Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere

avatar
10 Gennaio 2019

Su Instagram si chiama Wishyouwerehere l'artista che posta illustrazioni NSFW che parlano di erotismo e della complessità delle emozioni.

Su Instagram si fa chiamare Wishyouwerehere l’artista che realizza queste illustrazioni NSFW che parlano di erotismo e della complessità dei rapporti umani. Le immagini sono forti ed intense, riescono ad arrivare allo spettatore in maniera immediata tramite l’utilizzo di metafore come pesci rossi, scheletri, diavolesse e donne sgozzate: tutto diventa utile per descrivere le emozioni dei soggetti.

La donna viene rappresentata come una dura dal cuore tenero, dal mood un po’dark. Lo stile ricorda molto artisti come Eromatica che nei suoi lavori rappresenta la bellezza e la sensualità del quotidiano con grande naturalezza e spontaneità. Se vuoi conoscere meglio quest’artista ti consigliamo di visitare il suo shop che trovi qui, per tutto il resto puoi seguire Wishyouwerehere sul suo profilo Instagram.

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Le illustrazioni NSFW di Wishyouwerehere | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share