Emma Barreca aka @hypoison

Emma Barreca aka @hypoison

Collater.al Contributors · 11 anni fa · Photography

Emma Barreca ha 31 anni, si occupa di marketing e comunicazione come freelance e su Instagram è @hypoison. Con i suoi oltre 100.000 follower è una delle utenti più seguite in Italia pur essendo, per fortuna sua, una perfetta sconosciuta. “Ho un debole – dice di sé – per tutto quello che riguarda l’espressione visiva (e quindi cinema, fotografia, graphic design, illustrazione): la vista è un senso di cui abuso decisamente”.

Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison

– Ho studiato il tuo profilo e la prima foto risulta essere il 10 novembre 2010. Un mese dopo la nascita di Instagram. Dunque quando apri @hypoison e come hai scoperto ig. Inoltre è proprio quella la tua prima foto?

– Ho scaricato e installato Instagram diversi giorni prima di caricare e condividere la prima foto, per cui l’app è rimasta un po’ in stand-by sul mio iPhone, “in attesa di giudizio”. L’ho scaricata perché continuavo a vederla segnalata sull’App Store, e mi sono detta: “Vediamo come mai piace così tanto”. In realtà pensavo fosse una semplice app di editing fotografico, e quando invece mi sono resa conto che serviva più che altro per la condivisione di foto ho avuto qualche esitazione. Per questo motivo ci ho ragionato un po’ prima di registrarmi e cominciare a utilizzarla effettivamente. Riguardo alla mia prima foto, sì, è proprio quella! Un chiaro “test”, quasi anticipatore del trend degli autoscatti davanti allo specchio del bagno poi diventati così popolari su Instagram.

– Hai uno stream con 433 foto: o scatti poco o hai cancellato le foto. Confessa?

– Confesso. Scherzi a parte: credo di aver cancellato una manciata di foto, quindi non così tante da stravolgerne il totale. Come avrai visto ci sono stati anche periodi in cui sono stata decisamente poco attiva. In realtà scatto moltissimo, ma diciamo che non ho la “smania” di condividere. Evidentemente funziono al contrario, scatto a raffica ma condivido su Instagram solo quando sono ispirata.

– In generale hai un gran seguito: quando è avvenuto il momento di passaggio da comune mortale a essere una delle utenti italiane con più follower su Instagram?

– C’è stata una vera e propria “esplosione” nel momento in cui sono stata inserita da Instagram nella pagina degli “utenti suggeriti”, dove sono rimasta ininterrottamente dal lancio della funzione (credo fosse l’inizio del 2011) fino a pochi mesi fa. In poco tempo – ovviamente prima dello “sbarco” delle star e dei grandi brand su Instagram – mi sono ritrovata anche nella classifica internazionale dei Top 100 instagramers, che è una bella soddisfazione. Ad ogni modo, prima di essere suggerita direttamente da Instagram avevo già raggiunto circa 15 mila followers (tutti conquistati con il sudore della fronte). Numeri che all’epoca rappresentavano già un bel traguardo. Inizialmente hanno giocato a mio favore le molte segnalazioni (o shoutout, come vengono spesso definiti) ricevute da parte di utenti già molto influenti, e anche la visibilità offerta dalla Popular Page (recentemente rinominata “Esplora”) dove sono arrivate molte delle mie foto.

Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison
Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison
Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison

– Ho visto, come dicevo prima, che pubblichi poche foto, ma ti ho visto però scattarne tante. Parliamo un momento della differenza scattare e pubblicare: come scegli, qual è la tua linea editoriale, quali sono le motivazioni che ti portano a dire “pubblico?”

– Per me Instagram è sempre stato un mezzo, e non un fine. Io scatto a prescindere, perché riesco ad esprimermi e trovo interessante e utile fermare pensieri e momenti in una fotografia?. La condivisione è una fase diversa, dove entrano in gioco altri fattori. Probabilmente mi sono abituata a usare Instagram come un “Flickr per foto con smartphone”, quindi sono poche le occasioni in cui scatto proprio con la finalità di condividere le foto in tempo reale. Spesso sono assorbita da altri impegni, e non riesco a dedicarmi al processo di selezione che trasforma una foto in una “foto postata su Instagram”; oppure scatto foto che hanno un valore personale, che non nascono per essere pubblicate. In generale, diciamo che condivido le foto che mi piacciono di più, quando penso che abbiano qualcosa a livello estetico o comunicativo che può interessare anche agli altri. Magari, sfogliando il mio camera roll (sempre straripante), l’occhio mi cade su una particolare foto che in quel momento mi colpisce. Sono convinta, infatti, che le foto assumano sfumature diverse quando “l’emozione” legata al momento dello scatto viene meno; quindi pubblicando subito rischio di rivedere la foto dopo qualche giorno e quasi non riconoscerla, o non apprezzarla allo stesso modo al di fuori del contesto in cui è stata scattata. Oppure accade il contrario, e magari una foto scattata e “dimenticata” ti dice qualcosa di nuovo in un momento successivo. Diciamo che per me il momento dello scatto è molto istintivo, all’opposto della condivisione (salvo rari casi).

