Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio L’abri

Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio L’abri

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Design

Chambre avec vues, camera con vista.
Un’intera camera che ogni giorno si sveglia in un posto diverso, con un nuovo panorama, e con una nuova alba.

Chambre avec vues è un documentario di Tourisme Québec, che racconta il bellissimo viaggio di una giovane coppia con la loro piccola stanza.
La particolarità di questo roadtrip, oltre che per i meravigliosi luoghi, sta infatti in “the room”, la stanza progettata dallo studio d’architettura L’abri per poter seguire in modo semplice ma confortevole la coppia per l’intera durata del viaggio.
La struttura, completamente smontabile, è abbastanza solida per poter proteggere i due ma anche abbastanza leggera da poter essere sollevata o trasportata su strada.

Gli interni in legno presentano linee minimaliste e rendono questo piccolo spazio caldo e accogliente, i pannelli laterali rimovibili creano grandi finestre che si aprono sull’ambiente circostante catapultando chiunque la abiti in un risveglio incredibile.

Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio l Abri | Collater.al 1 Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio l Abri | Collater.al 2 Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio l Abri | Collater.al 5 Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio l Abri | Collater.al 6 Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio l Abri | Collater.al 4 Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio l Abri | Collater.al 9 Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio l Abri | Collater.al 8 Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio l Abri | Collater.al 7

Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio L’abri
Design
Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio L’abri
Chambre avec vues, la stanza trasportabile di studio L’abri
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone

Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Design

Nella nostra cultura, sempre più veloce e orientata al consumo, tecniche come quelle del Kintsugi non sono più contemplate.
Il Kintsugi, letteralmente riparare con l’oro, è una pratica giapponese che consiste nell’utilizzo di oro e argento liquido per riparare ceramiche rotte, aumentandone il valore, puntando alla bellezza dell’imperfezione e rispettando la storia dell’oggetto.

In quest’ottica, il designer italiano Marcantonio ha lanciato alla Maison Et Objet 2018 la sua collezione Kintsugi per Seletti.
I suoi pezzi, unici per forma e colore, sono caratterizzati dalle venature in oro 24 carati, simbolo della riparazione e del rispetto per gli oggetti.

La collezione Kintsugi è elegante e contemporanea, strizza l’occhio allo stile Dandy, ed entra a far parte, con estrema sintonia, con il variegato e innovativo mondo di Seletti.

Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone | Collater.al 1 Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone | Collater.al 2 Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone | Collater.al 4 Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone | Collater.al 5 Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone | Collater.al cover

Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone
Design
Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone
Kintsugi, la collezione di Marcantonio per Seletti ispirata al Giappone
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
Icehotel, l’albergo artistico scolpito nel ghiaccio di Jukkasjärvi

Icehotel, l’albergo artistico scolpito nel ghiaccio di Jukkasjärvi

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Design

A 200 km dal Circolo Polare Artico, nel piccolo villaggio di Jukkasjärvi, da oltre 25 anni sorge l’Icehotel, un incredibile albergo interamente scolpito nel ghiaccio.
Nato nel 1989 come sistemazione di fortuna per degli artisti che stavano partecipando ad un corso di scultura, l’esperienza è stata talmente unica che è diventato negli anni un luogo di riferimento per chi vuole vivere qualche giorno indimenticabile.
Nell’albergo non manca nulla, dalle camere fino al bar, dalle bellissime sculture fino alla chiesa, tutto è interamente scolpito nel ghiaccio prelevato dalle acque del fiume Torne.

Quest’anno, inoltre, sarà il primo in cui sarà possibile visitare questa struttura da sogno anche durante le stagioni più calde, infatti sono appena stati inseriti degli impianti di raffreddamento per evitare lo scioglimento dell’intera struttura.
Fino all’anno scorso l’albergo si scioglieva con l’arrivo della primavera e veniva ricostruito, scalpello dopo scalpello, con l’arrivo dell’inverno.

Se volete provare a visitare l’Icehotel potete andare qui, con un po’ di pazienza arriverà anche il vostro turno.

Icehotel | Collater.al 6 Icehotel | Collater.al 1 Icehotel | Collater.al 2 Icehotel | Collater.al 3 Icehotel | Collater.al 12 Icehotel | Collater.al 4 Icehotel | Collater.al 5 Icehotel | Collater.al 7 Icehotel | Collater.al 8 Icehotel | Collater.al 9 Icehotel | Collater.al 10 Icehotel | Collater.al 10

All images are the exclusive property of Icehotel.

Icehotel, l’albergo artistico scolpito nel ghiaccio di Jukkasjärvi
Design
Icehotel, l’albergo artistico scolpito nel ghiaccio di Jukkasjärvi
Icehotel, l’albergo artistico scolpito nel ghiaccio di Jukkasjärvi
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
SPÄNST, la collezione street design di Chris Stamp x IKEA

SPÄNST, la collezione street design di Chris Stamp x IKEA

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Design

Era l’anno scorso quando il colosso svedese dell’arredamento, IKEA, annunciava la sua collaborazione con Chris Stamp, il designer con base a Los Angeles proprietario del brand STAMPD.
La collezione denominata SPÄNST, che in svedese significa elasticità, è rivolta ad un pubblico giovane di cui lo stesso designer fa parte.

Nonostante sarà disponibile solo da Maggio 2018, una piccola anteprima è stata presentata durante la settimana della moda maschile tramite un’installazione fatta di luci.
Chris Stamp X IKEA ha l’obiettivo di raggiungere i giovani proponendogli dei pezzi di design creati per lo streetwear e tutti i meccanismi che esso nasconde.

Con il suo stile minimalista e monocromo offre pezzi di design volti a mostrare i capi che, secondo il designer, nessuno ha voglia di nascondere dietro gli armadi di vecchia generazione.
Coniugando materiali come il legno, la pelle e il plexiglass, vuole permettere al suo pubblico di poter mostrare e proteggere i propri capi, regalando al design di IKEA una spinta verso i moderni stili di vita e di collezionismo.

SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 5 SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 1 SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 2  SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 4 SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 3 SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 8 SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 7 SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 6 SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 9 SPANST, Chris Stamp x IKEA | Collater.al 10

SPÄNST, la collezione street design di Chris Stamp x IKEA
Design
SPÄNST, la collezione street design di Chris Stamp x IKEA
SPÄNST, la collezione street design di Chris Stamp x IKEA
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano

Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Design

Le emoji fanno ormai parte del nostro modo di comunicare.
Sono veloci, esprimono i nostri sentimenti e ci evitano anche tante parole inutili.
Di progetti che ruotano intorno a questo mondo ne esistono a migliaia, uno fra i tanti è quello di Matthieu Lavanchy che ha fotografato la rappresentazione reali delle emoji.

Quello di oggi è un progetto che unisce la scultura classica alla cultura digitale tramite l’utilizzo di CGI.
Con Sculptmojis, il designer americano Ben Fearnley, si è divertito a creare questo improbabile incontro giocando anche sui vizi che affliggono la società nativa digitale.
Selfie con i muscoli, difficoltà d’ascolto e atteggiamenti un po’ sbruffoni.

Potete vedere l’intero progetto, e tanti altri, sul suo profilo Behance.

Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 5 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 2 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 3 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 9 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 1 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 10 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 4 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 7 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 6 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 8 Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano | Collater.al 11

Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano
Design
Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano
Sculptmojis, quando emoji e scultura classica si incontrano
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Altri articoli che consigliamo