Art This or That – Pamcoc
Artart

This or That – Pamcoc

-
admin
Pamcoc | Collater.al

Pamela Cocconi, in arte PAMCOC, disegna da quando ne ha memoria: la sua passione per l’illustrazione è nata alle elementari, sfogliando l’enciclopedia ereditata dal suo babbo. 

L’analogico è da sempre la sua forma d’espressione preferita e le sue composizioni (esclusivamente materiche) sono riprodotte con un tratto bianco e nero, diretto e spontaneo proprio come lei. “Quando desideriamo fortemente qualcosa siamo più aperti a metterci in gioco, vulnerabili, ma allo stesso tempo spavaldi. Ed è grazie ai nostri desideri che si aprono mondi tutti da scoprire.” dice l’artista per raccontare la sua arte.
Le illustrazioni di Pamcoc sembrano uscire direttamente dai suoi pensieri: senza filtri ma con un messaggio ben preciso. Una serie di tematiche sulle quali ci si ritrova poi inevitabilmente a riflettere, soffermandosi all’esaltazione dello sbaglio. Ingenuità, gaffe e verità sono quindi i tre ingredienti distintivi ed imprescindibili che fanno parte della sua essenza urlante e senza freni. Un’instabile e piacevole creatività riversata in tutti i suoi inarrestabili disegni e testi contraddistinti da una padronanza linguistica disarmante. (Merito della settimana enigmistica? Chi lo sa!)

Il lavoro di Pamcoc è quindi un perenne flusso di coscienza visivo spontaneo che porta alla luce qualsiasi cosa, dai pensieri più complessi alle cose più spicciole. “Da grandi mettiamo da parte gli aspetti ludici dell’esistenza e ci prendiamo troppo sul serio. Proprio per questo io preferisco trattare i progetti creativi senza filtri, combinando testi e illustrazioni con la stesso brio di quando ero ancora una bimba.” La sua recente installazione “BUCATO” si rifà a una celebre poesia di Ungaretti, da interpretare in modo personale. Siamo appesi ad un filo? Stiamo aspettando qualcuno o qualcosa? Stiamo prendendo il sole? Stiamo profumando l’aria di sapone di Marsiglia? Ci facciamo cullare dal vento?
Non c’è una risposta giusta, ma nel frattempo il filo del bucato diventa la metafora di un flusso di coscienza visivo spontaneo.”

BUCATO
Si sta come
d’estate
sui fili
i panni stesi
.

Collater.al, insieme a BRILLO Magazine ha intervistato Pamcoc, chiedendole di schierarsi in quello che è utopicamente un mondo in cui sembra sempre ci siano solo due elementi in contrasto tra i quali scegliere. This or That?

Mezzogiorno o mezzanotte?
Mezzanotte

Biennale o musei vaticani?
Biennale

Coca Cola o Pepsi?
Coca Cola

Easy Rider o Fast and Furious?
Easy Rider

Batman o Spiderman?
Batman

Invasione zombie o invasione aliena?
Invasione aliena

Chiamata o messaggio?
Messaggio

Nostalgia o immaginazione?
Immaginazione

Biro blu o biro nera?
Nera

Foglio da disegno o pezzo di carta trovato per caso?
Pezzo di carta trovato per caso

Corsivo o stampatello?
Stampatello

Urlare o sussurrare?
Urlare

Essere mangiati da uno squalo o da una tigre?
Tigre

Volare o leggere nella mente?
Volare

Pieno o vuoto?
Vuoto

NY o LA?
NY

00s o ’10?
00

Gen Z o Millennials?
Millennials

Instagram o TikTok?
Instagram

Apple o Samsung?
Apple

Bates Motel o Overlook Hotel?
Overlook Hotel

Pietra o ferro?
Ferro

Mozart o Metallica?
Metallica

Angelo o diavolo?
Diavolo

Federer o Nadal?
Federer

Legge o anarchia?
Anarchia

’70s or ’90s?
90s

Casa d’asta o crypto art?
Casa d’asta

Vincere un Oscar o un Grammy?
Grammy

Partecipare a Squid Game o agli Hunger Games?
Hunger Games

Avere un sosia o un cane parlante?
Cane parlante

Tè o caffè?
Caffè

Inverno o estate?
Estate

Suv o macchina sportiva?
Suv

Viaggio con van VolksWagen o hotel all inclusive?
Van

Cucina o Deliveroo?
Cucina

Svegliarsi presto o andare a letto tardi?
Andare a letto tardi

Testo Collater.al e BRILLO Magazine

Artart
Scritto da admin
x
Ascolta su