The Guestbook: la nostra intervista a Graziano Panfili

The Guestbook è la rubrica fotografica che racconta i take over degli artisti che animano il profilo Instagram di Collater.al.

avatar
14 Ottobre 2019

Il protagonista di questo Guestbook è il fotografo italiano Graziano Panfili. Dopo aver completato i suoi studi in Arte e Comunicazione, si è specializzato in reportage presso la Graffiti School of Photography di Roma. Le sue immagini sono state pubblicate dalle più importanti testate giornalistiche italiane, inoltre ha ricevuto il patrocinio del Ministero per i Beni Culturali per un progetto sullo scrittore e regista Pier Paolo Pasolini per il quarantesimo anniversario della sua morte. Graziano realizza fotografie impeccabili, intense e comunicative, che rimangono impresse nella memoria di chi le guarda.

Noi di Collater.al abbiamo chiesto a Graziano di raccontarsi brevemente tramite un’intervista, che trovi qui sotto:

Come ti sei avvicinato al mondo della fotografia?

Lentamente, molto lentamente avevo 33 anni, venivo dal fumetto, dall’illustrazione, ma ero attratto dalle possibilità di comunicare anche attraverso la fotografia. Da quel momento in poi ho iniziato studiando Fotogiornalismo a Roma ed ho continuato il mio percorso formativo finché non mi sono sentito pronto per prendere la mia strada.

C’è un’immagine in particolare che ha segnato il tuo percorso artistico?

Sono tante perché ad ognuna delle foto che preferisco è collegato un evento della mia vita; lego molto le foto a cosa mi accade. La foto diventa anche memoria di un determinato periodo della mia vita.

Da cosa trai ispirazione? Come nascono i tuoi progetti?

Sono influenzato dal cinema, dai libri e dalla musica. Inoltre, cerco sempre di vedere almeno una mostra d’Arte al mese, di qualsiasi genere, per avere stimoli sempre nuovi.

Il disegno, la pittura e il fumetto hanno in qualche modo segnato il tuo modo di creare immagini?

La composizione è una delle prime cose che mi porto dietro dal fumetto, ma anche la messa in scena nella fotografia Staged. Ma molto devo al “tempo”. Come nella pittura, nel fumetto c’è bisogno di un tempo “fisico” per creare un opera. Il tempo ti permette di trovare gli ingredienti giusti per lo scatto: l’idea, l’allestimento, la foto, la post produzione.

Che progetti hai per il futuro?

Sto lavorando ad un progetto sulla “Sessualità femminile” e sto per iniziare un lungo viaggio fotografico nel mondo dei gemelli in tutta Italia. In cantiere ho, inoltre, la voglia di realizzare il mio primo cortometraggio.

Segui il take over di Graziano sul profilo Instagram di Collater.al!

The Guestbook: la nostra intervista a Graziano Panfili | Collater.al
The Guestbook: la nostra intervista a Graziano Panfili | Collater.al
The Guestbook: la nostra intervista a Graziano Panfili | Collater.al
The Guestbook: la nostra intervista a Graziano Panfili | Collater.al
The Guestbook: la nostra intervista a Graziano Panfili | Collater.al
The Guestbook: la nostra intervista a Graziano Panfili | Collater.al
The Guestbook: la nostra intervista a Graziano Panfili | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share