Style 5 cose che forse non sapete sulle Air Jordan XIV
Stylestyle

5 cose che forse non sapete sulle Air Jordan XIV

-
Andrea Tuzio

Dopo un’attesa spasmodica e dopo che ESPN e Netflix hanno deciso di anticiparne l’uscita, da oggi in Italia sono disponibili le prime due puntate di “The Last Dance”, il documentario definitivo dedicato all’ultimo anno della dinastia dei Chicago Bulls di Michael Jordan e Phil Jackson. 

Probabilmente una delle 3 squadre più forti di tutti i tempi, 6 titoli NBA in 8 anni, 2 three-peat (90/91, 91/92, 92/93 e 95/96, 96/97, 97/98), e miliardi di storie rimaste per anni nel sottobosco della leggenda, a far da sfondo a uno dei documentari più attesi di sempre.
Non credo ci sia bisogno di raccontare quanto, le Air Jordan, abbiano avuto un ruolo centrale all’interno di una carriera costellata di successi e giocate epiche, basti pensare alla narrativa che si è sviluppata attorno ad esse e all’impatto che hanno avuto sulla cultura della sneaker e al suo inizio. 

Proprio per questo motivo abbiamo deciso di svelarvi 5 curiosità che forse non sapete sulle Air Jordan XIV, le sneaker che Michael ha indossato nella sua ultima partita con i Bulls il 14 giugno del 1998.
Contestualizziamo e geolocalizziamo: Delta Center, Salt Lake City, Utah. Gara 6 delle Finals NBA, 3-2 Chicago nel computo delle 7 partite che servono per decretare chi vincerà il titolo tra i Bulls di Jordan e Pippen e gli Utah Jazz di John Stockton e Karl Malone. 

Mancano 41 secondi e 3 decimi alla fine della partita, più 3 Utah. 
Jordan si fa dare la palla e in meno di 4 secondi mette due punti (difficilissimi) per il -1 Chicago. Possesso Jazz, la palla va a finire al loro giocatore più forte e più rappresentativo, Karl Malone, una certezza. Il problema è che non avevano calcolato il puma con il 23 sulle spalle, Jordan prende di sorpresa Malone e gli strappa la palla dalle mani, è sua. Michael va dall’altro lato del campo, uno contro uno con Russell, lo depista sul crossover e mette i due punti che regalano il sesto titolo ai Bulls in 6 finali giocate, the case is closed. 

Nell’immagine iconica che quel momento ci regalerà, Michael indossa un paio di Air Jordan XIV che resteranno nell’immaginario collettivo per sempre.

Ecco le 5 cose che forse non sapete sulle Air Jordan XIV:

1. Jordan le ha indossate soltanto in tre occasioni sul parquet

Michael ha iniziato le Finals del ’98 con un paio di Jordan XIII “Bred” in gara 1 e un paio mai uscito sul mercato in rosso e nero in gara 2. Le XIV fanno il loro debutto sul parquet in gara 3 per poi essere indossate di nuovo per gara 4 e gara 6. Infatti per gara 5, Michael indossò le appena uscite Air Jordan XIII “Playoff”.

2. Sono ispirate alla Ferrari 550 Maranello

A dircelo è direttamente il designer delle sneaker in questione, Tinker Hatfield.
Michael ci ha detto direttamente che avremmo dovuto guardare alle sue automobili. In realtà mi ha suggerito di uscire a guardare la sua Ferrari, solo per trarne ispirazione”. Design pulito e semplice, include una “presa d’aria” simile a quella che si trovava sulla Maranello alla fine degli anni ’90, così come lo stesso tipo di vernice e materiali del paraurti. Le scarpe furono rilasciate nel giorno di Halloween del 1998 a 150 dollari, mentre il modello “Last Shot” in rosso e nero che Jordan indossò nelle finali del ’98, non arrivò nei negozi fino al marzo 1999.

3. Le Air Jordan XIV hanno ottenuto il brevetto

Secondo l’Associate Press, l’Ufficio Marchi e Brevetti degli Stati Uniti ha rilasciato alla Nike il brevetto n° 400.000 per gli elementi di ispirazione automobilistica incorporati nel design delle Air Jordan XIV. Per l’occasione fu indetta una conferenza stampa per celebrare la notizia.

4. Sono tra le 100 sneaker migliori di tutti i tempi

Nel dicembre del 1998, dopo soltanto due mesi dalla loro commercializzazione, le Air Jordan XIV si piazzarono alla posizione n°82 della classifica delle migliori sneaker di tutti i tempi, stilata dal famoso negozio di scarpe di Dallas, Footaction (acquistato da Foot Locker nel 2004).

5. Sono state associate alle attività criminali di una gang californiana

“Nike ha appreso dai dipartimenti di polizia locali e dagli amministratori scolastici che il numero romano ‘XIV’ sulle Air Jordan di quest’anno è casualmente associato da alcuni con una banda che ha sede nel nord della California. Michael Jordan, il marchio Jordan e Nike condannano la violenza e affermano con forza che qualsiasi prodotto del marchio Jordan e, nello specifico, le Air Jordan XIV non hanno alcun legame con alcuna gang o attività legata alle gang ed è destinato ad essere utilizzato come prodotto per il basket”.
Questa la dichiarazione rilasciata il 26 marzo del 1999, nega qualsiasi tipo di legame tra le Air Jordan XIV e la gang dei Norteños, che utilizzavano il numero 14 e, nello specifico i numeri romani XIV, come riferimento alla 14esima lettera dell’alfabeto, la “N”, per rendere omaggio all’organizzazione messico-americana delle bande carcerarie, nota come Nuestra Familia.

Stylestyle
Scritto da Andrea Tuzio
x
Ascolta su