Gli scatti di Sara Hini celebrano il corpo 

Gli scatti di Sara Hini celebrano il corpo 

Giulia Guido · 4 mesi fa · Photography

I corpi maschili e femminili, nella loro forma più pura e autentica, sono i soggetti al centro della ricerca artistica di Sara Hini

Sara Hini è una giovane e talentosa fotografa nata in Algeria e scappata dal suo paese a causa della guerra civile quando ancora era bambina. Dopo aver trascorso un breve periodo in Francia si è trasferita in Canada, precisamente a Montreal, dove tutt’oggi vive e lavora. 

La sua storia personale l’ha portata fin da giovane a sperimentare sulla propria pelle cosa significa sentirsi diversi e non a proprio agio con il proprio aspetto. È da questo sentimento che nascono i suoi scatti che sono una sorta di rivalsa, un simbolo di come la diversità sia unicità. 

È per questo che i principali soggetti delle sue fotografie sono i corpi, corpi di chi decide di mettersi a nudo e mostrarsi in tutta la propria unicità, con smagliature, cicatrici e chili in più. La nudità e la sessualità sono temi cardine della ricerca di Sara Hina e sono al centro anche del progetto che la giovane fotografa ha cominciato ormai 5 anni fa con l’amica e fotografa Cassandra Cacheiro. The Womanhood Project, questo il titolo, restituisce quelli che vengono definiti ritratti intimi che mostrano cosa significa essere e sentirsi donna. 

Noi abbiamo selezionato solo alcuni degli scatti di Sara Hini, ma seguitela su Instagram per scoprire tutti gli altri suoi lavori. 

Sara Hini
Sara Hini
Sara Hini
Sara Hini
Sara Hini
Gli scatti di Sara Hini celebrano il corpo 
Photography
Gli scatti di Sara Hini celebrano il corpo 
Gli scatti di Sara Hini celebrano il corpo 
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
Fausto Serafini convive con la fotografia

Fausto Serafini convive con la fotografia

Tommaso Berra · 4 mesi fa · Photography

Il legame tra Fausto Serafini e la fotografia inizia 10 anni fa, dal bisogno cercare qualcosa che rappresentasse a pieno l’identità e lo spirito dell’artista. La vita notturna vissuta nel locale che gestiva all’epoca portava stress, da sfogare alla domenica in montagna o campagna, scattando foto che creavano una bolla dove non sentire il peso della quotidianità.
È una collega a fornire le prime basi per approcciarsi all’arte della fotografia, dodiché inizia un percorso da autodidatta, partendo da un background musicali e cinematografico coltivato negli anni. Fausto Serafini inizia semplicemente a rappresentare la realtà, lasciando intatte le foto e i set, per uno stile che l’artista definisce come “vero e punk“.

L’ossessione per il realismo ha reso fin da subito necessario un rapporto di confidenza, che prevedeva il passare del tempo insieme ai soggetti da fotografare. Serafini ha iniziato quindi a definire un metodo ben codificato, importantissimo per il risultato finale e che prevede spesso che il primo giorno quasi non si scatti. Le parole creano un legame tra fotografo e soggetto, in quelle che l’artista definisce come “convivenze”, diventate sempre più lunghe, per le quali prevedere sempre solo il biglietto di andata, per concentrarsi sul lavoro e poi salutarsi.
Questo metodo di lavoro lo amo particolarmente perché permette di creare anche connessioni umane (che ultimamente scarseggiano) molto forti, con metà dei soggetti ci si sente spesso e si resta amici e ci si confida. Stringere rapporti mi ha fatto cambiare molto ottica su cosa cerco da un’immagine” racconta a Collater.al Serafini.


È la voglia di tirar fuori il più possibile da pochi soggetti che rende così solida la ricerca del fotografo. Per questo ora sta provando a lavorare anche con un numero ridotto di muse, una di queste è la sua compagna Francesca, ora sua unica musa, protagonista di questa serie fotografica, risultato della loro prima convivenza alla quale è seguita una seconda e una terza, tutt’ora in corso.

