La nostra intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0

Buddy · 7 anni fa

È il 1989, ho sette anni, e sono al cinema con i miei genitori. Non conosco il film che stiamo per vedere, ne, ancora, quello precedente. A pochi minuti dall’inizio assisto però ad una scena che cambierà per sempre il mio modo di sognare: il protagonista è di schiena, la camera lo segue in semi soggettiva, cammina verso la piazza centrale della città; la camera si alza lentamente, la musica sottolinea il momento, la scena si allarga. Ed eccolo, il futuro. Quello cult di Ritorno al Futuro 2.

Questa è la scena madre di Robert Zemeckis. Quella che ci ha fatto aspettare con ansia l’arrivo del 2015, che ci ha fatto sperare che auto e skateboard volassero davvero, che i film fossero solo in 3D e che, naturalmente, le scarpe si allacciassero da sole.

Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al

Ed eccoci nel 2017. Un anno fa per beneficienza Nike ha creato la Nike Mag, un esperimento riuscitissimo. Adesso però il futuro deve andare avanti. E così Tinker Hatfield, quello delle Air Max e delle Jordan, attualmente Vice President for Design and Special Projects, ha creato le Nike HyperAdapt 1.0, la prima scarpa sportiva completa che si adatta elettronicamente al profilo del piede tramite una tecnologia di allacciatura regolabile.

Power laces…All right!

Per scoprire come sono fatte, provarle e fare due chiacchiere con Tinker in persona, siamo stati invitati a Londra. Assieme a noi il tape artist No Curves, chiamato a realizzare un artwork che reinterpreti la HyperAdapt.

L’evento si tiene al Nike Town di Oxford Circus. Una piccola sala scura al terzo piano, neon azzurri e atmosfera sci-fi. Al centro la scritta “Step Into the Future”. Dopo qualche momento di preparazione arrivano le scarpe. Non appena in piedi, il tallone attiva un sensore che fa stringere automaticamente il sistema, mentre due pulsanti laterali aiutano a stringere e allentare per regolarla. Sono leggere, nonostante una batteria e il motore per l’allacciamento nel mezzo della suola, con una silhouette sinuosa.

Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al

Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al

Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al

Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al

Poi arriva Tinker e l’atmosfera si fa solenne. Abbiamo mezz’ora di tempo per farci raccontare tutto il possibile. Il tempo passa veloce, come quando sei con un tuo amico che non vedi da tempo.

Ci racconta che per il design della scarpa si è ispirato a Eve, il robot del fil Pixar Wall-E, sinuoso, femminile, morbido e sensuale, le sue lucine azzurre. La scarpa ha una batteria, una vita, reagisce all’interazione con il corpo.

“What about a shoe that would essentially come alive when you put it on? It would sense you. It would become the shape of your foot, and when it came alive it would light up. Wouldn’t it be great if shoes could do that?”

Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al

Il percorso, ci racconta, ha visto 28 anni di brainstorming e 11 anni di ricerca e sviluppo, molti falsi avvisi, ritardi e scadenze, la sconfitta dello scetticismo interno e innumerevoli prototipi. La società stava chiamando la tecnologia “adaptive fit”.

I’m more excited about this than any project I’ve ever been involved with.

L’idea di base nasce dalla volontà di rafforzare le abilità degli atleti e proteggere i loro corpi: “I piedi della maggior parte degli atleti sono rovinati“, dice Hatfield, “se i piedi non sono sani, c’è una reazione a catena e tutto il corpo perde il suo equilibrio“. Per i giocatori di basket, ad esempio, è effettivamente necessario che le scarpe siano strette un’ora al massimo. Il resto del tempo, i tiri liberi, rimbalzi, momenti di riposo, le scarpe dovrebbero allentarsi.

Parlando di basket, Tinker ha continuato dicendo che una HyperAdapt 2.0 è ancora in fase di sviluppo e Nike non sa esattamente quando sarà completata:

“There is a 2.0, and it’s specific to basketball. And we think it’s going to be one of the best basketball shoes ever.”

Quello che è sicuro è che le HyperAdapt 1.0 sono ufficialmente arrivate in Europa e che dal 29 settembre saranno presentate con un prezzo di partenza di 706 euro, sulle SNEAKRS App.

Non molti in fondo per un piccolo passo nel futuro.

Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al
No Curves a lavoro sull’artwork
Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al
L’artwork di No Curves
Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al
L’artwork di No Curves
Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al
L’artwork di No Curves
Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al
L’artwork di No Curves
Intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0 | Collater.al
L’artwork di No Curves
La nostra intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0
Style
La nostra intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0
La nostra intervista a Tinker Hatfield per le nuove Nike HyperAdapt 1.0
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13