Gucci sbarca ad Hollywood con lo show Gucci Love Parade

Gucci sbarca ad Hollywood con lo show Gucci Love Parade

Andrea Tuzio · 4 settimane fa · Style

Era questione di tempo.
Gucci, il suo direttore creativo Alessandro Michele e Los Angeles hanno finalmente coronato il loro “sogno d’amore”. 
Durante la serata di ieri è andato in scena nella città degli angeli lo show Gucci Love Parade, con una sfilata lungo Hollywood Boulevard – definito da Michele “il tempo degli dei” – con sullo sfondo l’inconfondibile Chinese Theater.

Una connessione fortissima quella tra Alessandro Michele e Los Angeles. Il direttore creativo di Gucci attribuisce a sua madre, assistente di una società di produzione cinematografica a Cinecittà e appassionata di cinema, la sua fortissima passione per la Hollywood di un tempo, quella glamour e patinata. Gucci Love Parade in realtà riguarda e richiama la Los Angeles contemporanea, città che Michele ha visitato per la prima volta a 27 anni e con la quale ha sviluppato un rapporto d’amore fortissimo. 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Gucci Official (@gucci)

“Los Angeles non è una città di moda, ma è così alla moda. A volte i cittadini di Los Angeles sembrano poco idonei, ma nel non essere idonei sono così precisi. Forse appartiene al mio modo di vedere la moda – è una questione personale”, queste le parole del direttore artistico della maison nel backstage dello show.

Michele ha apertamente dichiarato che all’inizio della sua carriera sognava di fare il costumista. L’intera giornata prima dello show infatti l’ha trascorsa all’Academy Museum of Motion Pictures – aperto da pochissimo – dove ha potuto ammirare alcuni dei vestiti più iconici della storia del cinema. 
Tra i protagonisti dello show c’erano alcune delle personalità più influenti del jet set e amici della maison tra cui, Macaulay Culkin e Jared Leto. Gwyneth Paltrow invece, invitata ad assistere alla sfilata, indossava una versione rivisitata dello smoking Gucci in velluto rosso disegnato da Tom Ford nel 1996.

“La mia Hollywood è nelle strade”, ha detto Michele, ha anche aggiunto che la maison affonda le sue radici nel “jet-set, negli artisti e nel cinema”  ma ci ha tenuto a specificare cosa Gucci non è: una “monarchia borghese”. 

“Intorno a questi semidei si dispiega la città degli angeli, dove una luce benedetta scorre dappertutto. È qui che ho incontrato le persone più particolari, fuori dal tempo, refrattarie a qualsiasi idea di ordine. Li ho sempre osservati come in processione alle pendici dell’acropoli dei sogni. Ansiosi di offrirsi come doni di unicità. Una sfilata di esseri incantati e profondamente liberi che attraversano una terra dove non risiedono né passato né futuro: solo il miracolo dell’estro immaginativo. La mamma me ne parlava sempre: Los Angeles brilla nella sua propria magia, che è senza tempo; è un luogo che sfiora le divinità, diventando una mitologia del possibile”.
Alessandro Michele

Qui di seguito potete dare un’occhiata all’intero show Gucci Love Parade, dal red carpet fino alla sfilata vera e propria.

Gucci sbarca ad Hollywood con lo show Gucci Love Parade
Style
Gucci sbarca ad Hollywood con lo show Gucci Love Parade
Gucci sbarca ad Hollywood con lo show Gucci Love Parade
1 · 1
Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale

Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Photography

Fino a che punto e con quanta intensità si può istaurare un rapporto intimo con la natura? Gli scatti di Davide Ambroggio sono la testimonianza dell’abbandono di un corpo all’ordine della natura. Pelle punta da fili di erba alta e selvaggia, mentre il sole brucia le piante e diventa custode di un equilibrio che si sta ricostruendo.
Gli occhi di Alessandra sono nudi come il suo corpo, guardano il terreno che non ha certezze, se non nell’immagine simbolica di un pontile che conduce verso rovi irti. La serie di scatti di Davide Ambroggio ha un momento centrale in cui lo sguardo si alza a livello dell’orizzonte, e più definitivamente in una tensione spirituale che tende all’altezza del cielo.
Le fotografie di questa serie sono un racconto erotico di adattamento dell’uomo alla natura, prima al sole, alla terra e infine all’acqua, che negli ultimi scatti accoglie e conserva un segreto ancestrale.

Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al
Davide Ambroggio | Collater.al

Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale
Photography
Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale
Davide Ambroggio, un ricordo ancestrale
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13
Le braccia conserte di Edoardo Lavagno

Le braccia conserte di Edoardo Lavagno

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Photography

Le labbra semichiuse e il gelo negli occhi lasciano nell’aria parole non dette, discorsi lasciati in sospeso e soffocati dalle pose dei corpi nudi. Le spalle chiuse e le braccia strette che si attorcigliano al corpo come radici.
Gli scatti di Edoardo Lavagno ritraggono donne molto differenti tra loro, ma sembrano frame di uno stesso film biografico. La delicatezza di una mano che proietta sulle lenzuola un’ombra che ha la sagoma di un sogno misterioso, in cui c’è un riservato erotismo che non straborda dalla riservatezza emotiva.
Le pareti delle case sono lo sfondo degli scatti, limiti fisici che vigilano e proteggono la ricerca di una libertà di espressione.
C’è sempre una finestra che fa compagnia alle donne ritratte da Edoardo Lavagno, una presenza di luce che sottolinea i corpi e ne definisce il calore, sia negli scatti a colore che in quelli in bianco e nero.

Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Edoardo Lavagno | Collater.al
Le braccia conserte di Edoardo Lavagno
Photography
Le braccia conserte di Edoardo Lavagno
Le braccia conserte di Edoardo Lavagno
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Tommaso Berra · 7 giorni fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle.
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @my_perfect_little_world, @valerycia, @obsessive.ph0t0graphy, @the_rain_coyote, @albachiara.fotografie, @reportageofmylife, @laura.mangelli, @missgherard, @_gary0104, @yehorova.photo.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky

Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky

Giulia Guido · 2 settimane fa · Photography

Il mondo non è solo bianco o solo nero, non è neanche di diverse sfumature di grigio. Il mondo è multicolore, basta avere l’occhio giusto per accorgersene. Ilanna Barkusky sembra averlo e sembra avere anche il talento di catturarlo in scatti aerei che uniscono sport ed estetica. 

Ilanna Barkusky è una giovane fotografa nata in Canada, a Vancouver, che oggi vive e lavora a Los Angeles. La passione di Ilanna che è diventata anche il campo in cui si è specializzata come fotografa è lo sport. Fin da piccola si è dedicata a diversi sport, sia praticandoli e poi cominciando a seguirli munita di macchina fotografica. 

L’obiettivo del suo lavoro è quello di catturare un momento irripetibile, un gesto o una posizione del corpo quasi impossibili da vedere a occhio nudo.
Ciò che però caratterizza il suo lavoro, in particolare la serie dal titolo “Colour Series”, è proprio l’attenzione ai colori. 

Prima di scattare, Ilanna Barkusky fa una lunga ricerca su Google Earth di campi e piste dipinti da urban artist che diventano sfondi multicolor ai suoi scatti realizzati con il drone e sempre alla stessa ora del giorno. 

Ilanna Barkusky
Ilanna Barkusky
Ilanna Barkusky
Ilanna Barkusky
Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky
Photography
Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky
Colori e sport nelle foto di Ilanna Barkusky
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7