Wave, un’onda gigantesca nel centro di Seoul

Wave, un’onda gigantesca nel centro di Seoul

Emanuele D'Angelo · 2 settimane fa · Design

L’area Gangnam-Gu di Seoul è la versione coreana della famosa Times Square.
Qui, sulle pareti di grandi edifici sono stati installati schermi a LED di grandi dimensioni che per 18 ore al giorno passano pubblicità.
Uno dei più noti nella città coreana di Seoul è il COEX artium. Un display enorme che misura 80 metri di larghezza e 23 metri di altezza che avvolge l’edificio e mette in mostra i contenuti che stanno guadagnando popolarità a livello mondiale.

Per questo schermo, d’strict, uno studio di design coreano, ha creato un’esperienza incentrata sull’utente, creando una proiezione di illusione anamorfica opportunamente titolata “Wave”.
Un’onda vera e propria che viene proiettata su schermi giganteschi e che si scaglia contro il vetro facendo spaventare i passanti, come se l’onda li inghiottisse veramente.

Sicuramente una pubblicità non per i deboli di cuore, quest’onda è impressionante sia nella sua tecnicità che nel suo impatto.
Dal video, sembra che la forza dell’acqua stia per rompere il vetro e inondare le strade un po’ vuote. L’installazione infine si completa con un audio che genera un’esperienza coinvolgente.

Wave, un’onda gigantesca nel centro di Seoul
Design
Wave, un’onda gigantesca nel centro di Seoul
Wave, un’onda gigantesca nel centro di Seoul
1 · 2
2 · 2
“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente

“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente

Emanuele D'Angelo · 2 settimane fa · Design, Design

È tornato e ancora una volta Vincent Leroy ci ha stupito.
Dopo Tokyo, adesso il designer francese ha fatto ritorno nella sua città con la sua ultima installazione “Slow lens”.
Ha creato una tenda di lenti che si muove costantemente su se stessa di fronte al celebre museo Louvre

L’architetto francese è noto per i lavori con gli specchi, questo progetto intende offrire allo spettatore una “immersione dislocata della realtà e una contemplazione astratta“. Astraendo e frammentando l’architettura esistente, la ricompone in una sorta di rete. Ancora una volta ci ha regalato un’installazione d’arte dinamica che offre una prospettiva alternativa di Parigi.  

La materialità e il design rendono l’installazione leggera e fluida, quasi volatile. Le lenti rompono mutano il paesaggio circostante, deformando l’aspetto del simbolo iconico della città. L’installazione genera un effetto visivo di distorsione ripetitiva che cattura l’attenzione dei visitatori.  

Slow lens” funge da filtro tra la realtà e le persone, offrendo un’esperienza onirica. Le lenti creano uno scenario sfocato che diventa un gioco enigmatico e intrigante, di notte, le luci circostanti vengono diffratte nelle lenti, facendole apparire distaccate dal mondo reale.
Inoltre per arricchire l’installazione il musicista Jérôme Echenoz ha creato un’opera sonora intorno all’installazione che assomiglia a loop di onde elettroniche.

