L’estetica glam negli scatti di Ashley Armitage

L’estetica glam negli scatti di Ashley Armitage

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Photography

Luci al neon e atmosfere che richiamano gli anni ’80 esprimono una piccola parte del mood evocativo degli scatti della fotografa e regista Ashley Armitage. Non ci è assolutamente nuova la sua impronta stilistica, che è stata sicuramente influenzata da Petra Collins, artista alla quale noi di Collater.al abbiamo dedicato anche un Behind the artwork, che trovi qui.

L’impronta glam è però “sporcata” da una scossa elettrica femminista: in alcuni scatti infatti ci ritroviamo davanti a protagoniste femminili che non sono depilate, anzi si presentano al pubblico con una provocante disinvoltura.

Ashley, attraverso un’estetica apparentemente frivola, vuole scardinare i canoni associati all’immagine femminile imposta dalla società e porre il pubblico davanti ad un un tipo di sensualità che non cerca approvazione, ma si manifesta semplicemente così com’è. Le immagini “dolcemente disturbanti” rimangono impresse nella memoria dello spettatore e urlano al mondo: questa sono io, che ti piaccia o no.

Interessante è anche la vena d’ironia un po’ graffiante che si cela dietro le sue immagini, che respingono i tabù. Attraverso questa operazione estetica Ashley Armitage libera la figura femminile senza rinunciare alla bellezza complessiva delle immagini, che superano il concetto di “foto bella”.

Segui Ashley su Instagram qui ed esplora la nostra gallery.

L'estetica glam negli scatti di Ashley Armitage | Collater.al
L'estetica glam negli scatti di Ashley Armitage | Collater.al
L'estetica glam negli scatti di Ashley Armitage | Collater.al
L'estetica glam negli scatti di Ashley Armitage | Collater.al
L’estetica glam negli scatti di Ashley Armitage
Photography
L’estetica glam negli scatti di Ashley Armitage
L’estetica glam negli scatti di Ashley Armitage
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Geli Klein e le case solitarie color pastello

Geli Klein e le case solitarie color pastello

Giulia Guido · 5 mesi fa · Photography

Spesso ripetiamo che per sfondare, a volte, basta una piccola e semplice idea, magari nata dalle nostre passioni. L’illuminazione di Geli Klein, fotografa originaria di Colonia, in Germania, segue il suo amore per le facciate di palazzi e case.

Dopo averle fotografate, Geli passa alla fase di post produzione, durante la quale isola ogni singolo edificio e crea uno sfondo che si accordi ai colori dell’architettura. Il suo progetto potrebbe ricordarvi quello dell’artista Katharina Fitz

Sono scatti che racchiudono un minimalismo e un’atmosfera che ricorda quella del cinema di Wes Anderson. 

Nella nostra gallery trovate una selezione dei lavori di Geli Klein. 

Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein | Collater.al
Geli Klein e le case solitarie color pastello
Photography
Geli Klein e le case solitarie color pastello
Geli Klein e le case solitarie color pastello
1 · 22
2 · 22
3 · 22
4 · 22
5 · 22
6 · 22
7 · 22
8 · 22
9 · 22
10 · 22
11 · 22
12 · 22
13 · 22
14 · 22
15 · 22
16 · 22
17 · 22
18 · 22
19 · 22
20 · 22
21 · 22
22 · 22
Corpi femminili e natura negli scatti di Anne Barlinckhoff

Corpi femminili e natura negli scatti di Anne Barlinckhoff

Giulia Guido · 5 mesi fa · Photography

I corpi non sono più corpi, ma forme e linee. La natura non è più natura, ma cornice. Sono queste le fondamenta, le basi degli scatti della fotografa Anne Barlinckhoff

Anne è di origine olandese e attraverso la sua macchina fotografica cattura un mondo sensuale, libero ed erotico in cui i protagonisti sono i suoi soggetti preferiti, ovvero le donne

I loro corpi scultorei entrano in contatto, pelle contro pelle in scenari che vanno oltre il pregiudizio e la diversità che, anzi, diventa punto di forza e il contrasto tra pelle bianca e pelle nera non potrebbe essere più perfetto. 

A dialogare con i corpi sapientemente catturati e pilotati da Anne Barlinckhoff arriva la natura con tutta la sua bellezza, la sua forza e la sua delicatezza. 

