Ecco cos’è successo ad adidas Originals meets Santeria

Giulia Pacciardi · 3 giorni fa

Sabato 23 novembre adidas Originals e Santeria Toscana 31 hanno confermato, ancora una volta, di essere due grandi protagonisti della Milano Music week, l’imperdibile appuntamento dedicato alla musica di cui si è appena conclusa la terza edizione.

Con un evento interamente dedicato a talenti creativi di diversi ambiti, sono riusciti a dare vita a uno show serale che ha fatto divertire i tantissimi presenti grazie anche al lavoro svolto nelle prime ore della giornata, quando docenti d’eccezione hanno tenuto due differenti workshop per 40 ragazzi.
Uno dedicato al ballo, a cura di Like A Bomb, e uno alla visual art ad opera del collettivo VentiVenti.
Durante le tre ore di lezione, 20 ballerini e 20 studenti di arte visive, hanno preparato le performance che hanno accompagnato tutti gli artisti chiamati in causa da adidas Originals e Santeria per animare la loro incredibile festa, andata sold out dopo poche ore dall’inizio.

A salire per primo sul palco, nella trepidante attesa di soli 200 fortunatissimi fan, è stato il rapper Marracash che, con il successo dell’ultimo disco Persona, ha ricordato a tutti di essere il King delle classifiche e dei dischi blasonati.
Ad accompagnarlo, per i primi momenti del suo show, lo scrittore italiano e founder di Esse Magazine, Antonio Dikele DiStefano che ha scambiato con lui 4 chiacchiere sulla natura del suo nuovo disco, considerato dai più un grande successo.
E la conferma è arrivata poco dopo quando Marra ha regalato ai suoi fan ben 10 pezzi dell’album, in un live diventato corale grazie ad un pubblico che solo dopo 3 settimane ha cantato a memoria ogni strofa dei brani, dimostrando al cantante, e ai pochi scettici, quanto i premi già ricevuti e i sold out in giro per l’Italia siano solo l’inizio di un suo grande e atteso ritorno.

Dopo il live di Marracash, e il djset di Sabotage, a salire sul palco del teatro di Santeria, sempre illuminato dai bellissimi visual di VentiVenti, sono state le sonorità elettroniche del duo Concerto. Alessandro Donadei e Biancamaria Scoccia hanno dato il via alla serata inondando la pista di una sana voglia di divertimento.

Subito dopo è stato il turno dell’eterea Birthh, al secolo Alice Bisi, che con la sua bellissima voce e il suo album di debutto “Born in the woods” ha catturato l’attenzione del pubblico di tutto il mondo, annoverandosi tra le migliori esponenti emergenti dell’alternative pop internazionale.

Ad infuocare il palco ci hanno poi pensato gli Piscologi, Drast e Lil Kaneki, i due giovani rapper classe 2001 hanno fatto cantare l’intero pubblico di Santeria con le loro hit pop/rap che parlano di sentimenti, emozioni e tutto ciò di cui è fatta l’adolescenza. 
Un live sentito e condiviso in cui non sono mancate neanche le torce degli iPhone, la versione moderna dei più romantici accendini, a illuminare il parterre.

Spazio poi allo spensierato dj set di Balera Favela, la club night di Ckrono, Go Dugong e PRP, che per l’occasione ha portato con se Mara, un’artista svizzera amante delle sonorità dancehall francese che perfettamente si sposa con la ricerca musicale, concentrata sulle musiche da ballo più svariate, del collettivo.
È proprio durante il loro djset, infatti, che ha preso vita la performance dei ballerini di Like a Bomb con i ragazzi del workshop che, scatenati, hanno svolto la coreografia imparata nel pomeriggio, animando il palco e il pubblico.

L’evento è andato avanti fino a tarda notte, con l’alternarsi di grandi artisti, artisti emergenti e djset, regalando a tutti i presenti ore e ore di musica, arte e divertimento.
Una giornata piena che potete rivivere con il reportage in bianco e nero del noto fotografo Roberto Graziano Moro e con il video di Filippo Bano che trovate qui.

Ecco cos’è successo ad adidas Originals meets Santeria
Music
Ecco cos’è successo ad adidas Originals meets Santeria
Ecco cos’è successo ad adidas Originals meets Santeria
1 · 28
2 · 28
3 · 28
4 · 28
5 · 28
6 · 28
7 · 28
8 · 28
9 · 28
10 · 28
11 · 28
12 · 28
13 · 28
14 · 28
15 · 28
16 · 28
17 · 28
18 · 28
19 · 28
20 · 28
21 · 28
22 · 28
23 · 28
24 · 28
25 · 28
26 · 28
27 · 28
28 · 28