Abstract: The Art of Design, Netflix svela i nomi dei 6 creativi protagonisti

avatar
20 Settembre 2019

Il trailer della seconda stagione della docu-serie firmata Netflix “Abstract: The Art of Design” rivela i 6 creativi di cui scopriremo il lavoro.

Il design è un po’ come la matematica, non tutti ne sono portati, è difficile da capire, ma fa parte di ogni aspetto della vita e della nostra quotidianità. Basta pensare ai loghi delle marche, ma anche all’aspetto di siti, applicazioni e riviste, per non parlare del mondo della moda e dell’arredamento. Probabilmente non sapendolo, anche voi avete un pezzo di design in casa vostra. 

Se volete capire e scoprire meglio l’intricato e affascinante mondo del design non potete perdervi la docu-serie di Netflix: “Abstract: The Art of Design” che, dopo il successo della prima stagione, è pronta a tornare con la seconda mercoledì 25 settembre

Il trailer rilasciato da Netflix, oltre a svelare la data, mostra anche i 6 nuovi creativi e designer protagonisti dei nuovi episodi. 

L’artista islandese-danese Olafur Eliasson che realizza impressionanti installazioni immersive che attingono al mondo dell’architettura e della tecnologia; la bio-designer Neri Oxman il cui lavoro si incentra sulla fabbricazione digitale, lo studio dei materiali e la biologia sintetica. Si passa poi al mondo del cinema con la famosa costumista Ruth E. Carter, vincitrice di un Oscar grazie ai costumi per Black Panther e all’universo dei più piccoli con Cas Holman e la sua azienda produttrice di giocattoli che stimolano la creatività dei bambini. Ma il design fa parte anche della nostra vita quotidiana, per questo motivo Abstract racconta anche il lavoro di personalità come Ian Spalter, product designer per Instagram e il designer tipografico Jonathan Hoefler, che ha realizza font e caratteri per alcune delle aziende e dei magazine più famosi al mondo. 

Il design è intorno a te, basta saperlo vedere. 

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share