Intervista al collettivo Bnkr44, benvenuti nella loro bolla

Intervista al collettivo Bnkr44, benvenuti nella loro bolla

Emanuele D'Angelo · 4 settimane fa · Music

Il punto di ritrovo dei Bnkr44 è un’ex azienda di pelletteria, qui creano e producono la loro magia. Abbiamo fatto una chiacchierata con loro per farci raccontare segreti e sogni di un collettivo che in pochi mesi ha fatto grandi cose dal nulla.

Dal nulla sì, proprio come il seminterrato enorme che Ghera ha recuperato dai suoi genitori e in poco, con l’aiuto di Caph, Fares, Erin, Faster, Piccolo e JxN, è riuscito a trasformare in un laboratorio dove sfornare magie.

Un laboratorio in continuo movimento, un punto di ritrovo, uno studio, insomma un po’ di tutto, ma con la musica come minimo comune denominatore. Giovani ma pieni di talento, con l’unico obiettivo di fare quello che più piace a loro, senza costrizioni di nessun tipo.

Ed è proprio lì, in quel seminterrato che li incontriamo, seppur virtualmente. Tra complimenti e risate i Bnkr44 puntano in alto, consci dei loro mezzi, un collettivo unico ma formato da persone che portano avanti anche progetti da solisti.

Non vogliamo porci obiettivi, nessuno, niente di niente, vogliamo continuare così e fare solamente quello che ci va di fare

Per citare un vostro pezzo, il bunker è un po’ la vostra bolla, ma da dove nasce quest’idea di creare un collettivo?

È un po’ vuoto perché non c’è niente intorno se non questo posto. Il Bunker nei fatti è davvero un bunker, uno stanzone sotterraneo sotto casa di uno di noi. Che in realtà prima era prima un’ex azienda di pelletteria ma che poi ha chiuso i battenti e in seguito è diventato un luogo di ritrovo, dove passare il pomeriggio o la sera con gli amici. Poi piano piano è diventato uno studio di registrazioni e un collettivo.

Siete un collettivo, a novembre è uscito il vostro primo album 44Deluxe in cui siete tutti insieme. Ma adesso iniziano anche a uscire i primi singoli solisti, giusto per capire un po’ più, come siete divisi? Chi si occupa delle grafiche, della comunicazione, chi produce, chi canta?

Noi siamo un collettivo ma in realtà siamo un insieme di artisti singoli che 360 giorni l’anno lavora ai propri progetti personali. Poi ovviamente nel lavorare insieme ci passiamo le cose, Erin ad esempio canta e produce, oppure Jack produce una traccia a me che magari non mi piace e allora la passo Caph e poi lui ci scrive sopra. In realtà i lavori collettivi sono un po’ più un passatempo, ma dipende, lavoriamo sia insieme che singolarmente. Di base i produttori sono sempre due, poi al momento magari c’è chi segue un progetto piuttosto che un altro, ci alterniamo un po’ sotto questo punto di vista. Le sessioni di gruppo le vediamo più come un evento, diciamo, una roba che decidiamo di fare qualche fine settimana. Poi in realtà lo studio è anche un punto di ritrovo, quindi magari viene qualcuno anche solo per stare insieme e dire la sua.
Ci siamo incontrati tutti un po’ per caso, non tutti eravamo amici, abbiamo un po’ questa doppia identità che ci piace che vorremo mantenere anche se usciranno progetti da solisti appunto.

Vi abbiamo visto appunto insieme, adesso iniziano ad uscire i primi singoli da solisti, quali sono i prossimi progetti? Qualche piccolo spoiler?

Ma sì dai, allora, è già uscito a dicembre l’album di Fares “Distaccato”. Settimana scorsa è uscito “100 scheletri” di Erin e uscirà anche un altro singolo a brevissimo e poi il nuovo EP. Poi sarà il turno di Faster, Piccolo e di Caph. Poi in futuro faremo sicuramente qualcos’altro insieme sulla stregua appunto di 44Deluxe.

Con Extra #1 uscito proprio a Natale, avete rallegrato un anno per tante ragioni molto triste. Avete collaborato anche con artiste come Sissi ed Emma che hanno aggiunto qualcosa di magico, com’è nata l’idea per questo Ep? E soprattutto quella di collaborare con qualcuno al di fuori di voi?

