Narcissus Garden, arriva a New York una delle installazioni storiche di Yayoi Kusama

avatar
25 Luglio 2018

L'installazione tutta riflettente del 1966 di Yayoi Kusama - Narcissus Garden - approda a New York fino al 3 Settembre in un vecchio garage del Queens.

Venezia, 1966. Durante la 33esima edizione della Biennale c’è anche Yayoi Kusama con un’installazione – Narcissus Garden – parte di una performance non ufficiale: in un mare di sfere di plastica riflettenti, l’artista stava in piedi, in mezzo, con un cartello che metteva in vendita il narcisismo del visitatore. Chi difatti non riusciva proprio a staccarsi dalla propria immagine riflessa, poteva acquistare le sfere per 2 dollari l’una.

Tornando ai giorni nostri, quella stessa installazione è oggi arrivata a New York, precisamente nel garage di un vecchio treno a Fort Tilden, dove rimarrà fino al 3 Settembre in occasione del Rockaway! 2018 free public art festival. La Kusama in piedi con un cartello per ovvi motivi non c’è, anche se forse oggi – più di allora – il messaggio che l’opera d’arte vuole mandare è ancora più lampante: mai nella storia è stato così importante il nostro ego da sfoderare prima sui social e poi nella vita vera. Aiuta sicuramente il fatto che le 1500 sfere non siano più di plastica ma di metallo e che sulla loro superficie lo spettatore non solo vede riflessa la sua ricercata bellezza, ma anche i graffiti e l’ambiente in cui l’installazione si trova e che porta in maniera evidente i danni dell’uragano Sandy del 2012.

Dunque se siete a New York e un selfie nella Grande Mela non è abbastanza, una delle creazioni di Yayoi Kusama è ben felice di essere vissuta e anche instagrammata.

Narcissus Garden, arriva a New York una delle installazioni storiche di Yayoi Kusama | Collater.al 8

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share