Short video for Breakfast – Dream, quando l’uomo distrugge il sogno della biodiversità

Short video for Breakfast – Dream, quando l’uomo distrugge il sogno della biodiversità

Giulia Guido · 11 mesi fa · Art

In occasione del Wildlife Conservation Film Festival (WCFF) ogni anno studi, case di produzione e artisti indipendenti presentano i propri film e cortometraggi che fanno luce, in modi diversi, sul problema dell’estinzione di alcune specie e sulla sempre più veloce scomparsa della biodiversità.

Tra i vari lavori presentati quest’anno quello che ha catturato la nostra attenzione è il cortometraggio animato firmato dallo Zombie Studio, dal titolo Dream.

Una balena, un pellicano, un rinoceronte e il suo cucciolo, due piccole foche vivono felicemente nel loro habitat intonando le note del celeberrimo brano I Dreamed a Dream tratto dal musical Les Misérables. Tutto sembra andar bene finché all’improvviso, all’orizzonte, si vede arrivare l’uomo, su una nave, su una jeep o su qualsiasi altro mezzo.

È proprio con l’arrivo dell’uomo che la vita degli animali, che non sono in grado di sopravvivere a fucili, arpioni, coltelli, cambia drasticamente, drammaticamente.

In modo semplice, ma allo stesso tempo originale, i creativi dello Zombie Studio, riescono a farci vivere il dramma di alcune specie e a farci capire che è vero, a volte la vita uccide i sogni che facciamo, ma i sogni di migliaia di animali vengono distrutti non dalla vita, ma dall’uomo.

“I had a dream my life would be
So different from this hell I’m living
So different now from what it seemed
Now life has killed the dream
I dreamed”

Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al Dream Zombie Studio | Collater.al

Short video for Breakfast – Dream, quando l’uomo distrugge il sogno della biodiversità
Art
Short video for Breakfast – Dream, quando l’uomo distrugge il sogno della biodiversità
Short video for Breakfast – Dream, quando l’uomo distrugge il sogno della biodiversità
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Guarda il trailer di Dolor y Gloria, l’ultima fatica di Almodóvar

Guarda il trailer di Dolor y Gloria, l’ultima fatica di Almodóvar

Andrea Jean Varraud · 11 mesi fa · Art

È con grande entusiasmo che vi comunichiamo che da poco è stato rilasciato il primo trailer ufficiale dell’ultima fatica di Pedro Almodóvar: Dolor y Gloria. Come già vi avevamo accennato qualche mese fa, questa’ultima pellicola racconterà la storia di un regista, che ormai giunto alla vecchiaia, traccia un bilancio della propria vita, passando dalla liberatoria passione per la scrittura al primo amore viscerale a cui fa da contorno una nostalgica Madrid degli anni ’80. Il regista spagnolo per eccellenza si serve di due dei volti più emblematici della sua nazione d’origine, nonché suoi attori feticcio ormai da diversi anni: Penelope Cruz e Antonio Banderas.

Dolor y Gloria uscirà nelle sale spagnole il 22 Marzo, ma purtroppo, per quanto riguarda l’uscita italiana ancora non abbiamo una data. Intanto non ci resta che guardarci questo trailer fresco fresco.
Il trailer di Dolor y Gloria l'ultima fatica di Almodovar | Collater.al
Guarda il trailer di Dolor y Gloria, l’ultima fatica di Almodóvar
Art
Guarda il trailer di Dolor y Gloria, l’ultima fatica di Almodóvar
Guarda il trailer di Dolor y Gloria, l’ultima fatica di Almodóvar
1 · 1
Magic Carpet Bangkok, il tappeto digitale di Miguel Chevalier

Magic Carpet Bangkok, il tappeto digitale di Miguel Chevalier

Giulia Guido · 11 mesi fa · Art

Se l’Ottocento è stato il secolo del Realismo, il Novecento quello delle Avanguardie, il Duemila è desinato a essere ricordato come il secolo che ha visto l’arte diventare digitale. Uno dei pionieri di questa nuova corrente, o tendenza, artistica è Miguel Chevalier.

