L’Arc de Triomphe impacchettato di Christo, in arrivo nel 2020.

L’Arc de Triomphe impacchettato di Christo, in arrivo nel 2020.

Giulia Guido · 2 anni fa · Art

Quello di Christo Javachev e Jeanne-Claude Denat de Guillebon forse era un destino già scritto nella loro data di nascita, i due artisti – sebbene uno in Bulgaria e l’altra in Francia – sono nati entrambi il 13 giugno del 1935. Sarà il caso a far incrociare le loro strade e da quell’incontro, avvenuto nel ’58, nascerà, oltre una coppia di fatto, il duo di artisti contemporaneo più sbalorditivo, conosciuto semplicemente come Christo.  

Christo inizia a creare le sue opere a Parigi, dove entra subito a far parte della corrente artistica del Nouveau Réalisme, grazie ai suoi Objets Emballé, ovvero degli oggetti di uso quotidiano impacchettati con stoffa e filo. 

Questa tendenza prende ispirazione dall’emblematica opera di Man Ray L’enigma di Isidore Ducasse: un oggetto dalla forma indefinita coperto e impacchettato. Questo lavoro è diventato uno dei simboli del dadaismo, introducendo nella storia dell’arte l’elemento dell’ignoto

È proprio il pensiero di presentare un’opera celata che appassiona Christo, che replica il concetto non solo su oggetti, ma anche su monumenti o su paesaggi. Dalla Statua di Vittorio Emanuele II in Piazza Duomo a Milano alle Mura Romane a Roma, da un’intera spiaggia al Pont Neuf di Parigi, sono svariati i monumenti che, durante gli anni sono stati impacchettati da Christo. 

Wrapped Monument to Vittorio Emanuele II | Collater.al
Wrapped Monument to Vittorio Emanuele II

Paradossalmente, così facendo Christo trasforma in opera d’arte un opera d’arte già esistente, nascondendola agli occhi del pubblico e, in questo modo, facendo rinascere una sorta di curiosità nei suoi confronti. 

Se non vi è mai capitato di imbattervi in uno dei suoi monumenti impacchettati non disperate perché esattamente tra un anno, dal 19 settembre al 4 ottobre del 2020, l’Arc de Triomphe sarà perfettamente impacchettato. Christo ha in cantiere questo progetto niente meno che dal 1962 e il 2020 si è rivelato l’anno giusto per realizzarlo.  

Trentacinque anni dopo che Jeanne-Claude ed io abbiamo avvolto il Pont-Neuf, sono ansioso di lavorare di nuovo a Parigi per realizzare il nostro progetto per l’Arco di Trionfo”. 

Per avere un’idea del risultato finale, lo stesso due ha pubblicato le fotografie degli schizzi preparatori e dei progetti, fossi in voi prenoterei già un weekend a Parigi per il prossimo anno. 

L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
L Arc de Triomphe Wrapped Christo | Collater.al
The Wall Wrapped Roman Wall Christo | Collater.al
Wrapped Roman Wall
wrapped coast Christo | Collater.al
Wrapped Coast
The Pont Neuf Wrapped Christo | Collater.al
Pont Neuf Wrapped
L’Arc de Triomphe impacchettato di Christo, in arrivo nel 2020.
Art
L’Arc de Triomphe impacchettato di Christo, in arrivo nel 2020.
L’Arc de Triomphe impacchettato di Christo, in arrivo nel 2020.
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
Le fotografie minimali e surreali di Maria Maglionico

Le fotografie minimali e surreali di Maria Maglionico

Giulia Guido · 3 giorni fa · Photography

Come sarebbe fotografare un sogno? Nei sogni c’è sempre un’atmosfera ben precisa, qualcosa che cattura la nostra attenzione ma che spesso non si svela mai, elementi che riconosciamo appartenere alla realtà ma che diventano improvvisamente assurdi.
Nei suoi scatti la fotografa Maria Maglionico è come se riuscisse a immortalare questa essenza. 

Originaria del sud Italia, Maria non fotografa per documentare qualcosa in particolare, ma utilizza la fotografia come vero e proprio mezzo artistico per esprimere emozioni, sentimenti e sensazioni difficili da descrivere a voce. 

Dando uno sguardo alla sua produzione artistica notiamo come immagini dai toni freddi, tendenti al blu, si intrecciano con immagini più calde e intime dai colori neutri. Inoltre, spesso, la persona che ritroviamo negli scatti è la stessa Maria che nasconde il volto dietro uno specchio o più semplicemente è girata di spalle.

Come Alice dal Bianconiglio, anche noi veniamo incantati dalle fotografie di Maria Maglionico e sfogliandole ci immergiamo in un mondo in bilico tra sogno e realtà dove non c’è più differenza tra ciò che è vero e ciò che è surreale. 

Leggi anche: Quietpoem, delicatezza e intimità negli scatti di Matilde Minauro

Qui sotto trovate una selezione di scatti di Maria Maglionico ma per scoprirne di più e per non perdere i suoi prossimi lavori seguitela su Instagram.

