Ulay oltre Marina

Ulay oltre Marina

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

Sono pochi coloro che conoscono Ulay, all’anagrafe Frank Uwe Laysiepen, per la sua arte e non solo per il suo rapporto, sia personale che artistico, con la più nota Marina Abramović.
I due infatti, dal primo incontro nel 1976 fino all’indimenticabile addio avvenuto dopo una lunga passeggiata sulla Muraglia Cinese nel 1988, hanno dato vita a performance artistiche che hanno turbato e toccato il mondo intero.
I Relations Works sono forse i più famosi, una serie di performance artistiche durante le quali la coppia ha indagato i limiti del corpo e della mente ma anche il tema della relazione uomo-donna.

Ma prima e dopo l’incontro con quella che più volte definirà essere la sua musa, Ulay ha portato avanti una sua vita artistica incentrata sulla fotografia e sulle live performance.
Con la prima, soprattutto analogica o con l’uso artistico della Polaroid, ha intrapreso una ricerca basata sui concetti di identità e corpo, documentando la cultura di travestiti e transessuali e ricevendo il primo grande riconoscimento nel 1974.
In quell’anno, infatti, realizza per due galleristi di Amsterdam Renais Sense e con loro fonda la De Appel Foundation.
Tutte le sue opere di quel periodo sono strettamente legate al concetto di sensibilità femminile che, dopo un processo di sperimentazione, scopre di avere in prima persona, e sulla rappresentazione dell’androginia.

Nel 1976, anno in cui incontra la Abramović, è il tempo di Fototot e di There is a Criminal Touch to Art e la sua arte si fa incredibilmente più radicale.
Il secondo lavoro, che ancora firma singolarmente, è una performance realizzata in una galleria di Berlino alla quale rubò un dipinto d Carl Spitzweg, pittore preferito di Adolf Hitler, per trasferirlo all’interno di una casa di poveri immigrati turchi.
Un lavoro importante nella vita dell’artista che sottolinea anche il suo rapporto fortemente conflittuale con le sue origini tedesche.

I 10 anni successivi sono costellati dalle performance dai Relations Works realizzati con l’artista serba naturalizzata statunitense, di cui alcuni avvenuti in Italia come Relation in Space alla Biennale di Venezia, Relation in Time presso la Galleria Studio G7 di Bologna e Imponderabilia, proposta alla Galleria d’arte moderna di Bologna.

Relation in Space

Dopo la separazione, avvenuta durante la performance The Wall Walk in China nel 1988, i due si sono più volte incontrati in aule di tribunali per i diritti d’autore delle loro opere, chiudendo per sempre il loro sodalizio artistico.

È da quella data che Ulay ricomincia il suo percorso in solitaria, concentrando tutto il suo lavoro sul mezzo fotografico e su alcuni esperimenti innovativi come i Fotogrammi e i Polagrammi.
In questo periodo dà vita a Polagram, creato tra il 1990 e il 1993, e qualche anno più tardi a Earth Water Catalogue, un lavoro atto a porre l’attenzione sullo spreco delle risorse idriche.

Nonostante la varietà dei temi affrontati, Ulay non ha mai perso di vista la questione dell’identità, tema fondamentale per tutta la sua sperimentazione artistica, e nel 2015 espone Anagrammatic Bodies, un progetto legato ai collage fotografici degli anni ’70, in cui riduce in frammenti la propria immagine andandola a mixare con quella di modelle e attrici.

Nel 2011 gli viene diagnosticato il cancro e, come cura, sceglie ancora l’arte, mezzo che gli ha permesso anche di conoscere il suo corpo e sopportare dure sofferenze fisiche e mentali.
In questo periodo di cure decide di iniziare un nuovo progetto a fianco del regista Damjan Kozole, il documentario Project Cancer.

Per lui girerà il mondo ripercorrendo tramite i luoghi i momenti chiave della sua esistenza, compiendo l’ennesimo esperimento sul suo stesso corpo:

“Nel picco della mia carriera ho trattato molto male il mio corpo con azioni masochistiche, auto-aggressive, ferendomi da solo. Tre anni fa ho scoperto di avere un cancro. Ma non aveva nulla a che fare col mio lavoro: le mie performances del passato, anzi, mi hanno insegnato che la mente deve essere più potente del corpo”

Una vita, quella di Ulay, molto più lunga dei 10 anni passati con l’ex partner Marina Abramović ma che, troppo spesso, è stata ridotta a quello, riducendo anche la sua importanza nella storia mondiale dell’arte performativa.

