IT’S FOREVER, le sneakers gioiello di Urban Cromos

IT’S FOREVER, le sneakers gioiello di Urban Cromos

Giulia Pacciardi · 11 mesi fa · Style

Urban Cromos, la nuova realtà di street jewelry nata dalle mani di Matteo Riboni e Matteo Citarella, ha lanciato una nuova linea dedicata a uno degli items più amati e popolari degli ultimi anni, le sneakers.

Il primo drop è composto da due modelli storici firmati Nike, le Air Jordan 1 e le Air Max 1, entrambe realizzate in argento925 per essere indossate come collane o orecchini.
La collezione, destinata ad ampliarsi, trova il suo focus solo su silhouettes iconiche e rivoluzionarie, quelle che, in qualche modo, hanno cambiato il modo di concepire e indossare le sneakers.

Anche la loro confezione rimane fedele a quella originale, ricorda infatti una shoebox fatta però di glebanite. 

Sneakerhead, se cercavate un altro modo per indossare la vostra fissazione preferita l’avete trovata qui.

IT’S FOREVER, le sneakers gioiello di Urban Cromos
Style
IT’S FOREVER, le sneakers gioiello di Urban Cromos
IT’S FOREVER, le sneakers gioiello di Urban Cromos
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
I personaggi di RadaRada, come nasce un immaginario

I personaggi di RadaRada, come nasce un immaginario

Claudia Fuggetti · 11 mesi fa · Photography, Style

RadaRada è il nome di un brand inglese e di un immaginario che si è costituito in maniera naturale, spontanea. I nomi dietro al progetto sono quelli di Paolo Mura e del fotografo di Rozzano Any Okolie, insieme hanno dato vita a “RadaRada”, una parola nuova, che non esiste, ma che allo stesso tempo può significare tutto.

Come racconta Paul Strong:

“Ho avuto la fortuna di viaggiare un po’, ci sono state persone, momenti e cose casuali da cui ho tratto ispirazione. L’ispirazione può derivare da ciò che indossa un vecchio venditore ambulante di Hong Kong, dal taglio della camicia, dai colori della frutta che ti vendono. Prendo questi momenti casuali e li rielaboro nella mia collezione in un’ode a queste esperienze”.

Paolo e Any hanno coinvolto i loro amici più cari nel progetto e sulla base delle loro personalities hanno realizzato un vero e proprio lavoro dalla forte impronta visuale.

Esplora RadaRada qui sotto, dove troverai anche un video:

I personaggi di RadaRada, come nasce un immaginario | Collater.al
I personaggi di RadaRada, come nasce un immaginario | Collater.al 9 20

Si ringraziano i modelli Imy, Mattia, Orsola e Ruben.

I personaggi di RadaRada, come nasce un immaginario
Photography
I personaggi di RadaRada, come nasce un immaginario
I personaggi di RadaRada, come nasce un immaginario
1 · 37
2 · 37
3 · 37
4 · 37
5 · 37
6 · 37
7 · 37
8 · 37
9 · 37
10 · 37
11 · 37
12 · 37
13 · 37
14 · 37
15 · 37
16 · 37
17 · 37
18 · 37
19 · 37
20 · 37
21 · 37
22 · 37
23 · 37
24 · 37
25 · 37
26 · 37
27 · 37
28 · 37
29 · 37
30 · 37
31 · 37
32 · 37
33 · 37
34 · 37
35 · 37
36 · 37
37 · 37
First of the Roll, la bellezza casuale delle foto bruciate

First of the Roll, la bellezza casuale delle foto bruciate

Giulia Guido · 11 mesi fa · Photography

Quelli della mia generazione forse se lo ricordano ancora, i più giovani molto probabilmente no, come si carica una macchina fotografica analogica, come maneggiare un rullino. Fare una foto era anche quello, erano tutti i gesti che precedevano il click. La regola d’oro era una, ovvero fare uno o due scatti a vuoto, scatti che non avremmo mai sviluppato, frammenti di realtà letteralmente bruciati, incompleti. 

Qualcuno però ha pensato di prendere tutti questi primi scatti “sbagliati” e raccoglierli nell’account Instagram First of the Roll, la cui bio cita giustamente “Account dedicated to the first frame of a 35mm roll.

First of the Roll, la bellezza casuale delle foto bruciate
Photography
First of the Roll, la bellezza casuale delle foto bruciate
First of the Roll, la bellezza casuale delle foto bruciate
1 · 3
2 · 3
3 · 3
Inception of Desire, gli oggetti quotidiani diventano arte concettuale

Inception of Desire, gli oggetti quotidiani diventano arte concettuale

Giulia Guido · 11 mesi fa · Photography

Un portafoglio, un computer, un cartone delle patatine del McDonald’s. Con la serie di foto intitolata Inception of Desire, la fotografa coreana Claire Lee ha preso degli oggetti di uso quotidiano e li ha fatti diventare dei pezzi d’arte. Giocando con sfondi dello stesso tono degli oggetti, con le luci e le ombre e, soprattutto, con le forme e le linee, Claire sembra essere riuscita a nobilitare cose di comune utilizzo, che tutti abbiamo. 

Non  la prima volta che la fotografa del 1993 lavora con questi soggetti, anche nella precedente serie Domestic Calculus aveva immortalato un libro, un pennello, un bicchiere, insomma niente di straordinario. 

La bravura e il talento di Claire è quello di vedere in qualcosa di accessibile a tutti degli aspetti nuovi, inediti e sorprendentemente belli e di riuscire a catturarli in uno scatto. 

Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire Claire Lee | Collater.al
Inception of Desire, gli oggetti quotidiani diventano arte concettuale
Photography
Inception of Desire, gli oggetti quotidiani diventano arte concettuale
Inception of Desire, gli oggetti quotidiani diventano arte concettuale
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Romance, innamorarsi secondo Jean Pierrot

Romance, innamorarsi secondo Jean Pierrot

Claudia Fuggetti · 11 mesi fa · Photography

Di cosa parla il libro fotografico d’esordio del fotografo sloveno Jean Pierrot? Romance, questo il titolo del progetto, rappresenta una riflessione visiva sul tema dell’innamoramento con una poetica estetizzante e nostalgica.

Le analogiche di Jean rappresentano sensuali ritratti e delicati primi piani che hanno il compito di “demistificare un processo intimo che tutti inconsapevolmente intraprendiamo almeno una volta“, ovvero l’essere innamorati. Nonostante il suo lavoro sia molto estetico, l’artista cerca in qualche modo di avvicinarsi a dare una spiegazione razionale a ciò che, semplicemente, non può essere del tutto suddiviso e sezionato in modo analitico.

È possibile acquistare qui la pubblicazione autoprodotta di Romance.

Romance, innamorarsi secondo Jean Pierrot | Collater.al
Romance, innamorarsi secondo Jean Pierrot
Photography
Romance, innamorarsi secondo Jean Pierrot
Romance, innamorarsi secondo Jean Pierrot
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Altri articoli che consigliamo