Le fotografie minimali e surreali di Maria Maglionico
Photography
Le fotografie minimali e surreali di Maria Maglionico
Le fotografie minimali e surreali di Maria Maglionico
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13
“Ritratti Stampati”, il progetto di Salvo Giuffrida

“Ritratti Stampati”, il progetto di Salvo Giuffrida

Giulia Guido · 2 giorni fa · Photography

Ormai lo sappiamo che una fotografia è molto più di una semplice immagine e che, anzi, la parte più interessante è proprio quella che non vediamo e della quale vogliamo conoscere i dettagli.
Salvo Giuffrida lo sa bene ed è proprio da questa convinzione che è nata la serie “Ritratti Stampati”. 

Salvo Giuffrida è siciliano, esattamente di Santa Maria di Licodia, un paese che sorge a metà tra l’Etna e la costa, tra la montagna e il mare. È importante sottolineare il ruolo di questo luogo perché si è rivelato elemento fondamentale della sua produzione artistica. 

Salvo fotografa da quasi dieci anni, ma solo negli ultimi due si è veramente dedicato anima e corpo alla fotografia. Il motivo di questa decisione è stato l’incontro con il fotografo Toni Thorimbert avvenuto nel 2018, è proprio da allora che la fotografia è diventata la sua quotidianità. 

Lo scorso novembre, dalla necessità di ridare spazio al ritratto, nasce il progetto “Ritratti Stampati”. Così Salvo Giuffrida comincia a scattare chiunque sia disposto a farsi ritrarre, ultimando poi il processo di creazione con la stampa vera e propria dello scatto – su carta fineart con una garanzia di 100 anni -, combattendo il passare del tempo. 

Dopo oltre 50 ritratti, Salvo capisce di volere più di un ritratto ed è qui che torna prorompente il paesaggio siciliano. Comincia così a fotografare i soggetti, persone normali, sulla battigia con il mare alle spalle oppure circondati dalla natura aspra offerta dall’Etna e improvvisamente la creazione dell’immagine passa in secondo piano.
L’esperienza vissuta dalle persone acquista importanza, il loro stato d’animo e i loro sentimenti sono amplificati dal luogo che fa loro da cornice. 

Attraverso il ritratto il fotografo crea un’esperienza in cui l’uomo è chiamato a lasciarsi andare, a riscoprire il proprio lato primordiale e ricostruire un legame con la natura attraverso il contatto con i suoi elementi. 

“Alla fine c’è un ritratto da appendere, che servirà a ricordare chi eravamo in quel determinato momento.”

“Ritratti Stampati”, il progetto di Salvo Giuffrida
Photography
“Ritratti Stampati”, il progetto di Salvo Giuffrida
“Ritratti Stampati”, il progetto di Salvo Giuffrida
1 · 21
2 · 21
3 · 21
4 · 21
5 · 21
6 · 21
7 · 21
8 · 21
9 · 21
10 · 21
11 · 21
12 · 21
13 · 21
14 · 21
15 · 21
16 · 21
17 · 21
18 · 21
19 · 21
20 · 21
21 · 21
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 2 giorni fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle.
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @hic_appunti_mediterranei_, @mariyaleksa_ph, @martinabarbon, @stefaniaagus80, @_eleonoram_, @bety.flesso, @lamonaart_, @isaurascarlet, @greta.larosa, @photospfglobe.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Gli scatti di Jaume Llacer combinano ritratti e paesaggi

Gli scatti di Jaume Llacer combinano ritratti e paesaggi

Federica Cimorelli · 1 giorno fa · Photography

Jaume Llacer è un fotografo spagnolo che vive in Belgio, un giovane autodidatta che con la sua arte cerca di evocare emozioni contrastanti combinando ritratti e paesaggi. 
Anche se il suo background è nel campo delle scienze, Jaume ha imparato ad apprezzare anche il mondo della fotografia e, con la sua creatività e intraprendenza, ha appreso le giuste tecniche per lavorare con le luci, i colori e le composizioni. 

Le sue immagini mostrano ambientazioni sognanti, sospese nel tempo, magiche e isolate. Jaume Llacer non ha bisogno di spostarsi troppo per realizzare la foto perfetta, gli basta passare del tempo all’aperto e in mezzo alla natura per scovare gli squarci migliori. 
Con i ritratti la sua attitudine è un po’ la stessa, gli servono solo tre ingredienti: istinto, estetica ed emozione

– Leggi anche: “Ritratti Stampati”, il progetto di Salvo Giuffrida

Guarda qui una selezione dei suoi scatti, seguilo su Instagram e visita il suo sito ufficiale

Gli scatti di Jaume Llacer combinano ritratti e paesaggi
Photography
Gli scatti di Jaume Llacer combinano ritratti e paesaggi
Gli scatti di Jaume Llacer combinano ritratti e paesaggi
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10