Dan Lehman trasforma i film di Wes Anderson in pattern

Dan Lehman trasforma i film di Wes Anderson in pattern

Giulia Guido · 7 giorni fa · Art

Avete mai fatto caso a quanti oggetti, più o meno piccoli, appaiono in un film o in una puntata di una serie tv? Elementi che spesso, nella loro semplicità, diventano il simbolo di una storia, riconoscibili tra altri migliaia. Di sicuro non sono passati inosservati all’occhio attento di Dan Lehman, che ha cominciato a disegnarli e a trasformarli in stupendi pattern. 

Dan Lehman è un artista e designer originario di Boulder, città del Colorado dove ancora oggi vive e lavora, che tra un lavoro commissionato e l’altro si diverte a disegnare tutti i piccoli dettagli dei film e utilizzarli per creare pattern mozzafiato che su Spoonflower sono acquistabili sotto forma di tessuti. 

Questo progetto è nato quando uscì nei cinema Grand Budapest Hotel di Wes Anderson e Dan rimase colpito dalla bellezza e degli oggetti di scena, dalle piccole scatoline di Mendl’s ai dolci che nascondevano al loro interno. Così, una volta arrivato a casa dopo la visione cominciò a ridisegnarli sulla sua Moleskine. 

Visto il risultato ottenuto con questo film non stupisce che Dan Lehman abbia deciso di trasformare in pattern anche le altre pellicole del regista americano. 

Fortunatamente per noi, l’interesse di Dan non si limita al grande schermo, proprio per questo dopo aver affrontato alcuni dei capolavori di Wes Anderson si è dedicato a una delle serie tv più chiacchierata degli ultimi tempi, Stranger Things

Visitate il sito di Dan Lehman per scoprire tutti i pattern e se non siete amanti di cinema e televisione non disperate, tra le sue creazioni ne troverete sicuramente una che fa al caso vostro! 

Grand Budapest Hotel
The Isle of Dogs
Fantastic Mr. Fox
Moonrise Kingdom
Darjeeling Limited
The Life Aquatic
Stranger Things season 1
Stranger Things season 2
Dan Lehman trasforma i film di Wes Anderson in pattern
Art
Dan Lehman trasforma i film di Wes Anderson in pattern
Dan Lehman trasforma i film di Wes Anderson in pattern
1 · 19
2 · 19
3 · 19
4 · 19
5 · 19
6 · 19
7 · 19
8 · 19
9 · 19
10 · 19
11 · 19
12 · 19
13 · 19
14 · 19
15 · 19
16 · 19
17 · 19
18 · 19
19 · 19
Opera, l’installazione di Edoardo Tresoldi a Reggio Calabria

Opera, l’installazione di Edoardo Tresoldi a Reggio Calabria

Giulia Pacciardi · 7 giorni fa · Art

Dopo “Il Collezionista di Venti”, a Pizzo Calabro nel 2013, Edoardo Tresoldi torna in Calabria con una nuova installazione permanente di arte pubblica sul lungomare Falcomatà di Reggio Calabria.

Il Collezionista di Venti

Opera, promossa e commissionata dal Comune e dalla Città Metropolitana, vuole celebrare la relazione contemplativa tra il luogo e l’essere umano attraverso il linguaggio architettonico classico e la trasparenza della Materia Assente, espressa tramite la rete metallica. 

L’installazione, un monumento attraversatile e completamente fruibile dai cittadini, è composta da un colonnato di 46 colonne di 8 metri di altezza che danno vita a uno spazio immaginario in grado di trasportare i visitatori in una dimensione percettiva mutevole, grazie anche ai giochi di altezza e profondità che si creano con lo spazio circostante.

Opera nasce per rimarcare il carattere del luogo attraverso il costruito, proponendone così un’ulteriore chiave di lettura. Ho cercato di creare un luogo della contemplazione e indagare il ruolo dell’arte pubblica oggi, che ritengo debba saper accogliere il presente.” Ha detto Edoardo Tresoldi commentando il suo lavoro.

L’installazione, il cui cantiere ha avito inizio nei primi giorni del mese di luglio, verrà inaugurata a settembre 2020 e si inserirà all’interno di uno dei più ampi spazi pubblici europei.

Opera, l’installazione di Edoardo Tresoldi a Reggio Calabria
Art
Opera, l’installazione di Edoardo Tresoldi a Reggio Calabria
Opera, l’installazione di Edoardo Tresoldi a Reggio Calabria
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4
Pixar ha annunciato il suo nuovo cartone “Luca”

Pixar ha annunciato il suo nuovo cartone “Luca”

Emanuele D'Angelo · 7 giorni fa · Art

La Disney ha ufficialmente confermato il titolo e la data di uscita del nuovo film d’animazione della Pixar, si chiameròà Luca e avrà un’ambientazione tutta italiana.

Diretto da Enrico Casarosa e prodotto da Andrea Warren, il film racconterà la storia di un ragazzo di nome Luca mentre vive un’estate indimenticabile in una cittadina di mare della Riviera italiana. Il film uscirà nelle sale nell’estate 2021.

