ANTI-DO-TO ci ricorda il potere della musica

ANTI-DO-TO ci ricorda il potere della musica

Andrea Tuzio · 2 mesi fa · Style

ANTI-DO-TO, il brand post-streetwear attivista con base a Milano, ha presentato il secondo progetto sociale dalla sua nascita nel 2020 dopo aver finanziato Ha’ramba, il primo skatepark sulla striscia di Gaza dedicato in toto ai giovani Gazawi.
In questa seconda avventura in ambito sociale, ANTI-DO-TO ci ricorda l’incredibile potere della musica come strumento di espressione, redenzione e reinserimento.

Nella città costiera di Douala, in Camerun, si trova la caotica, soffocante e sovraffollata prigione di New Bell, una delle più dure e difficili di tutto il paese. 
Più simile a un campo profughi a New Bell vivono, in condizione ai limiti dell’umanità, 3000 detenuti tutti stipati in uno spazio pensato per sole 800 persone.
Di questi 3000 detenuti, il 70% è rinchiuso in carcere da anni senza processo e senza essere stati condannati, in quanto la legge camerunense non prevede limiti alla custodia cautelare. 

Senza voce, messi da parte dalla società e abbandonati a se stessi, i detenuti fanno un’enorme fatica a reintegrarsi a causa dell stigma e, proprio nel mezzo di tutte queste difficoltà nasce Jail Time Records.

La Jail Time Records è il collettivo che gestisce l’etichetta discografica e di produzione audio-visiva composta da carcerati ed ex carcerati, fondata nel 2018 nella prigione centrale di Douala, dall’artista e regista Dione Roach.

Da studio di registrazione per detenuti , il primo mai realizzato in un carcere africano, il progetto ha ampliato i propri orizzonti uscendo anche fuori dal carcere e diventando ben presto un aggregatore di talenti e artisti.

Dopo essere venuto a conoscenza del progetto nel 2021, ANTI-DO-TO ha deciso di supportare il progetto finanziando completamente la costruzione di un nuovo studio di registrazione nel quartiere di Deido, a Douala, e quindi, stavolta, fuori dal carcere.

A partire dalla metà di maggio e per i prossimi sei mesi, acquistando un qualsiasi capo, parteciperà al progetto rifinanziandolo attraverso il 50% dei profitti netti della vendita. 
Il progetto si pone come obiettivo in primis di reintegrare i rapper, i produttori e gli artisti ex-carcerati all’interno della comunità, di dare loro la possibilità di coltivare il loro talento e di tenersi lontani da ciò che li ha portati in carcere.

“Grazie ad ANTI-DO-TO abbiamo potuto realizzare il sogno di creare uno studio di registrazione fuori dalla prigione, e questo per gli artisti di Jail Time Records rappresenta sicuramente una vera e propria svolta. La musica ha cambiato la loro vita in carcere, ma una volta usciti è necessario riuscire a tenerli focalizzati. È il momento più critico. Avere un luogo dove ritrovarsi, continuare a registrare gratuitamente, confortati e supportati da chi conosce bene la loro realtà, significa dare loro una nuova vita”, queste le parole di Dione Roach, fondatrice della Jail Time Records.

È stata realizzata anche una capsule collection dedicata al progetto e realizzata con la direzione artistica del designer Federico Curradi. Le grafiche sono state realizzate dagli stessi detenuti grazie a un laboratorio organizzato in carcere dalla stessa Dione, dove l’arte è diventata uno strumento fondamentale di evasione e libertà di espressione. 

A sostegno del progetto ANTI-DO-TO ha realizzato uno short film in cui viene fuori l’essenza vera di ciò che si sta realizzando e l’incredibile e dirompete potere della musica come perno attorno al quale costruire qualcosa di buono e utile per la comunità.
Qui di seguito potete dare un’occhiata al trailer del corto mentre sul sito di ANTI-DO-TO è possibile vedere l’intero cortometraggio. 

