Le illustrazioni di Daniel Carlsten

Le illustrazioni di Daniel Carlsten

Giulia Guido · 2 settimane fa · Art

In un momento storico in cui tutti hanno qualcosa da raccontare, il come viene raccontato fa la differenza e le illustrazioni di Daniel Carlsten sembrano il modo perfetto. 

Daniel è un digital artist e art director di Stoccolma. Dopo aver lavorato per Acne Studios ha deciso di intraprendere la carriera da freelance, cambiamento che gli ha permesso di curare diversi progetti, cambiando spesso cliente e passare dalla progettazione di oggetti alla cura di libri, cataloghi, poster e molto altro. Ad oggi, infatti, conta collaborazioni con nomi come Le Bon Marché, Herman Miller, Rimowa, Van Cleef & Arpels, ma anche con magazine come Nowness e Dwell per i quali ha svolto lavori editoriali. 

Le sue illustrazioni caratterizzate da campiture piatte, colori pieni e forme essenziali, si adattano ad ogni occasione e richiesta. Diventano il mezzo perfetto per mostrare delle scarpe in maniera nuova e originale, ma anche per raccontare studi statistici, o ancora per raccontare il lavori di studi di design e presentare i loro nuovi prodotti. 

Quelle di Daniel Carlsten sono immagini immediate, dal forte impatto e comprensibili a tutti. 

Abbiamo selezionato alcuni suoi lavori, ma per scoprire di più andate sul suo sito e sul suo profilo Instagram e se fate un salto in Svezia potrete imbattervi nelle sue creazioni al Museo Nazionale di Stoccolma e al Röhsska Design Museum di Göteborg.

Le illustrazioni di Daniel Carlsten
Art
Le illustrazioni di Daniel Carlsten
Le illustrazioni di Daniel Carlsten
1 · 24
2 · 24
3 · 24
4 · 24
5 · 24
6 · 24
7 · 24
8 · 24
9 · 24
10 · 24
11 · 24
12 · 24
13 · 24
14 · 24
15 · 24
16 · 24
17 · 24
18 · 24
19 · 24
20 · 24
21 · 24
22 · 24
23 · 24
24 · 24
Bedtime Stories, il nuovo progetto di Maurizio Cattelan

Bedtime Stories, il nuovo progetto di Maurizio Cattelan

Giulia Pacciardi · 2 settimane fa · Art

Mentre qualche museo in giro per il mondo comincia a riaprire i battenti, con tutte le restrizioni del caso, sono molte le gallerie che, in collaborazione con diversi artisti, continuano a lavorare su progetti esclusivamente digitali.

Fra questi c’è Maurizio Cattelan, l’irriverente artista italiano conosciuto in tutto il mondo per le sue opere umoristiche e controverse.
Cattelan, al fianco del New Museum di New York City, ha da qualche giorno lanciato Bedtime Stories, un progetto da ascoltare che coinvolgerà numerosi artisti ogni giorno fino alla fine del mese di giugno.

Stando a quanto ha detto l’artista stesso, Bedtime Stories è “un modo di stare insieme durante questi giorni di isolamento”, per ascoltare storie diverse narrate da personalità d’eccezione.
Ai colleghi, infatti, ha chiesto di condividere la lettura di un passo del loro libro preferito e, se alcuni hanno fatto esattamente ciò che gli è stato consigliato, altri hanno deciso di intraprendere strade completamente diverse.

È il caso di Iggy Pop, ad esempio, che ha preferito leggere un tenero e divertente tributo al suo cane, vecchio compagno di vita.

“Sarebbe stato deprimente se tutti gli artisti invitati avessero scelto favole e storie per bambini. Ci rivolgiamo agli artisti per la loro abilità di mostrarci ciò che non ci aspettiamo ed è per questo che sono grato a tutti i partecipanti per essersi inventati cose davvero strane”. – Ha detto Cattelan al New York Times in un’intervista legata al suo nuovo progetto.

Al momento sul sito del New Museum è possibile ascoltare le storie di David Byrne, Andra Ursuta, Abraham Cruzvillegas, Tacita Dean e Iggy Pop, ma, connettendovi ogni giorno, troverete qualcosa di nuovo ad allietare qualche minuto delle vostre giornate.

Bedtime Stories, il nuovo progetto di Maurizio Cattelan
Art
Bedtime Stories, il nuovo progetto di Maurizio Cattelan
Bedtime Stories, il nuovo progetto di Maurizio Cattelan
1 · 2
2 · 2
“Beyond”, e se il lockdown non fosse mai finito?

