Il 2021 è stato il cortocircuito delle collaborazioni

Il 2021 è stato il cortocircuito delle collaborazioni

Andrea Tuzio · 8 mesi fa · Style

Senza paura di essere smentito mi sento di affermare che il mondo della moda nel 2021 è stato fortemente caratterizzato delle collaborazioni, per usare un eufemismo. Una quantità di joint venture senza precedenti hanno segnato un nuovo approccio, una nuova narrazione da parte anche delle maison dell’high fashion che a differenza del passato hanno spinto molto di più sulle partnership. Abbiamo anche assistito a un fenomeno che mai si era verificato prima: il mash up tra due player dell’alta moda. Ma andiamo per gradi. 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Gucci Official (@gucci)

Le collaborazioni di base sono sempre state viste come una possibilità di dare sfogo alla creatività, oltrepassando quei limiti in cui spesso i brand sono confinati. Chiaramente esiste anche il lato economico della faccenda, grazie al quale marchi più piccoli o che magari attraversano un periodo di calo – sia di vendite che di appeal – possono godere della luce riflessa del brand più grande con il quale uniscono le forze.

Il 2021 però ha visto il superamento di questa dinamica consolidata e si è dato il via libera a una nuova forma di collaborazione/partnership, quella tra big brand

Versace con Fendi, l’hacking project di Balenciaga e Gucci, Dior e Sacai, il binomio creativo tra Miuccia Prada e Raf Simons sono solo alcuni degli esempi di questa nuova direzione che sembra puntare tutto, più che sulla creatività, sulle dinamiche che dominano il fashion system, che sono le stesse che dettano i tempi della nostra quotidianità e del nostro lavoro in molti casi, quelle iperveloci e immediate dei social network. Credo sia retorico citare nuovamente la questione economica, dato che questa parte resta sempre la più importante di tutte: i brand devono portare ricavi e le collaborazioni sono un viatico sempre molto utile. 

In questo ultimo anno abbiamo assistito a una sorta di polarizzazione della moda verso l’hype che ha piegato in maniera inesorabile le logiche e i tempi del fashion system, molto di più della pandemia, ma su questo torneremo. Una costante necessità di novità che però cozza col concetto stesso di creatività. 

I fruitori non si accontentano, vogliono di più e lo vogliono nell’immediato, sentono la necessità di acquistare cose “nuove”. Il problema vero però è che molto spesso le collaborazioni sono per lo più cose che abbiamo già visto e che magari attingono dalle collezioni già presentate, rimpastate in un’orgia di loghi che soddisfa(?) esclusivamente la vista e molto poco l’intelletto. 

Non è un caso che, ad esempio, Fendi e Versace abbiano presentato la loro collaborazione solo pochi giorni dopo le rispettive sfilate della Spring/Summer 2022. Un apparente sovraccarico in piena controtendenza con quello che l’intero mondo della moda si era prefissato allo scoppio della pandemia: normalizzazione del ciclo produttivo, stop alle 4 collezioni annuali, sfilate uniche sia per le collezioni maschili che per quelle femminili. Sembra tutto dimenticato – non generalizzo chiaramente parlo di una tendenza – in virtù della necessità di rispondere a un sistema economico che invece spinge sempre più forte e pretende il massimo, sempre. 

Un cortocircuito che, anche alla luce delle ultime notizie sullo sviluppo della pandemia che ci vede ancora ostaggi, rispecchia la vanità e le logiche di mercato dei grandi gruppi internazionali del lusso che posseggono i marchi più importanti come Kering (Gucci, Yves Saint Laurent, Balenciaga, Alexander McQueen, Bottega Veneta, etc.) e LVMH (Louis Vuitton, Christian Dior, Fendi, Céline, Marc Jacobs, Givenchy, Kenzo, Loro Piana, etc.).

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Dior Official (@dior)

Tutto questo però non toglie che la parte emotiva che viene sollecitata quando veniamo a conoscenza di una nuova collaborazione tra due big player, o tra due brand streetwear, continui a rilasciare quella dose massiccia di endorfine contro la quale c’è poco da fare. Chi scrive è un appassionato, un amante di questo mondo e proprio per questo il fatto che molte cose mi piacciano non significa siano necessariamente innovative, etiche, sensate o rispecchino una sorta di coerenza di massima. Ci si può anche sedere, osservare e godersele ma in un contesto come quello contemporaneo tirare fuori ogni tanto il proprio spirito critico non fa male, a prescindere da tutto.
La moda è un’industria e oggi è anche intrattenimento e come tale si muove, giusto o sbagliato che sia (secondo sempre il pensiero personale di ognuno) e va valutata anche tenendo ben presente le dinamiche in essere.

Concludo dicendo che il rumore delle collaborazioni di questo 2021 è stato fortissimo, come non ci aspettavamo e come non avevamo mai sentito prima. Spero che il 2022 sia caratterizzato da suoni più dolci, meno urlati (ma questo resta un mio personalissimo auspicio) e che l’industria della moda si ponga una domanda: ne avevamo bisogno?

