Bob Bob Cité, il ristorante in cui sembra di mangiare in viaggio

avatar
28 Maggio 2019

Scritte al neon, sedili di auto da corsa e campanelli per lo champagne, al ristorante londinese Bob Bob Cité il cibo si unisce al lusso e al viaggio.

Era il 2008, quando, a Londra, Leonid Shutov inaugurò il ristorante di lusso Bob Bob Richard con uno stile ispirato agli interni dell’Orient Express. Oggi, a più di dieci anni di distanza, ha dato vita a un altro luogo straordinario, il Bob Bob Cité, non un semplice ristorante, ma un’esperienza in cui la gastronomia si fonde con il lusso sfrenato e con la passione sfrenata per il viaggio che da sempre accompagna le decisioni del proprietario. 

Per la realizzazione degli interni, Leonid si è affidato al team d’eccellenza del BradyWilliams Studio che hanno preso ispirazione dai mezzi di trasporto del XIX secolo, dalle auto da corsa agli yacht privati, dalle carrozze di prima classe ai dirigibili Zeppelin.  

Il Bob Bob Cité offre grandi sale con lunghe tavolate, ma anche intime salette private, in ciascun caso ogni piccolo dettaglio è stato studiato attentamente e con precisione. Si parte con la scelta dei materiali, dai pannelli in palissandro intagliato con finiture in acciaio alla carta da parati in stile giapponese, dai 24 lampadari realizzati appositamente per questo luogo alle luci al neon che accompagnano il cliente tra i vari spazi. 

Uno degli elementi caratteristici del Bob Bob Cité, come nel Bob Bob Richard, è il campanello per richiedere altro champagne. Cin Cin! 

Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al
Bob Bob Cite | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share