Il mondo e i suoi difetti nelle illustrazioni di Daniel Garcia

Il mondo e i suoi difetti nelle illustrazioni di Daniel Garcia

Giulia Guido · 4 mesi fa · Art

È l’attualità in tutte le sue forme a ispirare i lavori di Daniel Garcia. Nato a Lisbona, Daniel Garcia si è fatto notare grazie alle sue illustrazioni che riescono a restituire un puntuale e schietto punto di vista su questioni legate alla politica, al mondo dei social, alla questione ambientale. Daniel non è il primo artista che utilizza la propria arte per veicolare il proprio pensiero critico, ad esempio un po’ di tempo fa abbiamo parlato di Pawel Kuczynski.

Con uno stile semplice e colorato, il messaggio di Daniel Garcia riesce ad arrivare indistintamente a tutti. Questa capacità gli ha permesso di lavorare per alcune delle più importanti testate europee e non solo, tra cui spiccano L’Espresso, Le Monde Libertaire, Periodico Diagonal e GQ UK. 

Scopri una selezione delle illustrazioni di Daniel Garcia qui sotto e per saperne di più seguite l’artista su Instagram

Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
v
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Daniel Garcia | Collater.al
Il mondo e i suoi difetti nelle illustrazioni di Daniel Garcia
Art
Il mondo e i suoi difetti nelle illustrazioni di Daniel Garcia
Il mondo e i suoi difetti nelle illustrazioni di Daniel Garcia
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra

Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra

Claudia Fuggetti · 4 mesi fa · Art

Nel negozio Gross Domestic Product non si può entrare, ma le vetrine sulla strada sono piene di opere d’arte di Banksy e oggetti che richiamano i suoi lavori attraverso disegni e decorazioni.

Sullo stesso filone di Dismaland, il negozio è l’ultima trovata dell’artista per criticare i principali problemi della società globale: la migrazione umana forzata, lo sfruttamento degli animali e la sorveglianza di massa. Tony the Tiger (la mascotte dei cereali Kellogg’s) sacrificata come tappeto da salotto, bambole di legno che consegnano i loro bambini ai contrabbandieri in rimorchi di camion merci e tappeti ricavati dai giubbotti di salvataggio: la vetrina a sud di Londra rappresenta una distopia capitalista.

In una dichiarazione sul progetto, Banksy ha spiegato che l’imput principale che gli ha dato la spinta per realizzare il negozio è una battaglia legale tra l’artista e un’azienda di biglietti d’auguri che contesta il marchio Banksy.

Sarà possibile acquistare gli articoli presenti nel negozio fisico su una apposita piattaforma online, mentre il negozio fisico resterà aperto per le prossime due settimane nel quartiere di Croydon.

In perfetto stile Banksy, gli oggetti venduti saranno usati per comprare una nuova nave per la Ong Open Arms, che opera da tempo nel Mediterraneo per soccorrere i migranti.

Dai un’occhiata anche al video qui sotto:

Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra | Collater.al
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra | Collater.al
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra | Collater.al
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra | Collater.al
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra | Collater.al
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra | Collater.al
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra | Collater.al
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra
Art
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra
Gross Domestic Product, il negozio di Banksy a Londra
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Spenser Little, sculture in fil di ferro sparse per la città

Spenser Little, sculture in fil di ferro sparse per la città

Claudia Fuggetti · 4 mesi fa · Art

L’artista californiano Spenser Little ha trascorso gli ultimi 15 anni creando sculture modellate con il fil di ferro, ottenendo splendidi ritratti.

Le sue sculture sono state installate su lampioni e altre strutture esistenti in tutto il mondo e sono state esposte in occasione di numerose mostre. La maggior parte dei suoi lavori sono stati eseguiti dall’artista servendosi di un unico filo metallico continuo, altri hanno richiesto l’intervento di più parti.

Spenser Little piega il materiale rigido usando un paio di pinze, fino a quando la figura non si adatta all’immagine che ha in mente. Le creazioni hanno una duplice personalità ed alternano l’ironia e la giocosità alla riflessione sulla nostra società, così ossessionata dalla tecnologia.