“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente
Design
“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente
“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente
1 · 410
2 · 410
3 · 410
4 · 410
5 · 410
6 · 410
7 · 410
8 · 410
9 · 410
10 · 410
11 · 410
12 · 410
13 · 410
14 · 410
15 · 410
16 · 410
17 · 410
18 · 410
19 · 410
20 · 410
21 · 410
22 · 410
23 · 410
24 · 410
25 · 410
26 · 410
27 · 410
28 · 410
29 · 410
30 · 410
31 · 410
32 · 410
33 · 410
34 · 410
35 · 410
36 · 410
37 · 410
38 · 410
39 · 410
40 · 410
41 · 410
42 · 410
43 · 410
44 · 410
45 · 410
46 · 410
47 · 410
48 · 410
49 · 410
50 · 410
51 · 410
52 · 410
53 · 410
54 · 410
55 · 410
56 · 410
57 · 410
58 · 410
59 · 410
60 · 410
61 · 410
62 · 410
63 · 410
64 · 410
65 · 410
66 · 410
67 · 410
68 · 410
69 · 410
70 · 410
71 · 410
72 · 410
73 · 410
74 · 410
75 · 410
76 · 410
77 · 410
78 · 410
79 · 410
80 · 410
81 · 410
82 · 410
83 · 410
84 · 410
85 · 410
86 · 410
87 · 410
88 · 410
89 · 410
90 · 410
91 · 410
92 · 410
93 · 410
94 · 410
95 · 410
96 · 410
97 · 410
98 · 410
99 · 410
100 · 410
101 · 410
102 · 410
103 · 410
104 · 410
105 · 410
106 · 410
107 · 410
108 · 410
109 · 410
110 · 410
111 · 410
112 · 410
113 · 410
114 · 410
115 · 410
116 · 410
117 · 410
118 · 410
119 · 410
120 · 410
121 · 410
122 · 410
123 · 410
124 · 410
125 · 410
126 · 410
127 · 410
128 · 410
129 · 410
130 · 410
131 · 410
132 · 410
133 · 410
134 · 410
135 · 410
136 · 410
137 · 410
138 · 410
139 · 410
140 · 410
141 · 410
142 · 410
143 · 410
144 · 410
145 · 410
146 · 410
147 · 410
148 · 410
149 · 410
150 · 410
151 · 410
152 · 410
153 · 410
154 · 410
155 · 410
156 · 410
157 · 410
158 · 410
159 · 410
160 · 410
161 · 410
162 · 410
163 · 410
164 · 410
165 · 410
166 · 410
167 · 410
168 · 410
169 · 410
170 · 410
171 · 410
172 · 410
173 · 410
174 · 410
175 · 410
176 · 410
177 · 410
178 · 410
179 · 410
180 · 410
181 · 410
182 · 410
183 · 410
184 · 410
185 · 410
186 · 410
187 · 410
188 · 410
189 · 410
190 · 410
191 · 410
192 · 410
193 · 410
194 · 410
195 · 410
196 · 410
197 · 410
198 · 410
199 · 410
200 · 410
201 · 410
202 · 410
203 · 410
204 · 410
205 · 410
206 · 410
207 · 410
208 · 410
209 · 410
210 · 410
211 · 410
212 · 410
213 · 410
214 · 410
215 · 410
216 · 410
217 · 410
218 · 410
219 · 410
220 · 410
221 · 410
222 · 410
223 · 410
224 · 410
225 · 410
226 · 410
227 · 410
228 · 410
229 · 410
230 · 410
231 · 410
232 · 410
233 · 410
234 · 410
235 · 410
236 · 410
237 · 410
238 · 410
239 · 410
240 · 410
241 · 410
242 · 410
243 · 410
244 · 410
245 · 410
246 · 410
247 · 410
248 · 410
249 · 410
250 · 410
251 · 410
252 · 410
253 · 410
254 · 410
255 · 410
256 · 410
257 · 410
258 · 410
259 · 410
260 · 410
261 · 410
262 · 410
263 · 410
264 · 410
265 · 410
266 · 410
267 · 410
268 · 410
269 · 410
270 · 410
271 · 410
272 · 410
273 · 410
274 · 410
275 · 410
276 · 410
277 · 410
278 · 410
279 · 410
280 · 410
281 · 410
282 · 410
283 · 410
284 · 410
285 · 410
286 · 410
287 · 410
288 · 410
289 · 410
290 · 410
291 · 410
292 · 410
293 · 410
294 · 410
295 · 410
296 · 410
297 · 410
298 · 410
299 · 410
300 · 410
301 · 410
302 · 410
303 · 410
304 · 410
305 · 410
306 · 410
307 · 410
308 · 410
309 · 410
310 · 410
311 · 410
312 · 410
313 · 410
314 · 410
315 · 410
316 · 410
317 · 410
318 · 410
319 · 410
320 · 410
321 · 410
322 · 410
323 · 410
324 · 410
325 · 410
326 · 410
327 · 410
328 · 410
329 · 410
330 · 410
331 · 410
332 · 410
333 · 410
334 · 410
335 · 410
336 · 410
337 · 410
338 · 410
339 · 410
340 · 410
341 · 410
342 · 410
343 · 410
344 · 410
345 · 410
346 · 410
347 · 410
348 · 410
349 · 410
350 · 410
351 · 410
352 · 410
353 · 410
354 · 410
355 · 410
356 · 410
357 · 410
358 · 410
359 · 410
360 · 410
361 · 410
362 · 410
363 · 410
364 · 410
365 · 410
366 · 410
367 · 410
368 · 410
369 · 410
370 · 410
371 · 410
372 · 410
373 · 410
374 · 410
375 · 410
376 · 410
377 · 410
378 · 410
379 · 410
380 · 410
381 · 410
382 · 410
383 · 410
384 · 410
385 · 410
386 · 410
387 · 410
388 · 410
389 · 410
390 · 410
391 · 410
392 · 410
393 · 410
394 · 410
395 · 410
396 · 410
397 · 410
398 · 410
399 · 410
400 · 410
401 · 410
402 · 410
403 · 410
404 · 410
405 · 410
406 · 410
407 · 410
408 · 410
409 · 410
410 · 410
Cats’ Pink House, la casa rosa di KC Design Studio