ANTI-DO-TO ci ricorda il potere della musica
Style
ANTI-DO-TO ci ricorda il potere della musica
ANTI-DO-TO ci ricorda il potere della musica
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
La campagna Prada Donna FW22 con Kendall Jenner

La campagna Prada Donna FW22 con Kendall Jenner

Andrea Tuzio · 2 giorni fa · Style

Dopo aver presentato la campagna Uomo FW22 con protagonisti Jeff Goldblum e Rami Malek, Prada ha rilasciato la versione al femminile della sua campagna stagionale.

Scattata dal fotografo britannico David Sims e con la direzione creativa di Ferdinando Verderi – che si erano già occupati della campagna Uomo – la campagna Prada Donna FW22 celebra l’individuo e la sua individualità, realizzata avendo scelto delle  protagoniste intergenerazionali volendone raccontare le storie.


Sono proprio le storie, i ricordi e i racconti, che compongono la natura umana, che affascinano la maison italiana da sempre, così come da sempre ne trasmette la profondità attraverso la moda e l’immagine prendendo ispirazione dalla vita stessa e da come questa viene vissuta.

A comporre questo cast di donne troviamo, l’attrice e modella Hunter Schafer oltre a Sora Choi, Kendall Jenner, Kai Newman, Lina Zhang  – mentre le foto di Loli Bahia, Amanda Murphy, Liya Kebede verranno svelate nel corso della stagione – immortalate da Sims in una serie di ritratti immediati e inaspettati in modo tale da creare una rappresentazione sfaccettata della donna Prada.

Anche in questa versione donna, ogni ritratto è abbinato a immagini still life che a un primo impatto possono risultare di difficile comprensione ma permettono al fruitore di entrare in contatto diretto con queste storie, incoraggiando a vivere i ricordi, le sensazioni e i sentimenti delle protagoniste in un dialogo che invita ad ascoltare più che a osservare.

La campagna Prada Donna FW22 con Kendall Jenner
Style
La campagna Prada Donna FW22 con Kendall Jenner
La campagna Prada Donna FW22 con Kendall Jenner
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Anche New Balance ha le sue Clog

Anche New Balance ha le sue Clog

Andrea Tuzio · 2 giorni fa · Style

Uno degli spunti che ha offerto l’ultima Fashion Week Uomo Spring/Summer 2023 è stato di sicuro quello legato al mondo footwear.
Tra le tante novità viste sulle passerelle, spicca la nuova collaborazione tra New Balance e il brand giapponese AURALEE.

Proprio il giant di Boston ha in programma per oggi 1 luglio, la release – per adesso soltanto in Corea del Sud ma è molto probabile un rilascio globale a breve – del primo paio di Clog targate New Balance

Le slip-on ormai sono diventate una tendenza che ha messo d’accordo praticamente tutti, spingendo tutti tantissimi brand a realizzare la propria versione. Oggi Anche New Balance ha presentato le sue Clog realizzate utilizzando un unico blocco di schiuma EVA.

Le nuove New Balance Clog debuttano oggi in due colorway monocromatiche (beige e nero), contraddistinte dal logo “N” tono su tono e quello “New Balance” sul tallone laterale.

Il lancio delle New Balance Clog è in programma per oggi 1 luglio

Anche New Balance ha le sue Clog
Style
Anche New Balance ha le sue Clog
Anche New Balance ha le sue Clog
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
La collezione di JW Anderson e Sam Smith per il Pride

La collezione di JW Anderson e Sam Smith per il Pride

Andrea Tuzio · 1 giorno fa · Style

Per celebrare al meglio i 50 anni del London Pride, il cantautore inglese Sam Smith e Jonathan Anderson hanno deciso di unire le forze per la realizzazione di una capsule collection in edizione limitata.

La collezione JW Anderson x Sam Smith x Pride è impreziosita da una splendida illustrazione dell’artista, designer e illustratore catalano Pol Anglada.

L’intero ricavato andrà ad AKT, l’ente di beneficenza LGBTQ+ che aiuta i giovani tra i 16 e i 25 anni che purtroppo vivono situazioni difficili come l’assenza di una dimora fissa oppure che sono costretti a vivere in contesti ostili. Per avere più informazioni a proposito di questa associazione e per sostenerla vi consiglio di visitare il loro sito akt.org.uk.