Alla base quando abbiamo fatto Extra#1 c’era la volontà di fare un lavoro collettivo di nuovo nelle modalità in cui abbiamo fatto quelli vecchi. Ovvero Deluxe è frutto di una raccolta di vecchi lavori che abbiamo fatto su Soundcloud, facendo tutto in poco tempo, sia graficamente che comunicativamente, quindi appena erano pronti i pezzi li caricavamo subito sulla piattaforma. Abbiamo fatto la stessa cosa sotto Natale perché avevamo molta voglia di farlo, però questa volta ci piaceva includere altre personalità che navigano nell’ambiente musicale che più ci piace e potevamo farlo perché Emma la conosciamo già da un po’ e avevamo già lavorato con lei e ribadisco musicalmente ci troviamo molto bene. Mentre Sissi l’abbiamo conosciuta quest’estate perché è venuta nelle nostre zone in vacanza. Comunque ci siamo trovati molto bene con lei, prima umanamente poi musicalmente. Poi non avevamo mai collaborato con delle personalità femminili, ci piaceva anche questa cosa qui.

Per questo vi chiedo, tracce come “Semplice Mente” ma anche le altre dovrebbe stare ovunque, in qualsiasi piattaforma, hanno un suono non del 2021, ma sembrano trovarsi più avanti nel tempo, caricherete mai qualcosa nelle altre piattaforme?
E poi ancora, si trovano molte più canzoni vostre su Soundcloud che dalle altre parti, una pratica comune più tra i Dj meno tra i cantanti, come mai questa scelta?

Soundcloud in realtà ci permette di avere delle sessioni creative veloci, cioè di avere una cosa pronta e pubblicarla subito, senza aspettare niente e nessuno. L’abbiamo già fatto e lo rifaremo a breve. Però di Extra#1 sia “Semplice mente” che “Criminale” arriveranno molto a breve anche su Spotify. Fondamentalmente questa piattaforma ci permette in un certo senso di rispettare questa modalità che abbiamo, fare una cosa e pubblicarla subito. Poi se una cosa ci sembra valida e decidiamo di metterla su altre piattaforme siamo liberi di farlo, perché su Soundcloud è come se fossero tracce inedite per il mercato.

L’ultima release in ordine di tempo, non del collettivo ma di Erin è “100 scheletri”, uscita con Bomba dischi, ci spieghi un po’ il testo criptico di questa canzone e poi che rapporti ci sono con questa fantastica etichetta?

“100 scheletri” è un pezzo un po’ strano, non è il mio preferito e fa strano parlarne perché non ne parlo mai. Era a livello musicale era un beat che avevo fatto per Piccolo non per me, era diverso era molto più felice, più allegro. Poi un giorno ho cambiato gli accordi in una scala minore ed è diventato come lo sentite oggi. A livello testuale invece ho ripreso un testo di un anno e mezzo fa. Era diverso era tipo un testo di una canzone che si chiama “Un amico” che non ho mai finito e l’ho riadattato a quella scrivendo una cosa leggermente diversa. Probabilmente il testo è strano perché dovrebbe essere una traccia di un rapporto difficile e arrabbiato con una persona, e quando l’ho scritto in realtà non ero più arrabbiato con nessuno, per questo forse è criptico, comunque ci stava, mi piaceva.
Mentre sul nostro rapporto con Bomba dischi, ti diciamo che inizialmente Bnkr44 doveva essere un’etichetta ma a livello tecnico siamo solo un collettivo. Diciamo che comunque ci foraggia, siamo sotto Bomba ma siamo anche Bunker. Siamo indipendenti ma loro comunque ci forniscono un supporto. Loro rispettano la nostra indipendenza e quindi ci danno una mano, gli piace ciò che facciamo ma non ci vogliono inglobare.
Una sorta di mamma che ci vizia, mettiamola così.

Siete tutti giovanissimi e state realizzando qualcosa di unico e penso che presto (speriamo) o tardi arriveranno i riconoscimenti che vi meritate, ma quali sono gli obiettivi di Bnkr44?

In realtà non vogliamo porci obiettivi, nessuno, niente di niente, facciamo prima a dirti cosa non vogliamo fare.

Ok dai, allora ditemi cosa non volete fare?

L’operaioNo, no. A parte gli scherzi, in realtà siamo disposti un po’ a tutto, vogliamo continuare così e fare solamente quello che ci va di fare e non essere forzati a fare qualcosa che non è nelle nostre corde o magari che qualcuno ci impedisca di fare ciò che ci piace. L’unico obiettivo è davvero questo.

