Art

Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie

avatar
8 Febbraio 2019

Cristian Blanxer è un artista di Barcellona che realizza quadri che somigliano a delle fotografie scattate in doppia esposizione.

Cristian Blanxer, nato a Barcellona nel 1985, ha iniziato a lavorare come artista freelance e illustratore nel 2008 dopo essersi laureato in Belle Arti. Il suo spirito versatile lo ha portato ad esplorare diversi stili e tecniche che hanno il fine di trasmettere emozioni e stati d’animo liberamente, senza giudicare. In questa serie di quadri i soggetti principali sono le donne, che vengono ritratte con dei paesaggi sovrapposti sui loro volti, ricordando molto le doppie esposizioni fotografiche.

La pennellata spontanea e l’intensità della percezione del colore si riflettono in tutte le sue opere, potenziate dalla sua grande creatività che diventa un mezzo indispensabile per raccontare le storie e le personalità dei suoi personaggi. La sensazione è quella che ogni quadro non sia mai definitivo, ma in continua evoluzione, proprio come il flusso emotivo che invade ogni ritratto.

Puoi vedere altre opere dell’artista sul suo sito web che trovi qui.

Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al Cristian Blanxer realizza quadri che sembrano fotografie | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share