Cats’ Pink House, la casa rosa di KC Design Studio

Giulia Guido · 2 settimane fa · Design

Come si può intuire dal nome, la Cats’ Pink House pensata dal KC Studio è una residenza progettata per essere la perfetta abitazione per una famiglia e i suoi piccoli amici felini. Ebbene sì, ogni stanza, ogni spazio e ogni oggetto d’arredo è stato ideato in funzione all’utilizzo che ne avrebbero fatto sia le persone, sia i gatti. 

La Cats’ Pink House si trova in una località marittima di Taiwn e si sviluppa su tre piani. Il primo ospita il soggiorno e la sala da pranzo, diventato lo spazio perfetto per ospiti e invitati. Il secondo piano, invece, è dedicato alla zona notte, con la camera da letto, il bagno e, ovviamente, la stanza per i gatti. 

La particolarità di questi due livelli è la presenza del colore rosa. Quasi ogni superficie e ogni mobile è di un color rosa pallido, non troppo invadente, ma che sicuramente non passa inosservato. Dai tavoli ai banconi, dagli armadietti alle poltrone, anche le finiture sono ricoperte in metallo color oro rosa. 

Salendo si passa al terzo piano, più sobrio da un punto di vista cromatico, ma che ripresenta le stesse linee sinuose e le stesse forme presenti ai livelli superiori. Se qui, però, il rosa non è più il protagonista assoluta, torna in grande quantità nelle aree esterne della casa, dal cortile al campo da basket. 

La Cats’ Pink House è un esempio di design divertente e funzionale, che fonde la bellezza estetica con le esigenze di tutti gli spazi della casa. 

Cats’ Pink House, la casa rosa di KC Design Studio
Design
Cats’ Pink House, la casa rosa di KC Design Studio
Cats’ Pink House, la casa rosa di KC Design Studio
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
L’edificio di vetro progettato da Ov-a Architekti

L’edificio di vetro progettato da Ov-a Architekti

Giulia Guido · 2 settimane fa · Design

Nella piccola cittadina ceca di Nový Bor, tra due edifici storici del XIX secolo, lo studio praghese Ov-a Architekti ha progettato la sede dei nuovi uffici della Lasvit, azienda specializzata nella produzione di vetro. Per un cliente così particolare, il team di architetti ha pensato immediatamente a un edificio che rispecchiasse in tutto l’anima della Lasvit. Per questo motivo, da qualche mese, tra quesi due edifici dallo stile tradizionale caratterizzati da un abbondante uso di legno, se ne trova uno interamente realizzato in vetro.