“Beyond”, e se il lockdown non fosse mai finito?

Emanuele D'Angelo · 2 settimane fa · Art

Beyond” è la serie di Giovanni Garrone che immagina come la natura avrebbe preso il sopravvento se il lockdown fosse continuato.
Una serie distopica, l’artista italiano ha realizzato un mondo in cui i luoghi più famosi diventano quasi irriconoscibili a causa della natura, che pian piano avanza e torna a fiorire ovunque.

Monumenti come la Torre Eiffel, la Statua della Libertà e la Basilica di San Pietro diventano irriconoscibili, sommersi dalla grande forza della natura, Dubai ostaggio delle palme, mentre Londra da sola nel suo silenzio viene divorata dagli alberi. Piante, fiori e liane sovrastano tutto il possibile, lasciando solo dei piccoli scorci di bellezza.

“Beyond” rappresenta secondo Giovanni Garrone “gli effetti della quarantena mondiale che dura più a lungo”.  La natura invade gli spazi artificiali che incontrastata si riprende ciò che è sempre stato suo.

“Beyond”, e se il lockdown non fosse mai finito?
Art
“Beyond”, e se il lockdown non fosse mai finito?
“Beyond”, e se il lockdown non fosse mai finito?
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Tre pinguini in visita al Museo Nelson-Atkins di Kansas City

Tre pinguini in visita al Museo Nelson-Atkins di Kansas City

Giulia Guido · 2 settimane fa · Art

Durante il lockdown, non solo negozi, aziende e scuole hanno dovuto sospendere le proprie attività, ma anche i musei hanno chiuso momentaneamente le loro porte. Però, il Nelson-Atkins Museum of Art di Kansas City, in collaborazione con lo Zoo della città, ha deciso di cogliere l’occasione al colo e permettere a dei visitatori davvero speciali di godere della bellezza dei dipinti di Caravaggio, di Monet e molti altri. 

Così, le porte del Museo si sono aperte giusto quel tanto che bastava per far entrare tre pinguini curiosi di fare un viaggio nella storia dell’arte. Mentre Bubbles, Maggie e Berkley zampettavano per le sale e i corridoi, l’amministratore delegato del museo, Julián Zugazagoitia, e il direttore esecutivo dello zoo, Randy Wisthoff, hanno cercato di studiare i movimenti dei piccoli animali. “Sembravano reagire molto meglio a Caravaggio che a Monet” ha commentato Wisthoff. 

In fin dei conti chi siamo noi per non permettere agli animali di godere della bellezza dell’arte. 

Guardate il video della visita!

Tre pinguini in visita al Museo Nelson-Atkins di Kansas City
Art
Tre pinguini in visita al Museo Nelson-Atkins di Kansas City
Tre pinguini in visita al Museo Nelson-Atkins di Kansas City
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
“Thank you project” le illustrazioni di Tillanelli Studio

“Thank you project” le illustrazioni di Tillanelli Studio

Emanuele D'Angelo · 2 settimane fa · Art

Uno studio di illustrazione creato da donne. Focalizzate su illustrazione, design, animazione e pizza“. Poche semplici ed esplicative righe ci introducono nel mondo di Tillanelli Studio.

Fondato da due artiste russe : Katya Trofimova e Irina Kiro, Tillanelli è un studio di illustrazione tutto al femminile e “diffuso” a livello internazionale, Una squadra di professionisti che arrivano da ovunque, dalla Russia, anche dalla Lituania, dalla Bielorussia, dall’Argentina, dalle Filippine, dalla Corea del Sud e infine dall’Italia.

Tillanelli Studio ha deciso di rilasciare una serie di illustrazioni chiamata: “Thank you project“, al fine di rendere un tributo, un omaggio a tutti gli operatori sanitari che in prima linea hanno combattuto contro il virus e ancora lo faranno.

Diciamo GRAZIE a tutti gli operatori sanitari e ai volontari più forte che possiamo! Insieme ai nostri illustratori di Russia, Italia, Lituania, Bielorussia, Filippine, Corea del Sud e Argentina abbiamo realizzato una serie di poster dedicati a chi combatte COVID-19. Scaricate i poster dal nostro sito web, stampateli e affiggeteli ovunque gli eroi moderni possano vederli.”

“Thank you project” le illustrazioni di Tillanelli Studio
Art
“Thank you project” le illustrazioni di Tillanelli Studio
“Thank you project” le illustrazioni di Tillanelli Studio
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12