Intervista al collettivo Bnkr44, benvenuti nella loro bolla
Music
Intervista al collettivo Bnkr44, benvenuti nella loro bolla
Intervista al collettivo Bnkr44, benvenuti nella loro bolla
1 · 3
2 · 3
3 · 3
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm

I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm

Buddy · 4 giorni fa · Photography

Quante storie può raccontare un volto? Quante cose può dire uno sguardo?

Sembrano queste le domande che si pone il fotografo Nima Cyrus Elm, ritrattista e fotografo di moda.

Attraverso il suo obiettivo il ritratto fotografico si trasforma in strumento per raccontare la fisicità di un soggetto. Un punto di vista più che una radiografia, un gioco di luci e ombre violento o delicato che lascia parlare irregolarità e fascino del volto.

Ogni scelta ha una ricaduta emotiva. La volontà di cogliere un gesto, una posa, uno sguardo, costruisce il racconto e mostra la presenza anche psicologica. Trasforma il soggetto in persona.

Nima Cyrus Elm sembra esserne del tutto consapevole. La sua serie di ritratti in pellicola dedicati a volti e corpi feminili raccoglie immagini delicate, sensuali e intime.

Seguitelo.

I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm | Collater.al
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm | Collater.al
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm | Collater.al
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm | Collater.al
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm | Collater.al
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm | Collater.al
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm | Collater.al
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm | Collater.al
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm | Collater.al
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm
Photography
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm
I ritratti sensuali del fotografo Nima Elm
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
La fotografia di Inma Vivas, tra il bello e il surreale

La fotografia di Inma Vivas, tra il bello e il surreale

Giulia Guido · 4 giorni fa · Photography

È un mondo surreale e visionario quello esce dalla macchina fotografica di Inma Vivas, giovane fotografa spagnola. Ogni elemento reale viene accostato a qualcosa di inverosimile:  una giovane donna spogliata e liberata dai suoi vestiti si gode la natura che la circonda ma una maschera le nasconde il volto, una figura dietro a delle tende sembra intrappolata da esse o ancora l’acqua gelida di un fiume pare inghiottire una ragazza che non fa alcuna resistenza. 

Inma Vivas

Ogni cosa è calma e spettrale. Le immagini di Inma Vivas ci invitano a riflettere su noi stessi, vanno a scomodare le nostre paure più profonde, spronandoci ad affrontarle. 

Ma la fotografia non è solo un modo che Inma offre a noi stessi per conoscerci meglio, è anche il mezzo che lei stessa utilizza per scoprirsi e mettersi alla prova. 

Soprattutto durante l’ultimo anno, la fotografa spagnola ha cominciato a esplorare il mondo degli autoritratti. Così, mentre la realizzazione delle immagini è stata una sorta di terapia, di cura alla solitudine per Inma, la loro fruizione è una scoperta per lo spettatore. 

“Spero che lo spettatore possa identificarsi con il mio lavoro in qualche modo e, se non lo fa, forse può capire la stranezza o il disagio di essere perso in un momento della propria vita.”

Inma Vivas

Lasciatevi trasportare dall’immaginario di Inma Vivas e per scoprire altri suoi lavori visitate il suo profilo Instagram

Inma Vivas
Inma Vivas
Inma Vivas
Inma Vivas
La fotografia di Inma Vivas, tra il bello e il surreale
Photography
La fotografia di Inma Vivas, tra il bello e il surreale
La fotografia di Inma Vivas, tra il bello e il surreale
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
L’Etna in eruzione fotografata da Emilio Messina

L’Etna in eruzione fotografata da Emilio Messina

Emanuele D'Angelo · 3 giorni fa · Photography

Un tempo si supponeva che nei suoi meandri si nascondesse “il mondo dei morti” greco, “il Tartaro”. In una versione senza dubbio più romantica l’Etna sarebbe invece la figlia di due divinità, del cielo e della terra, Urano e Gea e la montagna rappresenterebbe quindi la fusione e il punto di raccordo tra il centro magmatico terrestre e l’azzurro celeste.

C’è anche chi sostiene che nel cuore pulsante della montagna si trovi Encelado, un gigante sconfitto da Atena e sepolto sotto un enorme cumulo di terra che divenne l’isola di Sicilia. Si racconta infatti che il suo corpo si trovi sotto l’isola ma con la testa e la bocca sotto l’Etna e che ogni suo grido di dolore corrisponda a un’eruzione.

