L’amore di Yves Saint Laurent per il Marocco

L’amore di Yves Saint Laurent per il Marocco

Andrea Tuzio · 2 mesi fa · Style

Esiste una storia d’amore che coinvolge uno dei più grandi stilisti di tutti i tempi e un paese, una città in particolare, che con i suoi scorci dorati, la flora selvaggia, l’architettura unica, il calore e la cordialità delle persone ha ritagliato un posto speciale nel cuore di Yves Saint Laurent.
Stiamo parlando del Marocco e di Marrakech in particolare, la “città rossa”.

Questo meraviglioso e inscindibile rapporto nasce nel 1966, 5 anni dopo la nascita della sua maison quando, insieme al suo compagno di vita e di lavoro Pierre Bergé, scelse proprio la città marocchina come meta per un viaggio di piacere. La coppia scoprì lì quello che sarebbe diventato un luogo di evasione e una meta preferita: i giardini Majorelle, “un’oasi in cui i colori di Matisse si mescolano a quelli della natura”.

Ma facciamo un passo indietro. 
Il nome dei giardini Majorelle deriva dal pittore Jacques Majorelle, figlio dell’ebanista e designer francese Louis Majorelle, che nel 1919 scelse come casa la città di Marrakech, più precisamente la Medina (la città vecchia).
A cavallo tra il 1922 e il 1923 comprò un palmento nella zona nord-ovest della Medina e, nel 1931, diede incarico all’architetto Paul Sinoir di costruirci all’interno una villa in stile moresco.
L’edificio era strutturato in questo modo: al piano terra c’era il suo grande studio mentre gli spazi privati si trovavano al primo piano. 
La villa fu impreziosita ulteriormente dalle pareti color blu Majorelle, una sorta di blu cobalto inventato dal pittore stesso, e la casa venne aperta al pubblico nel 1947. 

Majorelle era un amante della botanica e, ispirato dai cortili tradizionali marocchini, ne creò la sua versione personale. Quello che venne fuori fu un incredibile e lussureggiante giardino tropicale, una sorta di cattedrale fatta di forme e colori di stampo impressionista, costruita intorno alla casa su un lungo bacino centrale con svariati ambienti diversi. 
Un’opera d’arte vivente e in movimento, con piante esotiche e rare, abbellita e adornata da fontane, laghetti, vasi in ceramica, sentieri, e tantissimo altro. 

Torniamo al 1966 e al viaggio a Marrakech di Yves Saint Laurent e Pierre Bergé. In questa occasione i due scoprirono i giardini Majorelle e ne rimasero estasiati.

All’epoca, a causa degli alti costi di gestione, Majorelle fu costretto a vendere i giardini, questi versavano in uno stato di semi-abbandono, erano praticamente incustoditi e il pericolo più grande era la demolizione. Questo Saint Laurent non poteva permetterlo.

yves-saint-laurent-marocco-marrakech

Acquistò l’intero complesso nel 1980, ribattezzò la meravigliosa casa dell’artista francese in Villa Oasis, restaurandola con attenzione maniacale e scegliendo di andarci a vivere. 

I giardini sono stati di proprietà di Yves Saint Laurent e Pierre Bergé fino al 2008. Dopo la morte dello stilista francese le sue ceneri sono state sparse all’interno del roseto. 

Dal 2010 la proprietà è della Fondazione Pierre Bergé – Yves Saint Laurent e dal 2011 la gestione è affidata alla Fondation Jardin Majorelle, un’organizzazione senza scopo di lucro di Marrakech. Lo sviluppo dei giardini è tuttora in corso, sono una delle principali attrazioni turistiche della città e ogni anno attirano più di 700.000 visitatori.

Pierre Bergé è stato il direttore della fondazione dedicata ai giardini fino alla sua morte, avvenuta nel settembre 2017.

yves-saint-laurent-marocco-marrakech

La villa è sede del Musée Pierre Bergé des Arts Berbères mentre l’ex atelier di Majorelle è diventato il Museo d’Arte Islamica di Marrakech. Oggi questo ospita una collezione di tessuti nordafricani della collezione personale di Yves Saint Laurent, oltre a ceramiche e gioielli.

yves-saint-laurent-marocco-marrakech

Nell’ottobre del 2017, Bergé ha inaugurato il Musée Yves Saint Laurent de Marrakech situato vicino ai giardini Majorelle, nella strada che porta il nome del designer francese. 

Il museo è costruito in terracotta, cemento e terra battuta ed è stato realizzato dallo studio francese di architettura Studio KO. Questo ha cercato di incorporare nella struttura le linee del logo YSL abbracciando l’estetica tradizionale che lo circonda. 

Il museo vanta spazi espositivi permanenti e temporanei, alcuni ambienti sono a temperatura controllata per proteggere l’ampia collezione d’archivio di Yves Saint Laurent e i suoi migliaia di bozzetti originali. Ci sono inoltre un auditorium e una biblioteca di ricerca che ospita una serie di libri dalla letteratura e cultura araba e berbera fino alle realizzazioni dello stilista. 

yves-saint-laurent-marocco-marrakech

Quella di Yves Saint Laurent e di Pierre Bergé è una storia d’amore iniziata nel 1966 con un colpo di fulmine che continua ancora oggi nella memoria di tutti. È la storia di due personaggi iconici del mondo della moda e della cultura di tutti i tempi.

yves-saint-laurent-marocco-marrakech
L’amore di Yves Saint Laurent per il Marocco
Style
L’amore di Yves Saint Laurent per il Marocco
L’amore di Yves Saint Laurent per il Marocco
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
L’importanza del corpo negli scatti di Anouk Brouwer

L’importanza del corpo negli scatti di Anouk Brouwer

Giulia Guido · 1 giorno fa · Photography

L’unico linguaggio universale è quello del corpo. Se una persona ci dice in una lingua che non conosciamo che è triste noi non siamo in grado, ma se piange cogliamo subito il suo stato d’animo. 