La capsule collection in edizione limitata JW Anderson x Sam Smith x Pride sarà disponibile in esclusiva su www.jwanderson.com e su www.samsmmithworld.com a partire da sabato 2 luglio e fino a lunedì 4.

La collezione di JW Anderson e Sam Smith per il Pride
Style
La collezione di JW Anderson e Sam Smith per il Pride
La collezione di JW Anderson e Sam Smith per il Pride
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4
Nike e Jacquemus portano lo sport nella vita di tutti i giorni

Nike e Jacquemus portano lo sport nella vita di tutti i giorni

Andrea Tuzio · 4 giorni fa · Style

Lo sport non è mai stato esclusivamente una mera questiona di prestazioni o di vittorie, ma da sempre porta con sé una moltitudine di valori e di significati. Tra questi c’è di sicuro l’espressione di se stessi e lo stile con il quale si approccia all’attività sportiva e non.

L’ultima collaborazione tra Nike e Jacquemus segue questa convinzione, e il risultato è una collezione focalizzata sulle donne che si pone l’obiettivo di celebrare la multidimensionalità delle atlete contemporanee, oltre a ridefinire il “ready-to-wear” estivo.

La collezione Nike x Jacquemus porta lo sport nella vita di tutti i giorni, facendo risaltare la visione futura di Nike “50 for her” nell’anno del 50° anniversario del brand di Beaverton.

“Per questa collaborazione con Nike, ho voluto creare una collezione che reinterpretasse l’abbigliamento sportivo femminile in modo minimale. Mi sono sempre ispirato ai capi ACG vintage e alle campagne NIKE degli anni ’90. Avendo in mente questo immaginario, abbiamo disegnato un abbigliamento sportivo femminile con dettagli sensuali e colori neutri, insieme alla mia personale interpretazione della Humara, la mia scarpa Nike preferita. Era importante che la collezione fosse accessibile a tutti i corpi, e che fosse una miscela naturale di stile Jacquemus e prestazioni Nike”, ha dichiarato Simon Porte Jacquemus, direttore creativo e fondatore del brand omonimo.

Grazie all’importante heritage che Nike si porta dietro, Jacquemus ha immaginato un mondo in cui la semplice attività all’aria aperta si combina agli sport in un’estetica nuova, integrata e più strutturata. Un vero e proprio invito a far entrare lo sport dalla porta principale nella vita di tutti i giorni in modo tale da farlo diventare parte integrante della quotidianità. 

La collaborazione con Nike è stata un’unione al 50% in cui ogni partner si unisce per far progredire l’altro in modi che non sarebbero stati possibili da soli. Con Jacquemus, abbiamo attinto all’ispirazione ACG vintage, all’intreccio del tessuto Nike DRI-Fit e a calzature come la Humara, per creare un nesso tra sport e stile che poteva essere realizzato solo attraverso l’obiettivo condiviso di Nike x Jacquemus. Collaborare con partner come Jacquemus ci permette di espandere la cultura dello sport e di ridefinirla per la prossima generazione”, afferma Jarrett Reynolds, vicepresidente di Nike Catalyst Apparel Design.

La collaborazione è stata lanciata con una campagna splendida scattata da Zoë Ghertner, fotografa Los Angeles-based ma originaria di New York, nota per lo stile naturale e per la sua forte capacità di rappresentare le donne in modo diretto, senza fronzoli. Protagonista degli scatti della Ghertner è la cantante britannica Jorja Smith.

La collezione Nike x Jacquemus è disponibile in esclusiva su jacquemus.com fino al 7 luglio quando poi sarà acquistabile anche su nike.com, SNKRS App e presso retailer selezionati.

Nike e Jacquemus portano lo sport nella vita di tutti i giorni
Style
Nike e Jacquemus portano lo sport nella vita di tutti i giorni
Nike e Jacquemus portano lo sport nella vita di tutti i giorni
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18