Design ReActor, quando abitare una casa diventa una performance
Designarchitectureinstallation

ReActor, quando abitare una casa diventa una performance

-
Giulia Guido
ReActor | Collater.al

I progetti firmati Schweder + Shelley si pongono a metà tra architettura e installazione artistica, tanto da creare la serie di studi sperimentali Social Relationship Architecture. Tra i vari lavori c’è ReActor, una casa pensata per due persone e costruita in bilico su una colonna alta 4 metri e mezzo. La casa è stata costruita su una collina nel campo dell’Art Omi Architecture Field nello stato di New York.

L’abitazione ruota su sé stessa di 360° e si inclina come un’altalena in base ai movimenti degli inquilini, che per farla rimanere ferma devono rimanere ciascuno su un lato della casa. Quindi un luogo creato per due persone che però non possono realmente stare insieme.

Abitare questa casa diventa una vera e propria performance artistica, in cui i propri movimenti sono legati e condizionati dai movimenti dell’altro.

Questo esempio di architettura performativa pone domande sulla natura dello spazio sociale e sul modo in cui l’architettura possa influenzare il comportamento umano.

[vimeo]https://vimeo.com/206501427[/vimeo]

 

ReActor | Collater.al ReActor | Collater.al ReActor | Collater.al ReActor | Collater.al ReActor | Collater.al ReActor | Collater.al ReActor | Collater.al ReActor | Collater.al

Designarchitectureinstallation
Scritto da Giulia Guido
x
Ascolta su