Una sauna nel deserto? Al Burning Man è possibile.

avatar
30 Agosto 2019

Sembra un paradosso, ma per i Burning Man gli studi JKMM Architects e Finish hanno progettato una sauna che sorgerà in mezzo al Black Rock Desert in Nevada.

Lo studio di architettura JKMM Architects di Helsinki ha unito le forze con il Finish Studio per costruire una sauna in mezzo al deserto del Nevada, in occasione del Burning Man di quest’anno. Che poi, diciamocela tutta, la scelta di far sorgere una sauna in una location con un clima così rovente, suona un po’ un controsenso. Le due aziende però hanno pensato che i partecipanti al festival potessero attingere ai riti e alla disintossicazione tipica delle saune finlandesi. Nascerà così, un padiglione Steam of Life.

La struttura è realizzata con doghe di legno scuro in due diverse dimensioni e tre lunghezze; disposta a forma di anello intorno a un cortile esterno ombreggiato per consentire agli utenti di rinfrescarsi, rilassarsi e ricaricarsi. Per tenere conto dell’elevato numero di visitatori, i progettisti hanno optato per un percorso circolare che circonda l’edificio.

L’ingresso avrà un passaggio poco illuminato che conduce al bagno turco. Lo spazio curvo sarà caratterizzato da panche in legno lungo le pareti e da un braciere centrale. Dopo l’esperienza, gli utenti saranno incoraggiati a muoversi e trovare l’uscita che si affaccia sul cortile che è stato progettato al posto di una piscina di immersione fredda, tipicamente utilizzata dopo la sauna.

Il padiglione ha delle dimensioni davvero ridotte. Può essere trasportato con facilità su di un container e ovunque si voglia. Steam of Life fa parte di una serie di installazioni temporanee che sarà realizzata nel Black Rock Desert in Nevada per Burning Man, che avrà luogo dal 25 agosto al 2 settembre.

Testo di Elisa Scotti

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share