Ulay oltre Marina
Art
Ulay oltre Marina
Ulay oltre Marina
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale

Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Photography

Fino a che punto e con quanta intensità si può istaurare un rapporto intimo con la natura? Gli scatti di Davide Ambroggio sono la testimonianza dell’abbandono di un corpo all’ordine della natura. Pelle punta da fili di erba alta e selvaggia, mentre il sole brucia le piante e diventa custode di un equilibrio che si sta ricostruendo.
Gli occhi di Alessandra sono nudi come il suo corpo, guardano il terreno che non ha certezze, se non nell’immagine simbolica di un pontile che conduce verso rovi irti. La serie di scatti di Davide Ambroggio ha un momento centrale in cui lo sguardo si alza a livello dell’orizzonte, e più definitivamente in una tensione spirituale che tende all’altezza del cielo.
Le fotografie di questa serie sono un racconto erotico di adattamento dell’uomo alla natura, prima al sole, alla terra e infine all’acqua, che negli ultimi scatti accoglie e conserva un segreto ancestrale.

Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al

Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale
Photography
Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale
Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13
Le braccia conserte di Edoardo Lavagno

Le braccia conserte di Edoardo Lavagno

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Photography

Le labbra semichiuse e il gelo negli occhi lasciano nell’aria parole non dette, discorsi lasciati in sospeso e soffocati dalle pose dei corpi nudi. Le spalle chiuse e le braccia strette che si attorcigliano al corpo come radici.
Gli scatti di Edoardo Lavagno ritraggono donne molto differenti tra loro, ma sembrano frame di uno stesso film biografico. La delicatezza di una mano che proietta sulle lenzuola un’ombra che ha la sagoma di un sogno misterioso, in cui c’è un riservato erotismo che non straborda dalla riservatezza emotiva.
Le pareti delle case sono lo sfondo degli scatti, limiti fisici che vigilano e proteggono la ricerca di una libertà di espressione.
C’è sempre una finestra che fa compagnia alle donne ritratte da Edoardo Lavagno, una presenza di luce che sottolinea i corpi e ne definisce il calore, sia negli scatti a colore che in quelli in bianco e nero.

Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Le braccia conserte di Edoardo Lavagno
Photography
Le braccia conserte di Edoardo Lavagno
Le braccia conserte di Edoardo Lavagno
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Tommaso Berra · 7 giorni fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle.
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @my_perfect_little_world, @valerycia, @obsessive.ph0t0graphy, @the_rain_coyote, @albachiara.fotografie, @reportageofmylife, @laura.mangelli, @missgherard, @_gary0104, @yehorova.photo.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky

Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky

Giulia Guido · 2 settimane fa · Photography

Il mondo non è solo bianco o solo nero, non è neanche di diverse sfumature di grigio. Il mondo è multicolore, basta avere l’occhio giusto per accorgersene. Ilanna Barkusky sembra averlo e sembra avere anche il talento di catturarlo in scatti aerei che uniscono sport ed estetica. 

Ilanna Barkusky è una giovane fotografa nata in Canada, a Vancouver, che oggi vive e lavora a Los Angeles. La passione di Ilanna che è diventata anche il campo in cui si è specializzata come fotografa è lo sport. Fin da piccola si è dedicata a diversi sport, sia praticandoli e poi cominciando a seguirli munita di macchina fotografica. 

L’obiettivo del suo lavoro è quello di catturare un momento irripetibile, un gesto o una posizione del corpo quasi impossibili da vedere a occhio nudo.
Ciò che però caratterizza il suo lavoro, in particolare la serie dal titolo “Colour Series”, è proprio l’attenzione ai colori. 

Prima di scattare, Ilanna Barkusky fa una lunga ricerca su Google Earth di campi e piste dipinti da urban artist che diventano sfondi multicolor ai suoi scatti realizzati con il drone e sempre alla stessa ora del giorno. 

Ilanna Barkusky
Ilanna Barkusky
Ilanna Barkusky
Ilanna Barkusky
Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky
Photography
Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky
Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7