chung. La collezione è composta da una Varsity Jacket, un maglione, una felpa con cappuccio, una maglia da calcio, T-shirt e pantaloncini, tutti caratterizzati dalle evocative grafiche tratte dalla serie.

Ho deciso di prendere la palla al balzo e provare a raccontare un po’ cos’è Aeon Flux e perché è stato un prodotto che ha definito un’estetica incredibile nonché aver rappresentato una sperimentazione unica nel suo genere.

Aeon Flux è una serie animata americana d’avanguardia, scientifica e d’avventura trasmessa per la prima volta come una serie di cortometraggi all’interno della trasmissione di MTV Liquid Television il 30 novembre del 1991. Originariamente mandata in onda di notte e concepita esclusivamente per un pubblico adulto, era una sorta di agglomerato di brevi animazioni sperimentali (6 per l’esattezza) che immediatamente vennero recepite come un’assoluta innovazione, non solo da un punto di vista narrativo e visivo ma anche per il suo approccio sovversivo al concetto stesso di animazione seriale. Nel 1992 furono creati i primi 5 episodi a sé stanti ai quali seguì nel 1995 una stagione intera composta da 10 episodi. La trama di ogni singolo episodio aveva come elementi caratterizzanti la fantascienza sociologia, il biopunk, l’allegoria, la distopia, lo spionaggio, la psicologia, il postmodernismo visuale, l’immaginario psichedelico e il simbolismo gnostico. 

Ambientato nell’anno 7698, Aeon Flux racconta un futuro distopico e bizzarro, popolato da creature mutanti, cloni e robot, all’indomani di un disastro ambientale che ha sterminato quasi del tutto la popolazione globale tranne due città di confine Monica e Bregna separate da un muro, in quella che una volta era l’Europa orientale. Qui si svolgono le vicende di una giovane agente segreto di Monica di nome Aeon Flux: bellissima, super sexy, abilissima nello spionaggio, assassina provetta e agilissima. La sua missione principale è quella di infiltrarsi e distruggere le roccaforti di Bregna, dominata dal suo acerrimo nemico e nemesi, nonché amante saltuario, Trevor Goodchild, il dittatore tecnocratico di Bregna. 

Le due città sono costantemente impegnate in una futile guerra per la supremazia ideologica e, mentre la città di Monica rappresenta una società dinamica, anarchica e nichilista dove le regole non esistono, Bregna è la massima espressione di uno stato di polizia orwelliano centralizzato e pianificato scientificamente.

Aeon Flux sovverte in modo estremo tutte le convenzioni legate all’atto eroico esasperandone le ambiguità. Le rappresentazioni di violenza, sesso, dominazione, feticismo e morte sono evidenti e sfrenate, all’interno della serie: ”Lavorando a Hollywood, le cose tendono a polarizzarsi in pura evasione o in qualcosa di didascalico. Non sono interessato a fare nessuna delle due cose. Sono interessato a far sì che lo spettatore sposti la sua mente per pensare in un modo nuovo. Questo è davvero ciò di cui tratta la serie”, ha detto Chung.

Una celebrazione in piena regola da parte di Supreme, per quella che resta una serie animata di assoluto culto e che ha segnato in maniera vivida l’immaginazione di tutti quelli che hanno avuto la fortuna di vederla. 

Supreme omaggia la serie di culto Aeon Flux
Style
Supreme omaggia la serie di culto Aeon Flux
Supreme omaggia la serie di culto Aeon Flux
1 · 1
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza

Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza

Claudia Fuggetti · 1 settimana fa · Photography

Martina Matencio è una fotografa con base a Barcellona che si è fatta conoscere tramite il suo account Instagram di grande successo chiamato lalovenenoso, che conta più di 223K followers.

Sin dall’età di sedici anni, Martina si è interessata alle immagini diventando una fotografa molto popolare anche per via della sua passione per la moda che l’ha portata a creare la sua linea di abbigliamento Luna de Marte.

Nelle sue immagini i soggetti principali sono donne belle, eteree, fragili e sensuali che vengono ritratte sempre con una palette di toni prevalentemente neutri che esaltano l’illuminazione della luce naturale.

Un focus particolare è quello che l’artista pone sugli occhi delle protagoniste, spesso esaltati da fasci di luce che ne evidenziano i colori e l’espressività dei volti; queste donne un po’ malinconiche hanno fatto della loro debolezza il loro punto di forza.