– I titoli che ruolo hanno nelle tue foto ora e in passato?

– All’inizio non li mettevo mai. Un titolo indubbiamente completa la foto, di solito ne suggerisce una chiave di lettura. Per questo li omettevo, per vedere che tipo di impressioni spontanee suscitavano negli altri utenti, cercando proprio un confronto tra il titolo “immaginario” che le foto avevano nella mia testa e quello che realmente la foto comunicava agli altri. Adesso, invece, metto un titolo o almeno una didascalia per ogni foto che condivido, e devo dire che quando vedo immagini prive di qualsiasi descrizione mi sembra che manchi effettivamente qualcosa. Ma è solo una questione di abitudine, probabilmente.

– Fase di “scatto” e fase di “editing”: come scatti, come editi, come decidi cosa usare?

– Confesso di essere un po’ pigra e, come dicevo, preferisco scattare senza perdermi in troppe impostazioni e settaggi (è anche per questo che mi sono trovata subito a mio agio con l’iPhone). Per cui, molto semplicemente, scatto con l’applicazione nativa dell’iPhone, edito al massimo con Snapseed e poi carico su Instagram. Ogni tanto faccio esperimenti con altre app (in pratica colleziono quelle per il fotoediting, che regolarmente scarico e alla fine non utilizzo), ma diciamo che questo tipo di postproduzione non rientra nel mio workflow abituale.

Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison
Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison
Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison

– Come è cambiata la tua “produzione”: ad esempio le cornici, prima c’erano ora mi pare meno. Le usi, non le usi?

– In un certo senso, la mia “produzione”, è cambiata come è cambiata Instagram. Una volta c’erano solo filtri con i bordi, per cui la scelta era obbligata. Ora che posso scegliere di non usarli, invece, tendenzialmente ne faccio a meno. C’è stato un cambiamento anche nell’uso dei filtri da applicare alle foto: prima mi piacevano gli effetti saturi e contrastati, ora mi trovo meglio con con filtri più delicati (che sono stati introdotti dopo).

– Nelle tue foto ci sono molti paesaggi che però sembrano essere dei non-luoghi: concordi? E come mai pochi “umani”?

– Dipende come sempre da una combinazione di fattori. In effetti mi hanno sempre affascinato le atmosfere un po’ estranianti di certi quadri surrealisti e metafisici, e forse inconsapevolmente tendo a replicare quelle sensazioni con ciò che ho a disposizione tutti i giorni. Credo infatti che molto dipenda dal contesto “ambientale” in cui si producono le foto: voglio dire, se abitassi in una grande città forse istintivamente mi sarei avvicinata alla street-photography, ma visto che vivo in una posizione piuttosto decentrata, in cui la componente paesaggistica è di grande interesse, mi viene più facile rivolgere lo sguardo alla natura, cogliendo soprattutto il senso di tranquillità e pace che mi trasmette. Il silenzio, l’assenza di movimento, sono dettagli che mi piace mettere in evidenza. In realtà mi piacciono molto anche i ritratti, ma in quel caso mi sento più a mio agio con una reflex, che grazie ad ottiche diverse, rispetto a quelle dell’iPhone, permette di cogliere espressioni e volti con discrezione, senza avvicinarsi troppo al soggetto.

– Quanto c’è di Emma nelle tue foto?

– Che rispondere? Ti riporto un pezzo della citazione di F. Pessoa che occupa (non a caso) la mia bio su Instagram, rimasta immutata dal primo giorno: “I viaggi sono i viaggiatori. Quello che vediamo non è quello che vediamo, ma quello che siamo.” Una foto non è mai oggettiva, è sempre un’interpretazione della realtà, che viene filtrata dai sensi di chi osserva. Se una foto è “vera”, quindi non forzata, credo rispecchi al 100% il suo autore.

Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison
Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison

– Intorno ad Instagram c’è un gran parlare, tu come vedi tutti questi cambiamenti e inoltre quanto la tua produzione fotografica è legata ad Instagram. Voglio dire, potresti pensare mai di pubblicare quel che pubblichi su altri social?