Le eruzioni regolari della montagna l’hanno resa oggetto di grande interesse per la mitologia greca e romana. Ma sono numerose le vicende che si annoverano sul vulcano più attivo d’Europa che da giorni borbotta e sbuffa sopra il cielo di Catania a quasi 3000 metri dal mare.

Lapilli, parossismi e cenere, con queste tre parole potremmo riassumere gli ultimi giorni di sua maestà Etna. In questi giorni il vulcano continua a dare il meglio di sé, sotto lo sguardo attento dei suoi cittadini che lo osservano ammagliati.

Eruzioni che in poco tempo hanno fatto il giro del mondo, anche stanotte ha dato prova della sua potenza e della sua imponenza con getti alti oltre un chilometro.

Dal 2013 patrimonio dell’UNESCO, per i catanesi è un punto di riferimento, un modo di vivere, qualcosa di cui si ha solo rispetto e non paura, anche se nei secoli è capitato anche di dover fare i conti con questa potenza di fuoco, incantatrice quanto devastatrice.

Una potenza che quando erutta chiama tanti appassionati alla ricerca del momento perfetto da immortalare perché ogni eruzione è diversa ed è senza dubbio un evento unico.

E noi abbiamo avuto il piacere di scambiare qualche parole con l’autore di questi scatti, Emilio Messina, fotografo siciliano che ci ha spiegato le dinamiche, le tecniche e i movimenti del vulcano.

Non è facile fotografare eventi del genere, in primis bisogna essere sempre pronti a qualsiasi ora, lo dimostrano le ultime eruzioni arrivate in piena notte. Poi bisogna assolutamente conoscere dei posti strategici, dove poter immortalare al meglio il fenomeno.

Dinamiche e tecniche che non mancano di certo a Emilio Messina, che con la voce di chi ne ha viste parecchie mi racconta in una piacevole telefonata questi giorni turbolenti dal suo punto di vista.

Le foto sono un riassunto dell’attività di questi ultimi 6 giorni, sono infatti state scattate in diversi momenti. Un reportage di ogni inizio di eruzione, vista sempre da punti differenti da Zafferana a Viagrande.
Si inizia dalla prima potentissima esplosione il 16 febbraio, da quel giorno, puntuale quasi come un orologio svizzero, l’Etna ogni 32 ore ha dato prova della sua forza.

Diciamo un po’ che come nel famoso film del 1989 diretto da Peter Weir, “Carpe Diem”, bisogna saper cogliere l’attimo ed essere lì proprio al momento giusto. Un lavoro complesso, ci dici un po’ il tuo segreto, come si riesce ad incastonare in una foto quello spettacolo?

Io ero già lì appostato alle 6 del pomeriggio perché sapevo che qualcosa si stava per muovere grazie anche alla segnalazioni dei vulcanologi con cui siamo in contatto. Poi in generale seguendo i canali social dell’NGV o i bollettini sismici si vede che già da tempo l’Etna si stava preparando.
Da diverso tempo faccio anche la guida quindi ho avuto modo di approfondire i miei studi e saperne di più sulla montagna. Poi io tengo sempre tutto pronto, è anche questo il segreto. Dietro la porta di casa ho sempre delle schede di memoria vuote, cavalletto, batterie e macchina fotografica. Negli anni ho studiato diversi punti di vista da dove poter prendere il vulcano con dei contesti attorno. Chi è di Catania conosce la dimensione del vulcano. Però chi vede queste foto da fuori spesso non capisce la portata del singolo evento scientifico e allora io ho preferito fare spesso delle foto contestualizzate per questo motivo, per far capire bene l’ampiezza del vulcano e dei centri abitati che si trovano intorno e sotto e per far capire che noi siamo solo degli ospiti qui.

Invece entrando nella tecnica dello scatto, come si fa ad immortalare quelle colate spettacolari in tutta la loro lucentezza ed esplosività?

Ci sono diverse tecniche per scattare, personalmente negli anni quella che mi ha dato maggiori risultati è quella di realizzare diversi scatti a diverse esposizioni. Perché con un singolo scatto riuscire a beccare l’eruzione con le fontane di lava sia il buio intorno ai paesi con una singola foto è quasi impossibile. Io solitamente se nello scatto è presente anche il centro urbano faccio più fotografie, quasi 5, una tecnica conosciuta come bracketing per guadagnare più luci e ombre possibili.

