Art CORPICRUDI – VITA NOVA
Art

CORPICRUDI – VITA NOVA

-
Collater.al Contributors

Dopo le Vergini e le Sinfonie, in Bianco Minore in Nero e in Rosso, il duo artistico Corpicrudi (Samantha Stella e Sergio Frazzingaro), porta in scena VITA NOVA, progetto ispirato all’omonima opera Dantesca del 1293 e alle raffigurazioni ad essa dedicata del pittore e poeta ottocentesco preraffaelita Dante Gabriel Rossetti, che effettuò per primo la traduzione in inglese del testo nel 1861.

“E pensando di lei, mi sopragiunse uno soave sonno, ne lo quale m’apparve una maravigliosa visione:
che me parea vedere ne la mia camera una nebula di colore di fuoco…”
Dante Alighieri, Vita Nova, Capitolo III

Al centro di Vita Nova c’è una donna, Beatrice, fonte di amore e dolore, sofferenza e salvezza insieme, eterna, come eterno fu il viaggio del padre del Dolce Stil Novo dagli Inferi al Paradiso.

Vita Nova è il Ricordo. Nell’opera si raccoglie tutto il sentimento non consumato verso l’Amata, in un susseguirsi di memorie che ne ripercorrono il percorso, dall’esaltazione per l’incontro della Gentil Donna fino alla sua perdita.

La morte di Beatrice rappresenta il turbamento, il traviamento morale che non annulla ma trasforma: la devozione amorosa del poeta che dal corpo reale risiederà poi nell’estenuante venerazione del suo spirito. Al centro della scena, gli artisti ne rappresentano il momento culminante, quello onirico per eccellenza: il sogno di Dante che presagisce la morte di Beatrice nel capitolo III.

Lo stesso autore afferma di aver scritto il sonetto per domandare il significato di un sogno fatto dopo aver incontrato la donna per la seconda volta, all’età di 18 anni. In questo sogno, pregno di simbolismi e allegorie, il poeta vede Amore personificato che tiene in braccio Beatrice, addormentata e avvolta in un drappo sanguigno. In una delle mani, Amore tiene il cuore del poeta ancor vivo e pulsante e, dopo aver svegliato la donna, glielo da in pasto. La gioia nel rivederla si trasforma in dolore quando Amore porta via Beatrice verso il cielo, timorosa e piangente.

« A ciascun’alma presa e gentil core
nel cui cospetto ven lo dir presente,
in ciò che mi rescrivan suo parvente,
salute in lor segnor, cioè Amore.
Già eran quasi che atterzate l’ore
del tempo che onne stella n’è lucente,
quando m’apparve Amor subitamente,
cui essenza membrar mi dà orrore.
Allegro mi sembrava Amor tenendo
meo core in mano, e ne le braccia avea
madonna involta in una drappo dormendo.
Poi la svegliava, e d’esto core ardendo
lei paventosa umilmente pascea:
appresso gir lo ne vedea piangendo.
(Dante Alighieri, Vita Nova, III) »

I protagonisti:

Antonio Arévalo (poeta, curatore di arte), Claudia Attimonelli (scrittrice, ricercatrice in Teorie del linguaggio e scienze dei segni), Elena Bordignon (giornalista, curatrice indipendente), Ilenia Corti (designer di gioielli e calzature), Luigi Lazzerini (saggista), Luigi Presicce (artista visivo), Jean-Marie Reynier (curatore di arte, artista visivo) e Vincenzo Susca (scrittore, ricercatore in Sociologia dell’immaginario), sono stati invitati da Corpicrudi a formulare pensieri in qualsiasi forma scritta dettati dalla suggestione del sogno di Dante nella Vita Nova e al dipinto Dante’s Dream at the Time of the Death of Beatrice (Il sogno di Dante al momento della morte di Beatrice, 1871), di D. G. Rossetti.

I designers Lavinia Fuksas e Alessandro Grimoldieu hanno dedicato al progetto Vita Nova di Corpicrudi il gioiello Beata Beatrix, dall’omonimo dipinto di D. G. Rossetti del 1870 ispirato a Beatrice, incluso nella loro nuova collezione AdMater.

Gli scritti e il gioiello diventano parte, insieme alla serie fotografica con nove immagini bianco e nero in piccole dimensioni scattate da Corpicrudi, dell’installazione live concepita da Corpicrudi presentata in collaborazione con la curatrice Zoe De Luca, ed azione diretta e performata da Samantha Stella di Corpicrudi.

CORPICRUDI - VITA NOVA - L'ONIRICO RICORDO DI BEATRICE CORPICRUDI - VITA NOVA - L'ONIRICO RICORDO DI BEATRICE

Art
Scritto da Collater.al Contributors
x
Ascolta su