– La percezione che posso avere io riguardo a Instagram è sicuramente diversa da quella che ha un utente appena iscritto: l’app è cambiata molto in questi due anni, e averne vissuto tutta l’evoluzione permette di avere un punto di vista molto più ampio sul fenomeno complessivo. A mio avviso ci si sofferma troppo sul presunto conflitto tra Instagram e la fotografia tradizionale, che è forse il modo più superficiale di vedere la questione, mentre molti altri aspetti del fenomeno, anche importanti, vengono trascurati. Come ti ho detto prima, per me Instagram rimane un mezzo, uno dei tanti a disposizione per la condivisione (più che per la produzione, che può essere fatta con molte altre applicazioni) di immagini, anche se oggi è il più conosciuto e apprezzato da diverse tipologie di utenti. Penso che potrei tranquillamente aprire un account su Flickr o altri servizi simili per raccogliere le mie foto, e probabilmente in futuro lo farò. Ciò che distingue Instagram dagli altri servizi è il senso di “community”, così sviluppato, percepibile dagli utenti fin dal primo momento.

– La fotografia esisteva prima di Instagram, e  in che forme?

– Esisteva anche prima: all’inizio con le fantastiche “usa e getta” (avevo 13 o 14 anni e non perdevo occasione di riempire rullini su rullini documentando qualsiasi esperienza), poi con fotocamere compatte a rullino e infine reflex a pellicola e dal 2005 digitali. La fase della fotografia “totalmente inconsapevole” dal punto di vista tecnico è finita intorno al primo anno di Università, quando mi sono iscritta a un corso di fotografia, frequentando per un po’ anche un circolo fotografico. Poi ho continuato ad approfondire da sola, soprattutto leggendo.

– Qual è la foto a cui sei più legata?

– Domanda difficilissima. In qualche modo sono legata a tutte, perché ognuna si porta dietro i ricordi del momento in cui è stata scattata; alcune hanno anche un valore particolare perché sono collegate a esperienze su Instagram che ricordo con affetto (amici conosciuti, contest a cui ho partecipato, commenti ricevuti che mi hanno fatto particolare piacere…). Non riesco a sceglierle, mi dispiace!

– Un Instagramers straniero a cui vorresti rubare le foto per pubblicarle tu?

– Potrei dire @komeda (Philip Park). Un maestro della composizione, che con grande delicatezza mette a confronto in ogni scatto la figura umana con l’ambiente circostante, dentro cui sembra quasi perdersi. Ma forse anche @koci (Koci Hernandez): mi piacciono le sue foto “scure”, con contrasti definiti e frequenti giochi con le ombre di persone e oggetti.

Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison
Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison
Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison
Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison
Emma Barreca - Intervista all'Instagram User @hypoison

@hypoison

Emma Barreca aka @hypoison
Photography
Emma Barreca aka @hypoison
Emma Barreca aka @hypoison
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Tintilia di Lello Muzio parla di tradizione e Molise

Tintilia di Lello Muzio parla di tradizione e Molise

Collater.al Contributors · 2 giorni fa · Photography

Osserviamo i progetti di Lello Muzio già un pò. Prima in occasione dell’edizione di Liquida Photo Fest dell’anno scorso ma anche in occasione di S O S P E S A, un percorso composto da otto immagini di fotografia concettuale. Questa volta parliamo di lui in relazione a ‘Tintilia‘, un altro progetto fotografico che si ispira alla preghiera al vino, «con il quale eliminare gli affanni e cantare in una lingua che va al di là dell’umano». La protagonista è la ballerina Francesca Sara Spallone e questa serie di immagini e un vero e proprio omaggio alla sua terra, il Molise, e «alla sua remissiva e tribale saggezza» come ci dice Lello Muzio attraverso le parole di Antonio Mastrogiorgio.

Tintilia di Lello Muzio sarà in mostra anche nell’edizione di Liquida Photo Fest di quest’anno, dal 3 al 5 maggio a Torino.

Tintilia di Lello Muzio parla di tradizione e Molise
Photography
Tintilia di Lello Muzio parla di tradizione e Molise
Tintilia di Lello Muzio parla di tradizione e Molise
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
La solitudine negli scatti di Kira Gyngazova

La solitudine negli scatti di Kira Gyngazova

Giulia Guido · 2 giorni fa · Photography

Nata a San Pietroburgo, è da anni che Kira Gyngazova trascorre il suo tempo tra l’Asia e l’Europa, da Bangkok a Parigi. Questi continui trasferimenti hanno inciso non solo sulla sua vita, ma anche sulla sua fotografia. Infatti, è proprio quando si è trasferita la prima volta che Kira Gyngazova ha sentito la necessità di comprare una macchina fotografica e iniziare a catturare ciò che la circondava, nuovi volti, nuove strade, nuovi luoghi. 