Il nostro corpo è un mezzo potentissimo per veicolare pensieri, emozioni e sentimenti, basta sapere come usarlo. Sicuramente Anouk Brouwer sa come fare e le sue fotografie ne sono una prova incontestabile. 

Classe 1993, Anouk Brouwer è nata nei Paesi Bassi e dopo anni di studi che l’hanno portata in giro per il mondo, dalla The New York Film Academy al The Amsterdam Fashion Institute & Ryerson School of Fashion, oggi vive e lavora a Tokyo. 
Le sue lauree in recitazione e in moda, unite alla costante ricerca di modi per esprimere se stessa, l’hanno portata a scattare immagini in cui la performance de corpo diventa pura arte. 

– Leggi anche: Le geometrie del corpo negli scatti di Lin Yung Cheng

Nella sua serie “Irrationality”, ispirata alla storia di die artisti che si innamorano pur parlando due lingue diverse, ritroviamo perfettamente questo utilizzo del corpo umano. I corpi di Solène e Lin si toccano, si sfiorano, si incastrano in un gioco che non ha bisogno di parole. 

Ma il lavoro di Anouk Brouwer non si esaurisce con la fotografia. Un anno fa, infatti, ha realizzato il suo primo cortometraggio, intitolato proprio “Body Language” in cui la protagonista esprime i suoi valori e le sue sensazioni solo attraverso i movimenti. 

Guardate “Body Language” qui sotto e seguite Anouk Brouwer su Instagram per non perdervi i suoi prossimi lavori!

L’importanza del corpo negli scatti di Anouk Brouwer
Photography
L’importanza del corpo negli scatti di Anouk Brouwer
L’importanza del corpo negli scatti di Anouk Brouwer
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Humans and Landscapes, il progetto di Ekayyne fonde natura e corpo umano.

Humans and Landscapes, il progetto di Ekayyne fonde natura e corpo umano.

Giulia Guido · 18 ore fa · Photography

L’artista, fotografo e graphic designer di Bruxelles Ekayyne utilizza il suo profilo Instagram come palcoscenico per mostrare i lavori che compongono il progetto Humans and Landscapes. Come si può immaginare dal titolo, gli artwork dell’artista fondono in maniera originale fotografie di paesaggi, da bianche ed infinite spiagge a prati fioriti, e fotografie di parti del corpo. 

Il processo di creazioni inizia con la fase di ricerca delle immagini che avviene su internet, soprattutto su Tumblr. Solo una volta terminata questa prima parte si passa all’assemblaggio delle immagini, cercando degli elementi in comune come delle linee o delle trame. 

La particolarità delle grafiche di Ekayyne è che l’unione delle due immagini non viene celata, anzi molte volte è resa ancora più palese dal contrasto tra le forme e i colori. 

In ogni caso il risultato risulta sempre sorprendente in cui le linee delle dune di sabbia diventano quelle del corpo di una donna, la pelle si trasforma in sabbia e una camicia da notte si trasforma in spumeggianti onde del mare. 

Scoprite alcuni lavori di Ekayyne nella nostra gallery. 

Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscape il progetto di Ekayyne | Collater.al
Humans and Landscapes, il progetto di Ekayyne fonde natura e corpo umano.
Photography
Humans and Landscapes, il progetto di Ekayyne fonde natura e corpo umano.
Humans and Landscapes, il progetto di Ekayyne fonde natura e corpo umano.
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 10 ore fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle. 
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @carla_sutera_sardo, @kevin.ponzuoli, @kickxiia, @kryvoruchkoelen, @impolite___, @samros___, @_slightlyoutoffocus_, @wonmin.9, @zero.source, @romins.tears.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Le fotografie NSFW e provocanti di Ugur Kayan

Le fotografie NSFW e provocanti di Ugur Kayan

Collater.al Contributors · 10 ore fa · Photography

Ugur Kayan è un fotografo freelance turco con base a Istanbul che realizza intensi ed esuberanti scatti NSFW. Nel suo lavoro il corpo della donna e il suo potenziale espressivo sono il focus centrale, sono soggetti e protagonisti delle fotografie.
Il suo stile e la sua estetica svelano senza imbarazzo l’aspetto sensuale dei corpi. Sono immagini conturbanti, allusive e provocanti che mettono a nudo sia l’interprete che lo spettatore.

I suoi lavori sono esuberanti, vivaci e spiazzanti, sono parte di una visione ampia e sessualizzata del mondo e sono espressione primordiale di creatività.
Ugur Kayan gioca con i riflessi, i contrasti, i colori, la seduzione del vedo-non-vedo ed esplora l’intensa contesa tra luci e ombre. Ugur è il fondatore di White Magazine, un magazine online sulla fotografia NSFW.

Guarda qui una selezione dei suoi lavori e seguilo su Instagram.

Le fotografie NSFW e provocanti di Ugur Kayan
Photography
Le fotografie NSFW e provocanti di Ugur Kayan
Le fotografie NSFW e provocanti di Ugur Kayan
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16