Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi

avatar
31 Gennaio 2017

Israeli Girls. Progetto fotografico sull'emancipazione femminile in Israele, realizzato dalla fotografa israeliana Dafy Hagay

Suona di sicuro come una provocazione il titolo “Israeli Girls”.
O almeno, questa è l’idea che viene fuori cercando il testo in giro per il web, uscito ormai due anni fa. Ma è esattamente quello che voleva fare la fotografa. E ce lo ripete varie volte.

Dafy Hagai fotografa israeliana di cui vi abbiamo già parlato, che vive tra NY e Londra e che ha all’attivo numerose collaborazioni con il mondo della moda, voleva provocare l’osservatore in maniera velata. E quello che oggi è un testo bell’e fatto, all’inizio nasce come una zine, in cui la fotografa israeliana ripercorre i suoi luoghi dell’infanzia e ritorna da adolescente.

Negli scatti è del tutto assente quella voluttà che ci aspettiamo di trovare e che vedremmo volentieri come indice di provocazione, perché i soggetti in questione sono ragazze che al tempo delle fotografie stanno appena cominciando ad avere coscienza del loro corpo. E non hanno affatto bisogno di essere rivoluzionare, perché godono della stessa identica libertà di una ragazza del New Jersey – probabilmente anche di più, verrebbe da dire.

Tel Aviv sullo sfondo è del tutto impercettibile e la scelta un po’ ricalca una cifra stilistica del modus operandi dell’autrice, interessata a paesaggi e quadri “dreamy”, onirici che si riflette anche nella palette scelta e nelle inquadrature, che risentono esattamente del modello del XX secolo.

Quello che Dafy Hagai vuole mostrare in questa raccolta non è una cultura repressa che stenta a trovare un canale espressivo. Al contrario, ogni ragazza della Hagai è libera ed emancipata.
Non manca quell’accenno lolitiano alle pose scelte dall’artista, ma nulla ha a che vedere con la drammaticità e la pervicacia delle iraniane che Lolita provano davvero a leggerlo a Teheran.

Israeli Girls testimonia in maniera inconsapevole e con un pizzico di ironia, come la repressione e un possibile sovvertimento di un ordine imposto sia solo nelle nostre teste. E come, ancora oggi, i dibattiti culturali si fondino su quello che ci aspettiamo di leggere e non su quello che realmente è.

Un po’ come hanno fatto i giornalisti con le elezioni americane.

Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi | Collater.al
Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi | Collater.al
Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi | Collater.al
Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi | Collater.al
Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi | Collater.al
Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi | Collater.al
Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi | Collater.al
Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi | Collater.al
Israeli Girls di Dafy Hagai non è quello che pensiamo noi | Collater.al

Testi: Giuliana Pizzi – @jouppiter

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share