Con il tempo, Kira ha spostato la sua attenzione sulle persone che vivono le città, cercando di mostrare come a volte la vita in grandi metropoli iper-popolate possa essere solitaria. La stessa Kira Gyngazova, ad ogni nuovo trasferimento, notava come fosse facile vivere in mezzo a milioni di persone e sentirsi comunque soli e come le città si trasformavano in deserti. 

Proprio per questo motivo i suoi scatti raccontano di locali semi vuoti dove ognuno vive in solitaria la propria esistenza, di persone sedute su un autobus o un traghetto con gli sguardi persi nel vuoto, circondati da altrettanti sguardi vuoti e indifferenti. 

Inoltre, la solitudine delle persone sembra avvolgere i luoghi, le stanze spoglie e monocolore, le fermate della metropolitana deserte.

Qui sotto puoi trovare alcuni scatti di Kira Gyngazova, ma per scoprirne di più visitate il suo sito e il suo profilo Instagram

La solitudine negli scatti di Kira Gyngazova
Photography
La solitudine negli scatti di Kira Gyngazova
La solitudine negli scatti di Kira Gyngazova
1 · 20
2 · 20
3 · 20
4 · 20
5 · 20
6 · 20
7 · 20
8 · 20
9 · 20
10 · 20
11 · 20
12 · 20
13 · 20
14 · 20
15 · 20
16 · 20
17 · 20
18 · 20
19 · 20
20 · 20
Gli autoritratti introspettivi di Handra Rocha

Gli autoritratti introspettivi di Handra Rocha

Federica Cimorelli · 1 giorno fa · Photography

Handra Rocha, in arte fotolucida, è una fotografa autodidatta messicana, di Tampico in Tamaulipas. La sua arte si concentra sull’autoritratto come mezzo di analisi, catarsi ed esplorazione interiore.

Disconnect to create from source.

Le sue fotografie, a colori o in bianco e nero, la vedono immersa in paesaggi naturali desolati dove è possibile entrare in profonda connessione con il circostante. Handra Rocha mescola fotografia, make-up, styling e set design e dà vita a immagini creative, equilibrate e sospese nel tempo.

– Leggi anche: I progetti fotografici di nudo artistico di Dawid Imach

Guarda qui una selezione delle sue opere, seguila su Instagram e visita il suo sito personale

Gli autoritratti introspettivi di Handra Rocha
Photography
Gli autoritratti introspettivi di Handra Rocha
Gli autoritratti introspettivi di Handra Rocha
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Il surrealismo storico di Phillip Toledano

Il surrealismo storico di Phillip Toledano

Anna Frattini · 22 ore fa · Photography

Di intersezioni fra il mondo dell’Intelligenza Artificiale e quello della fotografia ne abbiamo parlato tantissimo nel corso degli ultimi mesi, sopratutto in occasione di Photo Vogue e del contributo di Andrea Baioni nei visual di questo articolo di Laura Tota. Torniamo a riparlarne oggi con l’uscita del libro di Phillip Toledano, Another America – pubblicato da L’Artiere. L’artista parla di surrealismo storico commentando l’uscita di questo progetto, tutto da scoprire in questo progetto, in vendita dal 25 aprile.

Another America di Phillip Toledano è una storia inventata ambientata a New York. Un viaggio negli anni ’40 e re-immaginati attraverso l’AI e i brevissimi racconti di John Kenney – penna che avrete letto sul New Yorker. Questo libro nasce da una riflessione sulla verità e sulla situazione politica americana, il tutto in un paese consumato dalle teorie del complotto. Segue a ruota l’arrivo dell’AI che corrobora questo sentimento ed ecco Toledano, pronto a mettere in discussione anche la fotografia grazie all’aiuto del primo mezzo in grande di rendere tutto vero e niente vero.

«Per me, la cosa affascinante dell’IA è la possibilità di ciò che chiamo surrealismo storico. L’arrivo dell’intelligenza artificiale significa che ogni bugia può ora avere una prova visiva convincente. Possiamo ricreare il mondo come non è mai stato. Per ogni teoria del complotto, può esserci una prova visiva» racconta Phillip Toledano.

Credit Phillip Toledano – Another America courtesy of L’Artiere

Il surrealismo storico di Phillip Toledano
Photography
Il surrealismo storico di Phillip Toledano
Il surrealismo storico di Phillip Toledano
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Altri articoli che consigliamo