Il 2021 è stato il cortocircuito delle collaborazioni
Style
Il 2021 è stato il cortocircuito delle collaborazioni
Il 2021 è stato il cortocircuito delle collaborazioni
1 · 1
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Tommaso Berra · 10 ore fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle.
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @marcocarta87, @unagiuliaacaso, @jus._._._, @idralinho, @allecossu, @alberto_sanna4, @luanapetrullophoto, @reportageofmylife, @nuovi_obiettivi_, @_my_perfect_little_world.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Tommaso Berra · 2 settimane fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle.
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @effyrose__, @niinque, @saraperacchia, @jus._._._, @nuovi_obiettivi_, @serenabiaginiph, @nellys.ph, @matti_b9, @franscescaersilia1, @kevin.ponzuoli.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
10 foto per scoprire Fiumefreddo Photo Festival

10 foto per scoprire Fiumefreddo Photo Festival

Tommaso Berra · 2 settimane fa · Photography

Negli scorsi giorni ha inaugurato nel suggestivo borgo del basso Tirreno cosentino di Fiumefreddo Bruzio il Fiumefreddo Photo Festival. L’evento dedicato alla fotografia contemporanea è alla sua prima edizione e ospita artisti italiani e internazionali, oltre ad una sezione dedicata ai fotografi emergenti.
Fino al 10 settembre l’evento ospiterà gli scatti degli artisti, insieme a eventi, talk e workshop che approfondiranno il tema dell’edizione, intitolata “MIDWAY: between past and future”.
L’obiettivo dei progetti è quello di descrivere il tempo che ci appartiene ma anche di suscitare perplessità e innescare dubbi, approfondendo il tema della salvaguardia ambientale e climatica e alle ricadute culturali, politiche e sociali che questa innesca.

Fiumefreddo | Collater.al

Tra i nomi protagonisti del festival ci sono Misha Vallejo Prut, con il suo racconto della comunità indigena Kichwa di Sarayaku (in Ecuador), Marco Zorzanello e le sue immagini di come il settore del turismo stia reagendo agli effetti del cambiamento climatico e Gabriele Cecconi, in mostra con un’indagine fotografica sul micro-cosmo del Kuwait. Tra gli altri poi anche Giacomo d’Orlando e le sue serre subacquee, Fabian Albertini e Alex Urso.
La vincitrice della call dedicata ai fotografi emergenti è Bianca Maldini, che al festival presenterà “Una volta qualcuno mi disse”, progetto espositivo che nasce da una ricerca personale sull’incredibile, sull’irrazionale.
Dai uno sguardo a 10 delle migliori fotografie in mostra a Fiumefreddo Photo Festival, una terrazza sul mondo che si apre nel cuore del Mezzogiorno d’Italia.

Fiumefreddo | Collater.al
Alexandre Silberman
Fiumefreddo | Collater.al
Maria Giulia Trombini
Fiumefreddo | Collater.al
Gabriele Cecconi
Fiumefreddo | Collater.al
Giacomo D’Orlando
Fiumefreddo | Collater.al
Misha Vallejo
Fiumefreddo | Collater.al
Bianca Maldini
Fiumefreddo | Collater.al
Marco Zorzanello
Fiumefreddo | Collater.al
Francesca Corriga
Fiumefreddo | Collater.al
Alex Urso
Fiumefreddo | Collater.al
Fabian Albertini
10 foto per scoprire Fiumefreddo Photo Festival
Photography
10 foto per scoprire Fiumefreddo Photo Festival
10 foto per scoprire Fiumefreddo Photo Festival
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Esistono due diverse Hong Kong negli scatti di Cody Ellingham

Esistono due diverse Hong Kong negli scatti di Cody Ellingham

Tommaso Berra · 2 settimane fa · Photography

Il fotografo neozelandese Cody Ellingham crede che esistano due versioni di Hong Kong: una reale che esiste con i suoi grattacieli monumentali e una che ricordiamo con affetto nei nostri ricordi. 
La serie “Fantasy city by the harbour” – dalla quale è nato anche un libro fotografico – nasce proprio dal tentativo di provare a capire come di possa tornare all’ “altra” Hong Kong, di cui rimangono solo i sogni e le atmosfere dense di neon e persone che freneticamente percorrono le strade della città asiatica.

Gli scatti mostrano principalmente l’architettura della città, studiata attraverso i momenti di calma della metropoli. Infatti non compaiono mai le persone, una sfida se si pensa che Hong Kong è una delle aree più densamente popolate del pianeta con i suoi 7 milioni di abitanti.
Nelle strade quindi rimane sono il silenzio, interrotto dal ronzio dei neon, che Cody Ellingham utilizza per accentuale l’effetto estetico degli scorci, come fossero scenografie di un film futuristico ambientato in una città iper tecnologica tra androidi e macchine volanti.
Il fotografo ha avuto modo di studiare la città durante i suoi frequenti viaggi, scegliendo i momenti di calma per rendere ancora più vivida e reale quella Hong Kong che persisteva nei suoi ricordi ma che era difficile ritrovare nella vita di tutti i giorni. La nebbia favorisce il clima di sospensione generale delle scene, i grandi billboard sembrano tv lasciate accese dopo essersi addormentati sul divano mentre le luci dei grattaceli smentiscono il tutto: la città non sta dormendo.

Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Cody Ellingham | Collater.al
Esistono due diverse Hong Kong negli scatti di Cody Ellingham
Photography
Esistono due diverse Hong Kong negli scatti di Cody Ellingham
Esistono due diverse Hong Kong negli scatti di Cody Ellingham
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
Altri articoli che consigliamo