Nato a Città del Messico, ora vive e lavora a Parigi, e da sempre si dedica alla creazione di opere d’arte che stupiscano, catturino e facciano evadere lo spettatore.
Esempio lampante di questa ricerca è il Magic Carpet Bangkok, che grazie a un computer riesce a ricreare tutta la bellezza dei tessuti thailandesi. Su una porzione di pavimento grande 60m x 14m, di fronte al parco fluviale Iconsiam, viene proiettato un gigante tappeto digitale, con grafiche e motivi, che si muovono, cambiano, si intrecciano e fanno divertire tutti gli spettatori che ci passeggiano sopra.

Scopri tutta la bellezza del Magic Carpet Bangkok nella nostra gallery.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Miguel Chevalier (@miguel_chevalier) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Miguel Chevalier (@miguel_chevalier) in data:

magic carpet bangkok | Collater.al magic carpet bangkok | Collater.al magic carpet bangkok | Collater.al magic carpet bangkok | Collater.al

Magic Carpet Bangkok, il tappeto digitale di Miguel Chevalier
Art
Magic Carpet Bangkok, il tappeto digitale di Miguel Chevalier
Magic Carpet Bangkok, il tappeto digitale di Miguel Chevalier
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4
Netflix: gli imperdibili di febbraio 2019

Netflix: gli imperdibili di febbraio 2019

Andrea Jean Varraud · 11 mesi fa · Art

Come ogni mese ecco qui la nostra selezione dei prodotti filmici e seriali che arriveranno su Netflix durante febbraio.

Chef Table: dopo una grande attesa ritorna la sesta stagione della serie per gli appassionati di cucina. Per chi non conoscesse Chef Table, è importante che sappia che non si tratta di un talent o di uno show dove imparare a cucinare. Stiamo parlando di un documentario antologico, confezionato alla perfezione, in cui ogni puntata è dedicata ad uno degli chef più influenti del panorama contemporaneo, il cui punto cardine è la filosofia e l’approccio che si cela dietro la loro cucina. Nelle stagioni precedenti ci siamo calati nel mondo di personalità del calibro di Massimo Bottura, Albert Adrià ed Alex Atala. Se vi interessa un minimo la cucina, ma anche se non siete grandi appassionati, non potete assolutamente lasciarvelo sfuggire.
Chef Table 6 sarà disponibile il 22 Febbraio.

Le cinque migliori uscite su Netflix di Febbraio | Collater.al 2

Dirty John: anche questo mese ne abbiamo per gli amanti delle storie più cupe. Dirty John infatti è una serie crime antologica tratta dall’omonimo podcast tanto di successo negli States tenuto da Christopher Goddard. Questa serie creata da Alexandra Cunningham, nota al grande pubblico per aver scritto la serie cult Desperate Houswives, fin da subito ha riscosso un ottimo successo: un gran favore di critica, misto a numerosi riconoscimenti tra i quali un Golden Globe per migliore attrice in una miniserie. Per questa produzione anche il cast ci regala non poche gioie, infatti è formato da visi celebri, quali Connie Britton, Eric Bana, Juno Temple e Julia Garner. Dirty John farà la sua comparsa nel catalogo di Netflix Giovedì 14 Febbraio.

Le cinque migliori uscite su Netflix di Febbraio | Collater.al 5

Velvet Buzzsaw: Film diretto Dan Gilroy, noto soprattuto per l’angosciante thriller Nightcrowler, con Jake Ghillenhal, Rene Russo e Toni Collette che, anche questa volta, ci regala un film originale ed innovativo, nel quale il mondo dell’arte incontra il più puro terrore. Una curatrice trova casualmente dei dipinti che decide di esporre attraendo l’attenzione di numerosi critici e collezionisti. Sfortunatamente solo con il tempo, le opere mostreranno la loro oscura e magica natura distruttiva. Il film è una produzione Netflix e, fortunatamente, è da poco uscito un trailer con cui possiamo ammazzare l’attesa e calcarci in queste stranianti atmosfere. Il tanto atteso film verrà inserito nel catalogo Netflix l’1 Febbraio.