Martina Matencio, aka lalovenenoso, fotografa spagnola | Collater.al
Martina Matencio, aka lalovenenoso, fotografa spagnola | Collater.al
Martina Matencio, aka lalovenenoso, fotografa spagnola | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza | Collater.al

Uno scatto di Martina Matencio sarà in mostra a Collater.al Photography 2022.

Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza
Photography
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza
Martina Matencio, storie di fragilità e bellezza
1 · 23
2 · 23
3 · 23
4 · 23
5 · 23
6 · 23
7 · 23
8 · 23
9 · 23
10 · 23
11 · 23
12 · 23
13 · 23
14 · 23
15 · 23
16 · 23
17 · 23
18 · 23
19 · 23
20 · 23
21 · 23
22 · 23
23 · 23
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle.
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @eli_rmn, @erre62, @sara_gram._, @saraperacchia, @defalcotina, @giulia.pissagroia, @teresa_scafa, @izya777, @marco.pasini.photo, @marcocarta87.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Tatiana Cardellicchio ferma il moto della natura

Tatiana Cardellicchio ferma il moto della natura

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Photography

La fotografia, quando vuole trasmettere emozioni universali, ha più forza quando è condivisa con altre persone fin dalle sue prime fasi. Tatiana Cardellicchio deve molto all’incontro e alla collaborazione con altri creativi, che l’hanno ispirata, rafforzando un’idea di arte già chiara che si valorizza se vista nel suo insieme e non come singoli scatti.
C’è spesso una figura umana nelle foto di Tatiana Cardellicchio, isolata nel mondo in momento di pausa, in cui sembra sia stato interrotto il moto perpetuo della vita a favore di un rapporto più meditativo con la natura e con gli elementi che la compongono.

Il mare diventa una sorta di acqua battesimale, i fili d’erba del prato invece la superficie perfetta nella quale abbandonare il corpo, spesso di una giovane donna, che non impone la sua sagoma nel paesaggio ma si adatta alle rocce o allo sgabello lasciato in un angolo della stanza.
Con una carriera come photo retoucher e photo editing, gli scatti sul profilo Instagram della fotografa mostrano uno sguardo più intimo in cui esaltare la plasticità del corpo è una missione, così come quella di confondere i bordi tra figura umana e natura, in un gioco di partecipazione al ciclo naturale di cui è facile voler far parte.

Tatiana Cardellicchio | Collater.al
Tatiana Cardellicchio | Collater.al
Tatiana Cardellicchio | Collater.al
Tatiana Cardellicchio | Collater.al
Tatiana Cardellicchio | Collater.al
Tatiana Cardellicchio | Collater.al

Uno scatto di Tatiana Cardellicchio sarà in mostra a Collater.al Photography 2022.

Tatiana Cardellicchio ferma il moto della natura
Photography
Tatiana Cardellicchio ferma il moto della natura
Tatiana Cardellicchio ferma il moto della natura
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Corpi in libertà nelle foto di Lisa Strautmann

Corpi in libertà nelle foto di Lisa Strautmann

Giulia Guido · 2 settimane fa · Photography

L’equilibrio tra la figura umana e il paesaggio è la chiave degli scatti di Lisa Strautmann. Classe 1988, Lisa Strautmann è una fotografa tedesca che ha avuto un percorso diverso da quello di molti suoi colleghi. Infatti ha conseguito ben due lauree, nessuna delle quali in materia artistica o fotografica: la prima in educazione fisica e la seconda in psicologia. 

Il suo percorso di studi, però, l’ha portata ad avere l’approccio che oggi ha con il mezzo fotografico e con i soggetti che scatta. Vediamo quasi sempre una o più figure al centro della composizione, nude, in pose innaturali e artificiose. Tutto intorno i colori della natura, dal verde brillante dell’erba all’azzurro limpido del cielo. 

Con queste immagini, Lisa riesce a fondere il suo essere una donna adulta e femminista con un profondo amore per la natura e il legame che l’uomo può instaurare con essa. 

Scopri altri lavori di Lisa Strautmann sul suo sito e sul suo profilo Instagram

Lisa Strautmann
Lisa Strautmann
Lisa Strautmann
Lisa Strautmann
Lisa Strautmann
Lisa Strautmann
Lisa Strautmann
Corpi in libertà nelle foto di Lisa Strautmann
Photography
Corpi in libertà nelle foto di Lisa Strautmann
Corpi in libertà nelle foto di Lisa Strautmann
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13