Molte opere dell’artista sono state collocate presso delle gallerie, come ad esempio la Thinkspace Gallery, mentre altre sono state lasciate in strada, rivelando la loro anima street.

Segui ora l’artista su Instagram per vedere in quali parti del mondo ha collocato le sue sculture!

Spenser Little, sculture in fil di ferro sparese per la città | Collater.al
Spenser Little, sculture in fil di ferro sparese per la città | Collater.al
Spenser Little, sculture in fil di ferro sparese per la città | Collater.al
Spenser Little, sculture in fil di ferro sparese per la città | Collater.al
Spenser Little, sculture in fil di ferro sparese per la città | Collater.al
Spenser Little, sculture in fil di ferro sparese per la città | Collater.al
Spenser Little, sculture in fil di ferro sparse per la città
Art
Spenser Little, sculture in fil di ferro sparse per la città
Spenser Little, sculture in fil di ferro sparse per la città
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird

Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird

Claudia Fuggetti · 4 mesi fa · Art

Il duo di artisti anonimi MonkeyBird realizza murales di grandi dimensioni che riprendono la tradizione stilistica visuale associata al mondo della mitologia e a quello dell’alchimia.

I due artisti con base a Bordeaux vivono viaggiando in giro per il mondo e lavorando sia in esterni, che in interni; prossimamente saranno a Mosca fino all’11 ottobre per un nuovo progetto. I membri di MonkeyBird hanno affermato che la loro formazione in graphic design e in industrial design ha giocato un ruolo decisivo nella delineazione del loro immaginario.

Lo stile di MonkeyBird è costituito da degli elementi ricorrenti come gli articolati disegni in bianco e nero di animali-creature mitologiche, arricchiti dal clor oro, tinta che fa subito pensare alla grafica dei testi sacri antichi. La maggior parte delle opere d’arte del duo raffigurano una scimmia umanoide e un uccello che rappresentano “le due facce del genere umano: la scimmia è realista, l’uccello è un sognatore”, come ha affermato la 5Art Gallery di Parigi.

Elementi essenziali che si ricollegano ad una tradizione visuale consolidata come l’architettura classica, i dispositivi di cronometraggio e le bilance, aggiungono un aspetto senza tempo ai dipinti della coppia.

Segui i nuovi progetti di MonkeyBird su Instagram e acquista una stampa in edizione limitata che trovi qui.

Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird | Collater.al
Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird | Collater.al
Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird | Collater.al
Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird | Collater.al
Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird | Collater.al
Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird | Collater.al
Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird
Art
Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird
Mitologia ed alchimia nei murales di MonkeyBird
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Il corpo della donna nei dipinti di Sasha Podgurska

Il corpo della donna nei dipinti di Sasha Podgurska

Claudia Fuggetti · 4 mesi fa · Art

Sasha Podgurska è una pittrice ucraina che ritrae il corpo della donna nella sua complessa armonia di forme. Rilassarsi, ballare e prendere il sole in riva al mare: i suoi soggetti, per lo più nudi, sono pieni di gioia di vivere.

“Cerco di rappresentare il modo spensierato di vivere in armonia con la natura, così come le donne che godono dei doni e della bellezza dell’ambiente mediterraneo”.

Dopo aver studiato disegno, storia dell’arte, mitologia greca antica e psicologia a scuola, Sasha si è spontaneamente indirizzata verso il nudo artistico, ispirandosi ai dettagli iper-realistici delle opere rinascimentali.

L’artista ama anche sperimentare e lo fa servendosi di acquerelli e altri tipi di tecniche. Ogni scena rappresenta momenti della quotidianità in chiave voluttuosa e sensuale, che si tratti di una gita in spiaggia o di un momento di ritorvo con delle amiche.

Scopri altri lavori di Sasha sul suo sito.

Il corpo della donna nei dipinti di Sasha Podgurska
Art
Il corpo della donna nei dipinti di Sasha Podgurska
Il corpo della donna nei dipinti di Sasha Podgurska
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16