Le cinque migliori uscite su Netflix di Febbraio | Collater.al 1

Russian Doll: serie spiazzante per la sua originalità. Russian Doll parla di una ragazza di nome Nadia, che durante una festa viene risucchiata in un loop angosciante, che la farà morire alla fine del party per rinascere nuovamente al suo iniziare. La sfortunata Nadia è interpretata da Natasha Lyonne, che è anche una delle creatrici dello show (famosa soprattutto per il suo ruolo nella saga di American Pie e per il più moderno Orange is the New Black) mentre dietro alla macchina da presa si nascondono Lesley Headland e Jamie Babbit. Una serie dunque tutta al femminile che sarà sicuramente in grado di sorprenderci per la sua originalità e per il talento, purtroppo non del tutto riconosciuto, della protagonista.
L’uscita di Russian Doll è prevista per l’1 Febbraio.

Le cinque migliori uscite su Netflix di Febbraio | Collater.al 4

The Umbrella Academy: dopo la recente uscita di Polar, Netflix sembra essersi affezionato alle serie a fumetti della Dark Horse. The Umbrella Accademy infatti è tratto da un fumetto omonimo e narra la storia di una atipica famiglia di supereroi che indaga sulla improvvisa scomparsa del padre mentre una ben più grande minaccia sta per colpire il nostro amato pianeta. Il fumetto che porta la firma di Gerard Way, famoso frontman dei My Chemical Romance, trova espressione sul piccolo schermo grazie al lavoro di Jeremy Slater sostenuto da un cast di livello formato da Ellen Page, Tom Hopper, Aidan Gallagher ed Adam Godley. Questa serie supereroistica uscirà il 15 Febbraio.

Le cinque migliori uscite su Netflix di Febbraio | Collater.al 3

Netflix: gli imperdibili di febbraio 2019
Art
Netflix: gli imperdibili di febbraio 2019
Netflix: gli imperdibili di febbraio 2019
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
Short video for Breakfast – Gli incredibili corti animati della École des Gobelins

Short video for Breakfast – Gli incredibili corti animati della École des Gobelins

Giulia Guido · 11 mesi fa · Art

È da un po’ di tempo ormai che ho scoperto la École des Gobelins e i magnifici video che i suoi studenti riescono a realizzare. Qui voglio parlare di tre corti animati pensati e creati dagli studenti del secondo anno, che iniziano a prendere confidenza con gli effetti speciali.

Tutti i 3 video durano meno di un minuto, e riescono in questo breve tempo a raccontare una storia, che sebbene sia senza dialoghi, trasmette tematiche ed emozioni fortissime.

Il primo, Fruit Defendu (Frutto Proibito), l’ho scelto perché nasconde un forte elemento di suspence che lascia a bocca aperta.

ecole des gobelins | Collater.al

Il secondo, Les Cendres Froides (Ceneri Fredde) è molto più malinconico e triste, ma profondamente universale. Una donna seduta sul treno viene inghiottita nel suo stesso flusso di pensieri e ricordi; a chi non è mai successo?

ecole des gobelins | Collater.al

L’ultimo è quello che mi piace di più e s’intitola Plongeon d’été (Immersioni Estive). Questo corto credo possa avere due letture, una più estetica e superficiale, che tiene in conto la bellezza del video e la tecnica e una più profonda: il tuffo della bambina crea un attimo di preoccupazione nei bagnanti, che però non ci fanno particolare caso, invece il bimbo che deve tuffarsi dopo di lei viene pervaso dalla paura, tanto da tirarsi indietro.

ecole des gobelins | Collater.al

Short video for Breakfast – Gli incredibili corti animati della École des Gobelins
Art
Short video for Breakfast – Gli incredibili corti animati della École des Gobelins
Short video for Breakfast – Gli incredibili corti animati della École des Gobelins
1 · 3
2 · 3
3 · 3