Le illustrazioni di Emiliano Ponzi

avatar
20 novembre 2013

Emiliano Ponzi è uno dei più importanti e brillanti illustratori italiani contemporanei, autore di opere concettuali, ironiche e surreali.

Se mi fermo a pensarci per qualche secondo, riesco a ricordare con precisione il momento in cui mi sono innamorato perdutamente del disegno. Posso ricordarmene l’odore e la luce.

Avrò avuto nove o dieci anni. Con i miei cugini ci nascondevamo nelle vecchie stanze dei nostri zii, all’ultimo piano di una grande casa in cui siamo cresciuti assieme. In una di queste, tra le poche luci accese per non farci scoprire e i mobili scuri di mensole riempite di bamboline hawaiane, rimanevamo per ore sdraiati sul pavimento a spulciare vecchi numeri di Totem, Pilot, Metal Hurlant, Linus, l’Eternata, Cannibale e Corto Maltese. Ricordo le tavole di Vittorio Giardino e di Crepax, di Corben, di Edika, di Pazienza e di Toppi e di Moebius, e poi ricordo una copertina, tanto scarna da raccontare tutto quello che non c’era, poche linee, colori piatti, profumo di un mare mai disegnato. Era Hugo Pratt.

Ci sono disegni e disegnatori che raccontano con migliaia di dettagli, che riproducono il mondo con precisione maniacale, accompagnando lo sguardo tra perfezioni e sfumature ed altri che raccontano quelle stesse sfumature accennandole, costringendoti ad immaginarle. Come in quella tavola di Pratt.

Come nelle illustrazioni di Emiliano Ponzi.

Certe immagini sono più veloci, raccontano in pochi attimi. Il segno si trasforma in concetto, gioca con le figure retoriche diventando analogia, metonimia, ossimoro, sineddoche, metafora. La forma diventa contenuto.

Emiliano Ponzi evoca più che raccontare, allude, gioca con lo spettatore, lo invita ad osservare e leggere tra le righe.

Un’intuizione si trasforma in immagine attraverso un gioco di pensieri e libere associazioni. Quindi, attraverso un lavoro di sottrazione e condensazione, si elimina il superfluo per arrivare alla forma pura, al messaggio chiaro e essenziale reso immediato da pochi tratti.

Emiliano Ponzi ha ricevuto molti premi internazionali tra cui due HOW International Design Awards. Nel 2011 ha ricevuto due medaglie d’oro dalla Society of Illustrators di New York: una per Voices for freedom, video animato per Amnesty International di cui ha realizzato le immagini, e l’altra per le illustrazioni dell’album I miei migliori amici immaginaridi Valerio Millefoglie. Nel 2013 ha ricevuto la Gold Medal della Society of Illustrators di New York e il Gold Cube dell’Art Directors Club per il redesign di Bukowski per Feltrinelli.

Questo il suo sito che vi invitiamo a spulciare con calma.

Io mi fermo a ricordare. Provo a sentire l’odore della carta ingiallita, l’odore del mare.

Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi
Le illustrazioni di Emiliano Ponzi

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.