Fausto Serafini | Collater.al
Fausto Serafini | Collater.al
Fausto Serafini | Collater.al
Fausto Serafini | Collater.al
Fausto Serafini | Collater.al
Fausto Serafini | Collater.al
Fausto Serafini | Collater.al
Fausto Serafini | Collater.al
Fausto Serafini | Collater.al
Fausto Serafini convive con la fotografia
Photography
Fausto Serafini convive con la fotografia
Fausto Serafini convive con la fotografia
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 4 mesi fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle. 
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @saracamporesi.it, @francescaersilia1, @lagiuliaph, @alko_imagine, @teresa_scafa, @dini_alessandro96, @luciaaaaahh.jpg, @ele.naus, @johnnyspaion, @giorgia_re89.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Paesaggio fontanesi a Liquida PhotoFestival

Paesaggio fontanesi a Liquida PhotoFestival

Tommaso Berra · 3 mesi fa · Photography

Manca poco più di un mese all’inaugurazione di Liquida PhotoFestival, il festival di fotografia che avrà luogo a Torino negli spazi dell’ARTiglieria Con/temporary Art Center. Tra i progetti che interpreteranno il tema “Look Beyond” c’è Paesaggio fontanesi, nuova opera dell’artista famoso per il suo lavoro sulla frammentazione enigmatica e inusuale delle immagini. L’opera è curata dal collettivo Kublaiklan, realtà che esplora il linguaggio della fotografia partendo da una continua riflessione sul ruolo delle immagini come linguaggi in continuo cambiamento, capaci di influenzare e decretare il modo in cui raccontiamo l’epoca nella quale viviamo, non solo quella artistica.

Il fontanesi che troveranno gli ospiti di Liquida PhotoFestival è un artista cresciuto, che apre parentesi di riflessione abbandonando per un momento l’approccio ludico all’immagine fotografica, a favore di un altro più contemplativo e analitico. Serve conoscere ciò che sta cambiando, a maggior ragione se tra queste cose ci siamo noi stessi, protagonisti di un racconto frammentato reso in immagine attraverso lo stile riconoscibile dell’artista.
Con Paesaggio fontanesi si entra nel dettaglio di quella che è una natura poliforme, per questo sconosciuta e da definire come paesaggio visivo e esperienziale. La sperimentazine fotografica aiuta così a immaginare nuovi mondi, risultati di infinite potenzialità che emergono dall’incontro tra le immagini e chi le guarda. Il reale, rappresentato per immagini, diventa parte di un mondo non immediato come spesso la fotografia vuole far credere.

L’allestimento inedito, studiato per le peculiarità del cortile interno dell’ex Accademia
Artiglieria di Torino, porterà i visitatori all’interno del mondo fontanesi, nel futuro che è visto come luogo sicuro.

Paesaggio fontanesi a Liquida PhotoFestival
Photography
Paesaggio fontanesi a Liquida PhotoFestival
Paesaggio fontanesi a Liquida PhotoFestival
1 · 1
Le stranezze del deserto negli scatti di Vaughn Meadows

Le stranezze del deserto negli scatti di Vaughn Meadows

Giulia Guido · 3 mesi fa · Photography

Il deserto non è solo un’infinita distesa di sabbia, e Vaughn Meadows.
Classe 1998, Vaughn Meadows è un giovane fotografo nato a Fairfax, nello Stato della Virginia, ma la sua passione per paesaggi e scenari più desolati lo ha portato a esplorare in lungo e in largo il sud-ovest degli Stati Uniti, fermandosi qualche centinaio di chilometri prima della costa californiana. 

È qui, al confine tra la California e l’Arizona, che è nata la serie fotografia dal titolo Desert Oddities. Come dice il titolo, l’occhio di Vaughn Meadows si sofferma su tutte quelle stranezze che si possono trovare in un paesaggio desertico. 

Installazioni artistiche dimenticate, edifici abbandonati, misteriosi specchi d’acqua. I soggetti delle fotografie sono la testimonianza della presenza dell’uomo in quest’area, una presenza passata che ora non c’è più. 

Questo stato di degrado crea un contrasto con i colori caldi e quasi pastello degli scatti, che rendono il tutto più onirico e magico. 

Noi abbiamo selezionato solo alcuni scatti della serie Desert Oddities, ma seguite su Instagram Vaughn Meadows per non perdere tutti i suoi lavori e visitate il suo shop su OpenSea per acquistare un suo scatto in NFT. 

Vaughn Meadows
Vaughn Meadows
Vaughn Meadows
Vaughn Meadows
Vaughn Meadows
Vaughn Meadows
Le stranezze del deserto negli scatti di Vaughn Meadows
Photography
Le stranezze del deserto negli scatti di Vaughn Meadows
Le stranezze del deserto negli scatti di Vaughn Meadows
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Altri articoli che consigliamo