Nella nostra gallery potete trovare una selezione dei suoi scatti, per scoprirne di più andate sul profilo Instagram di Anne Barlinckhoff e sul suo sito

Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Anne Akua Barlinckhoff | Collater.al
Corpi femminili e natura negli scatti di Anne Barlinckhoff
Photography
Corpi femminili e natura negli scatti di Anne Barlinckhoff
Corpi femminili e natura negli scatti di Anne Barlinckhoff
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell’ambiente

Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell’ambiente

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Photography

Melissa Schriek è una fotografa olandese che si serve della potenza visiva del corpo e della sua gestualità per renderlo parte integrante dell’ambiente in cui è collocato. Le figure eteree sembrano fluttuare liberamente all’interno degli spazi che esse stesse marcano con la loro presenza estranea ed allo stesso tempo indispensabile.

“Il corpo sembra essere una contraddizione in sé e io sono affascinata da queste contraddizioni: sono drammatiche ma anche ironiche”.

Le relazioni umane diventano parte di un disegno globale, dove il corpo viene usato come strumento di connessione fisica ed emotiva. L’artista ha dichiarato che la sua ricerca si è da subito rivelata come un bisogno spontaneo:

“Fin da giovane sono stata affascinata dal mio corpo. Il modo in cui può assumere forme, come lo posso scolpire e come può muoversi. È il motivo per cui ballavo quando ero più piccola e mi ci è voluto un po’ di tempo per capire che potevo mescolare questo interesse con il mio interesse per la fotografia, unendo le discipline”.

Servendosi della sua esperienza con il ballo e della sua sensibilità artistica, Melissa Schriek è riuscita a dare voce all’immagine che per lei rappresenta l’essenza più pura del corpo.

Dai un’occhiata al suo sito web qui.

Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell'ambiente | Collater.al
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell'ambiente | Collater.al
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell'ambiente | Collater.al
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell'ambiente | Collater.al
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell'ambiente | Collater.al
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell'ambiente | Collater.al
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell'ambiente | Collater.al
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell’ambiente
Photography
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell’ambiente
Melissa Schriek, quando il corpo è parte stessa dell’ambiente
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18
Yenata, il NSFW si fa ancora più conturbante

Yenata, il NSFW si fa ancora più conturbante

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Photography

Yenata è una fotografa coreana che ha iniziato a fotografare per hobby quando si è laureata in fashion design all’università. Dal 2016 si è completamente concentrata sulla fotografia, scattando immagini dei suoi amici, che ci offrono una panoramica sulla spensierata natura della moderna gioventù coreana.

Pur essendo un talento emergente, l’artista ha già pubblicato su Nylon e Playboy. Lo stile NSFW unico di Yenata esplora gli intensi contrasti tra le tonalità di rosso e nero e gli sguardi incrollabili dei suoi soggetti che lasciano un’impressione duratura sugli spettatori:

“Mi piacciono gli stati d’animo forti. È davvero semplice, ma forte. La maggior parte dei soggetti sono amici che spesso scatto in modo naturale, come se fosse un gioco”.

Yenata svela il volto sensuale della gioventù coreana senza imbarazzo, ma come se fosse parte della quotidianità. Portando avanti la sua passione per la moda, Yenata ha collaborato con stilisti come Rei Kawakubo e Vivienne Westwood, realizzando lavori originali.

“Di solito mi ispiro a me stessa, ai miei amici, alla musica, ai film, ai sogni e alla natura; tutto. Ricordo e registro queste cose da fotografare”.

Anche se Yenata può essere giovane, è sicuramente in ascesa non solo nel suo paese natale, la Corea del Sud, ma anche a livello internazionale. Le immagini conturbanti ed allusive fanno parte di una visone generale e sessualizzata del mondo della moda, del mondo dei giovani e dell’espressione primordiale della creatività.

Dai ai un’occhiata al profilo Instagram di Yenata qui.

Yenata, il NSFW si fa ancora più conturbante
Photography
Yenata, il NSFW si fa ancora più conturbante
Yenata, il NSFW si fa ancora più conturbante
1 · 20
2 · 20
3 · 20
4 · 20
5 · 20
6 · 20
7 · 20
8 · 20
9 · 20
10 · 20
11 · 20
12 · 20
13 · 20
14 · 20
15 · 20
16 · 20
17 · 20
18 · 20
19 · 20
20 · 20