Per finire, mettendo da parte l’Etna e le sue eruzioni, da catanese ci diresti cosa rappresenta per te il vulcano e come vivi questi fenomeni naturalistici?

Per me in generale come tutti i catanesi rappresenta un punto fermo, una colonna nella mia vita. Cosa vuol dire? Significa che quando nella mia vita ho viaggiato, mi è capitato di vedere altri paesi nel mondo, ti capita sempre che con lo sguardo cerchi l’Etna ma ovviamente non la vedi. È un meccanismo automatico, non te ne rendi nemmeno conto, all’inizio ovviamente poi quando ti abitui non ci fai più caso.
Questo significa per un catanese l’Etna, un punto di riferimento, come quei punti che un po’ tutti hanno nella vita, i genitori, i fratelli e sorelle o certi amici, l’Etna per me è questo, una presenza importante ed imponente.
Poi è ovvio che il vulcano bisogna conoscerlo per capire tutte le sue dinamiche, ogni fenomeno è diverso dall’altro e sicuramente dell’Etna bisogna avere rispetto e non paura. Una frase ripetuta spesso, significa che può fare eruzioni pazzesche come quelle che stiamo vedendo in cui non c’è pericolo. Però non dimentichiamo anche che l’Etna è capace di eruzioni laterali come quelle del 1669 dove la lava arrivò fino al cuore della città.
Insomma per sua natura l’Etna è distruttrice ma anche generatrice di vita, come la cenere e i lapilli caduti in questi giorni che sono una ricchezza per i suoli agricoli circostanti.

Photo credits: Emilio Messina

L’Etna in eruzione fotografata da Emilio Messina
Photography
L’Etna in eruzione fotografata da Emilio Messina
L’Etna in eruzione fotografata da Emilio Messina
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Alla scoperta dei ritratti surreali di Erika Zolli

Alla scoperta dei ritratti surreali di Erika Zolli

Giulia Guido · 2 giorni fa · Photography

Autoritratti dalle atmosfere surreali, che raccontano storie e ci trasportano in mondi fatti di fiori, di colori e soprattutto di sguardi. Sono quelli di Erika Zolli, fotografa specializzata in fine art e fotografia creativa. 

Da sempre, attraverso le sue fotografie, Erika Zolli ci accompagna alla scoperta di mondi diversi dal nostro, lontani dalla realtà quotidiana, spingendoci a riflettere su noi stessi. Ma oltre a fotografare gli altri, Erika è una specialista dell’arte dell’autoritratto. In particolar modo, i suoi sono caratterizzati da un non so che di onirico: il suo corpo diventa quasi un oggetto di scena, che dialoga con gli altri elementi, creando un equilibrio impossibile. Guardando i suoi scatti vi verrà naturale trattenere il fiato, respirare il più delicatamente possibile. Non vorrete mica rovinare quella composizione floreale, o soffiare via quella nuvola che le avvolge il volto. 

Ma oltre a farci sognare con i suoi autoritratti, Erika Zolli svela alcune delle sue tecniche attraverso workshop che tiene sia in Italia sia in Spagna. 

COSA:
Workshop “L’Arte dell’autoritratto” con Erika Zolli
QUANDO:
24 APR
DOVE:
Villa Voliera Reale – Via Pacit, 30, 21020 Ternate, Varese

Il prossimo in programma si terrà il 24 aprile nella bellissima cornice offerta dalla Villa Voliera Reale a Ternate (Varese). Qui, tra le sale interne e il parco, i partecipanti al worshop potranno trascorrere un’intera giornata a sperimentare e scattare, con l’obiettivo di realizzare l’autoritratto perfetto, proprio come quelli di Erika. 

“L’autoritratto è quindi un vero e proprio dialogo profondo con se stessi, guidato dall’intuizione di chi scatta. In questo workshop verranno mostrati i passi fondamentali per progettare e creare immagini significative con un forte impatto visivo.”

Le iscrizioni per il workshop sono ancora aperte, andate sul sito di Erika Zolli per conoscere tutte le informazioni e per iscrivervi! 

Erika Zolli
Erika Zolli
Erika Zolli
Erika Zolli
Alla scoperta dei ritratti surreali di Erika Zolli
Photography
Alla scoperta dei ritratti surreali di Erika Zolli
Alla scoperta dei ritratti surreali di Erika Zolli
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Altri articoli che consigliamo