Oasys, un’oasi verde e artificiale per Abu Dhabi

Oasys, un’oasi verde e artificiale per Abu Dhabi

Giulia Guido · 1 settimana fa · Design

Immaginate di camminare tra le trafficate strade di una metropoli e trovare all’improvviso un luogo fresco, ombreggiato e verde dove sedersi a riposarsi, dove trascorrere il tempo libero. Gli architetti dello studio Mask Architects non solo lo hanno immaginato, lo hanno anche progettato. 
Come dice il nome, “Oasys” è una vera e propria oasi da installare all’interno di grandi città. 

Il progetto futuristico di Mask Architects ha vinto la Cool Abu Dhabi Challenge, una competizione che ha visto oltre 1570 studi di 67 Paesi differenti proporre la propria soluzione a una delle problematiche legate al cambiamento climatico, ovvero alla formazione di isole di calore attorno a grandi aree urbane, proprio come Abu Dhabi. 

Oasys si presenta come una piccola sezione di un bosco, in cui gli alberi e gli elementi naturali si incastrano ad elementi artificiali che nella forma ricordano delle enormi foglie. Il loro design permette di creare sotto di esse delle ampie aree perennemente ombreggiate, infatti, questa oasi è stata pensata non solo per chi vuole rilassarsi al fresco, ma anche per ospitare pop-up, bar e anche esposizioni artistiche. 

Oasys è stata concepita come una struttura modulare, quindi può essere adattata a qualsiasi luogo, a qualsiasi tipo di terreno e può ricoprire superfici di diversa dimensione. 
Fiore all’occhiello del progetto è il sistema di illuminazione, che riproduce la luce naturale, simulando i raggi del sole di giorno e diventando blu di notte. 

Oasys, un’oasi verde e artificiale per Abu Dhabi
Design
Oasys, un’oasi verde e artificiale per Abu Dhabi
Oasys, un’oasi verde e artificiale per Abu Dhabi
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
La bellezza senza confini negli scatti di Carolina Amoretti

La bellezza senza confini negli scatti di Carolina Amoretti

Giulia Guido · 1 settimana fa · Photography

Classe 1988, Carolina Amoretti è nata in Liguria e oggi vive e lavora a Milano dove si è imposta non solo come fotografa, ma anche come designer. 
Fin da adolescente, Carolina Amoretti sviluppa una forte passione per la fotografia, nel 2010 questo interesse la porta a entrare nel programma Fabrica Creative Labs, il progetto finanziato da Benetton che permette a giovani creativi di sviluppare e sperimentare con il proprio mezzo artistico, in questo caso la fotografia. 
Non molto tempo dopo, Carolina comincia a collaborare con diversi magazine e vede i suoi lavori esposti in Triennale. 

Parallelamente alla fotografia, però, nasce un’altra passione che trova la sua dimensione in un brand nuovo e quasi futuristico che propone body sexy e sensuali, Fantabody

Così, le giornate di Carolina sono divise tra shooting fotografici, soprattutto per brand giovani e giovanili come Sunnei e diverse testate, da i-D a Vogue, e la cura dell’immagine del suo brand. 
Infatti, gli scatti e le campagne di Fantabody sono curati dalla stessa Carolina che riesce a presentare i suoi fantastici body attraverso immagini pulite e d’impatto in cui a risaltare è sempre la bellezza femminile in tutte le sue forme e sfaccettature. 

Qui sotto trovi alcuni dei suoi scatti, ma per non perderti i suoi prossimi lavori segui Carolina Amoretti su Instagram

La bellezza senza confini negli scatti di Carolina Amoretti
Photography
La bellezza senza confini negli scatti di Carolina Amoretti
La bellezza senza confini negli scatti di Carolina Amoretti
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Le fotografie surreali di Elia Pellegrini

Le fotografie surreali di Elia Pellegrini

Giulia Guido · 7 giorni fa · Photography

È impossibile circoscrivere il lavoro di Elia Pellegrini a una sola parola. 

Classe 1998, Elia ha cominciato il suo percorso artistico da giovanissimo, approcciandosi in primo luogo al mondo del disegno, soprattutto all’universo dei manga giapponesi. 

Da lì non si è mai fermato, dando libero sfogo alla sua vena creativa, senza mai porle dei limiti. Così ha cominciato a dipingere, per poi passare alla fotografia e decidere di fonderla con la grafica, ha iniziato anche a dedicarsi alla cinematografia, realizzando stupendi cortometraggi che potete trovare sul suo canale YouTube, e infine alla musica.

Sembra che nulla sia in grado di fermare Elia Pellegrini e forse è proprio questa voglia di fare, di cambiare, di sperimentare, che lo porta ogni volta a realizzare qualcosa di straordinario. 

Le fotografie surreali di Elia Pellegrini | Collater.al

Noi siamo stati catturati in particolar modo dai suoi scatti dall’atmosfera surreale. Si tratta di lavori in cui il confine tra fotografia e grafica si fa sempre più sottile e anche la cosa più assurda finisce per sembrarci normale. Tutto sembra possibile: un’enorme carcassa abbandonata tra due montagne, una sfera d’acqua che sorvola un paesaggio desertico. 

Siamo sicuri che sentiremo parlare di Elia ancora a lungo, ma per ora godetevi i suoi lavori qui sotto!  

Le fotografie surreali di Elia Pellegrini
Photography
Le fotografie surreali di Elia Pellegrini
Le fotografie surreali di Elia Pellegrini
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 6 giorni fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle. 
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @ariannaburattaph, @laurapasini3, @danielematteagi, @_slightlyoutoffocus_, @giorgia_congia, @__beauty_hunter__, @arianna_angelini, @francescaersilia1, @misterdrinkwine, @marina_bocchetti.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

View this post on Instagram

@giadaaapaaan 🌸 @_cassiopea__

A post shared by Arianna Buratta (@ariannaburattaph) on

View this post on Instagram

Kissed

A post shared by Beatrice Santangelo (@___beauty_hunter___) on

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm

Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm

Buddy · 4 giorni fa · Photography

Thatch Rchkm è un fotografo francese con base a Parigi, conosciuto su Instagram come thatch.rchkm.

Nei suoi scatti la luce ricopre sempre un ruolo fondamentale, che siano i neon delle insegne e le illuminazioni metropolitane, il calore intimo del bagliore di una camera da letto, o i chiarori serali di un cielo terso.

La luce accarezza lievemente i volti e le figure o li invade con violenza. Thatch sembra saperla usare alla perfezione: la usa per raccontare piccoli scorci di storie o descrivere i suoi soggetti, o la trasforma drammaticamente per creare un ambiente sempre diverso, crudo, surreale, poetico.

Seguitelo.

Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm | Collater.al

Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm
Photography
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm
Luci e ombre negli scatti di Thatch Rchkm
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14