Art I pattern di Beatrice Gasca Queirazza
Artartillustration

I pattern di Beatrice Gasca Queirazza

-
Giorgia Massari
Beatrice Gasca Queirazza | Collater.al

Romantiche e delicate, le illustrazioni di Beatrice Gasca Queirazza sono il perfetto connubio tra la narrazione e l’estetica. L’illustratice freelance, napoletana di nascita e con base a Torino, è presente in questi giorni (23-25 marzo 2023) al Soluzioni Festival di Torino, dedicato alle arti visive che quest’anno celebra l’errore.
Le tecniche preferite di Beatrice sono l’inchiostro, l’incisione e i pastelli, oltre ad usare spesso il collage e la colorazione digitale. È molto legata al segno e all’istintività del tratto, per questo il mix di tecniche le permette di esprimersi al meglio. Appassionata di textile, Beatrice fonda Minio, un piccolo brand con il quale produce prodotti tessili illustrati e multiuso. Per questo, le sue illustrazioni sono dei perfetti pattern estetici e versatili, utilizzabili anche come romantici e colorati sfondi del proprio smartphone. Le opere di Beatrice hanno colori pastello, tenui e delicati, lo sfondo bianco comunica leggerezza. Un esempio è il bacio tra una ragazza e una statua oppure la moltitudine di dinosauri che combina in un’unica rappresentazione, o ancora di più una serie di piccioni abbinati a delle forcine.


L’opera che Beatrice presenta al Soluzioni Festival è intitolata Occhi a puntino e rappresenta un terreno arido, crepato dalla mancanza di acqua. Dal suolo spunta un fiore giallo, l’unico elemento di colore della composizione. Beatrice Gasca Queirazza racconta di essere stata ispirata da un momento di errore di Ulisse: “Ulisse cadde per errore nel canale, non poteva essere legato con i suoi compagni e nel profondo del mare fu attratto da un viso molto triste. Nel blu più oltre mare le lacrime non possono esistere, ma la profondità sì. Questa donna con coda squamata lo condusse in una roccia argentea e giallo aspro. Ulisse fu confuso di non ritrovare più se stesso, ma solo una guida luminosa guidata da un canto altissimo. Ci sono sirene che hanno in fondo agli occhi una città segreta, nascosta e forse se sei fortunat* puoi andare lì per sempre.

Per scoprire di più sugli altri artisti di Soluzioni Festival consultate il sito web.

Beatrice Gasca Queirazza | Collater.al


Artartillustration
Scritto da Giorgia Massari
x
Ascolta su