Realizzate proprio dalla stessa Lasvit, le 1.400 piastrelle in vetro traslucido spesse 8 millimetri e pesanti 7,5 chili l’una, ricoprono interrante una struttura formata da un’intelaiatura d’acciaio coperta da calcestruzzo. Se da fuori, soprattutto quando gli interni sono illuminati e inizia a fare buio, l’edificio sembra una proiezione, dentro la struttura lasciata a vista rievoca uno stile brutalista. 

Ma lo studio Ov-a Architekti non si è limitato a questo edifico, il progetto è quello di ristrutturare l’intero isolato, mantenendo le caratteristiche principali di ogni struttura, enfatizzando l’utilizzo del legno in una, quello dell’acciaio in un’altra e così via per ognuna di esse. In questo modo, a lavori ultimati, dal cortile interno si potranno vedere le diverse tecniche di costruzione e si noterà ancor di più il contrasto creato dall’utilizzo di materiali diversi. 

L’edificio di vetro progettato da Ov-a Architekti
Design
L’edificio di vetro progettato da Ov-a Architekti
L’edificio di vetro progettato da Ov-a Architekti
1 · 22
2 · 22
3 · 22
4 · 22
5 · 22
6 · 22
7 · 22
8 · 22
9 · 22
10 · 22
11 · 22
12 · 22
13 · 22
14 · 22
15 · 22
16 · 22
17 · 22
18 · 22
19 · 22
20 · 22
21 · 22
22 · 22
La nuova vita del Domino Park di Brooklyn

La nuova vita del Domino Park di Brooklyn

Giulia Pacciardi · 1 settimana fa · Design

Inaugurato il 20 giugno 2018 nel cuore di Williamsburg, il Brooklyn’s Domino Park è di nuovo pronto ad accogliere i suoi avventori.

Progettato dall’architetto e teorico del paesaggio James Corner, lo spazio verde di 2,4 ettari si è subito distinto per le sue caratteristiche, prima fra tutte quella di essere stato costruito con tantissimi materiali trovati all’interno della Domino Sugar Factory, che a fine Ottocento era il più grande zuccherificio al mondo.

Il parco, punto di ritrovo sia per bambini che per adulti, conta al suo interno un playgroud, che imita in tutto e per tutto il vecchio zuccherificio chiuso nel 2014, un campo da beach volley, uno da bocce, uno spazio dedicato alle fontane che di sera si esibiscono in giochi d’acqua, una scalinata dove ci si può fermare a godere del sole e del panorama e anche un ristorante di cucina messicana.

E visto che i parchi a New York non hanno mai smesso di essere frequentati neanche durante i momenti peggiori della pandemia causata dal Covid-19, le autorità hanno deciso di intervenire permettendo a tutti di poterne usufruire riuscendo però a rispettare le norme imposte dal distanziamento sociale.

Da qualche giorno, infatti, sul prato del parco campeggiano dei grossi cerchi bianchi al cui interno si può stare tranquilli e distanziati dalle altre persone.
L’opera, voluta dalle autorità locali per limitare le possibilità di contagio anche all’aria aperta, offre ai visitatori delle chiare guide visive che rendono più semplice la possibilità di godersi le giornate senza dover stare troppo a pensare a come sarebbe più giusto farlo.

Un’opera intelligente che permette alle persone, se pur ad un numero ristretto vista la riduzione dello spazio, di poter ricominciare a vivere tutti i luoghi delle proprie città.

Ph. Hilary Swift
La nuova vita del Domino Park di Brooklyn
Design
La nuova vita del Domino Park di Brooklyn
La nuova vita del Domino Park di Brooklyn
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6