Per il momento sono disponibili solo due immagini, per il trailer e qualche dettaglio in più dovremo ancora aspettare, ma qui trovate le anticipazioni del regista Enrico Casarosa : «Questa è una storia profondamente personale, non solo perché è ambientata nella Riviera italiana dove sono cresciuto, ma perché al centro di questo film c’è la celebrazione dell’amicizia. Le amicizie infantili spesso stabiliscono la rotta di chi vogliamo diventare e sono proprio quei legami ad essere al centro della nostra storia in Luca». «Così, oltre alla bellezza e al fascino del mare italiano, il nostro film racconterà un’avventura estiva indimenticabile che cambierà radicalmente Luca».

Decisamente troppo presto per farsi una minima idea di come sarà il nuovo cartone, ma speriamo riescano a stupirci come sempre.

Pixar ha annunciato il suo nuovo cartone “Luca”
Art
Pixar ha annunciato il suo nuovo cartone “Luca”
Pixar ha annunciato il suo nuovo cartone “Luca”
1 · 2
2 · 2
“From Street to Land”, la spettacolare arte di Saype

“From Street to Land”, la spettacolare arte di Saype

Emanuele D'Angelo · 3 giorni fa · Art

Guillaume Legros in arte Saype (da Say peace) è nato a Belfort, in Francia, ha vissuto a Moutier e ora a Bulle, in Svizzera, e, dal 2015, è diventato così internazionalmente noto al punto che la rivista Forbes lo ha inserito, nel 2019, fra le 30 giovani personalità più influenti nel campo dell’arte e della cultura. 

Il giovane artista franco-svizzero in pochi anni ha scalato le vette del panorama artistico fino a giungere all’Olimpo della Land Art ed essere considerato uno degli artisti più influenti degli ultimi anni.
Lo stesso Guillaume Legros si definisce un ibrido fra artista dedito alla street art e alla Land art, con il suo motto “From Street to Land”

E proprio in questi giorni, Saype ha ultimato la sua ultima opera “Un grand Homme et l’Avenir II”, realizzata con vernici biodegradabili a base di pigmenti naturali, l’artwork sbiadirà poi al ritmo della crescita dell’erba, mettendo in discussione il nostro rapporto con la natura.

Un dipinto su erba, alto 128 metri e largo 36 metri, che copre una superficie di quasi 4.500 m2. Raffigura un nonno e una nipote che pescano al lac du Sénateur, un artwork che si augura sia d’ispirazione per le future generazioni.

“From Street to Land”, la spettacolare arte di Saype
Art
“From Street to Land”, la spettacolare arte di Saype
“From Street to Land”, la spettacolare arte di Saype
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
Barilla e Federer insieme per uno speciale match sui tetti

Barilla e Federer insieme per uno speciale match sui tetti

Giulia Guido · 3 giorni fa · Art

Vittoria e Carola sono due giovani ragazze di Finale Ligure che durante il lockdown, spinte dalla voglia di continuare a praticare il loro sport preferito, sono salite sui tetti delle loro case a hanno cominciato a palleggiare da una terrazza all’altra. Il video che le mostra intente a far volare la pallina da una casa all’altra a suon di dritti e di rovesci è diventato virale in pochi giorni. 

Lo abbiamo visto tutti e ci siamo un po’ emozionati perché rappresenta i sogni che non si fermano di fronte a nulla, la passione per qualcosa che ci fa stare bene che non può essere rinchiusa in casa. Il video che ha fatto il giro del mondo è arrivato anche in Svizzera, precisamente a casa di Roger Federer che, come tutti, è rimasto affascinato dalle immagini che gli hanno ricordato un Roger più giovane trainato dalla pura passione. 

Da qui, l’idea di Barilla di far incontrare le due ragazze che hanno trasformato il tennis in un simbolo di speranza con il campione diventato leggenda Roger Federer, e di organizzare un match speciale, su quello stesso tetto diventato virale. 

“Il tetto è stato un luogo eccezionale in cui giocare. L’avevo visto precedentemente sui social media e trovarmi lì di persona è stato grandioso. Ho giocato in tanti posti magnifici in tutto il mondo ma questo resterà decisamente uno dei migliori perché legato a un’esperienza speciale.”

Barilla, da sempre sinonimo di convivialità, è riuscita a riunire i tre protagonisti di questa incredibile storia, raccontata attraverso un video dal titolo The Rooftop Match with Roger Federer, e che non poteva non concludersi davanti a un meraviglioso piatto di pasta. 

Al centro di questo magnifico racconto rimane la passione per ciò che si ama, la passione che ha portato Roger Federer a diventare il campione che è oggi, la passione che ha spinto Vittoria e Carola a trasformare il tetto di casa in un campo da tennis e la passione con cui da sempre Barilla trasmette l’importanza dello stare insieme. 

Barilla e Federer insieme per uno speciale match sui tetti
Art
Barilla e Federer insieme per uno speciale match sui tetti
Barilla e Federer insieme per uno speciale match sui tetti
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5