Kikito, il bambino di JR che sfida il muro di Trump

Kikito, il bambino di JR che sfida il muro di Trump

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

Ha meno di due anni, i capelli scuri, le ciglia lunghe e si arrampica su un muro per vedere cosa c’è dall’altra parte. Si chiama Kikito e lui, come tanti altri bambini, non si arrampicherà su un muretto qualsiasi ma su quello costruito tra Messico e USA nella città di Tecate e che in questi giorni rappresenta la politica di Donald Trump per bloccare l’arrivo dei migranti.

L’enorme fotografia, ad opera dell’artista francese JR, sorge lungo la frontiera che separa il Messico da San Diego e, non potendo poggiarsi sul versante USA della barriera, trova le sue basi su un piccolo terreno appartenente ad una famiglia di cui Kikito è l’esponente più piccolo.

L’opera, che rimarrà visibile per un intero mese, nasce come una critica al presidente USA che ha abolito la Deferred Action for Childhood Arrivals, il sistema di tutela per i minori figli di immigrati irregolari.

Kikito, il bambino di JR che sfida il muro di Trump | Collater.al 3

Kikito, il bambino di JR che sfida il muro di Trump | Collater.al 1

Kikito, il bambino di JR che sfida il muro di Trump | Collater.al 2

Kikito, il bambino di JR che sfida il muro di Trump
Art
Kikito, il bambino di JR che sfida il muro di Trump
Kikito, il bambino di JR che sfida il muro di Trump
1 · 3
2 · 3
3 · 3
5 artisti per 5 muri, Festiwall torna a Ragusa con la sua terza edizione

5 artisti per 5 muri, Festiwall torna a Ragusa con la sua terza edizione

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

[save_the_date]

Dal 24 al 30 Settembre Ragusa si trasforma in un cantiere a cielo aperto per la terza edizione di FestiWall, il festival d’arte pubblica più a sud d’Europa.

Per un’intera settimana, come prevede la formula classica del festival, 5 artisti lavoreranno su 5 muri con lo scopo di offrire alla città un panorama completo sulle ultime produzioni della Street Art e su i suoi rappresentanti più interessanti.

Le opere murali che verranno realizzate da Gue, Marat Morik, Guido Van Helten, Sebas Velasco e Zoerism si andranno a sommare ai dieci muri delle passate edizioni, in un mix di iperrealismo, figurazione, astrattismo, elementi grafici, architettonici e meccanici.

Inoltre, se nelle prime due edizioni il festival si è rivolto alle aree di più recente costruzione, questa volta si concentra su un tema critico fondamentale della città di Ragusa: lo spopolamento del centro storico, dovuto ad una serie di pianificazioni politiche poco lungimiranti, e le sue ricadute sull’area urbana.

A fare da sfondo all’intera manifestazione un fitto programma di eventi collaterali tra workshop, talk, mostre e live, ideati con lo scopo di proseguire un percorso di ricerca nell’ambito della migliore arte pubblica internazionale.

   

When:
24.09-30.09-2017
Where:
Centro Storico di Ragusa
5 artisti per 5 muri, Festiwall torna a Ragusa con la sua terza edizione
Art
5 artisti per 5 muri, Festiwall torna a Ragusa con la sua terza edizione
5 artisti per 5 muri, Festiwall torna a Ragusa con la sua terza edizione
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti

Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

Che si può sognare pur rimanendo svegli è una cosa di cui siamo certi.
Che si può sognare girovagando in luoghi mai visti alimentando la propria immaginazione è una certezza della pittrice e illustratrice Anna Roberts.

Ispirandosi ai suoi unici viaggi, le sue opere sono piene di luoghi e situazioni comuni rappresentati con soffici colori pastello su tele di cotone.
La normalità regna sovrana in dipinti che raccontano semplici cittadine, la loro brezza, i loro caffè, il loro modo di vivere e il mondo che passa.

Sentimenti pacifici, silenziosi e un po’ romantici, come a dire che non solo nell’assurdo si può trovare l’ispirazione per sprigionare la propria arte.

Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 7 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 9 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 3 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 9 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 9 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 5 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 9 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 9 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 9 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 9 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 4 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 1 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 2 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 6 Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti | Collater.al 8

Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti
Art
Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti
Anna Roberts dipinge sogni ad occhi aperti
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Short video for Breakfast – First and Final Frames, primi e ultimi secondi dei film più famosi di sempre

Short video for Breakfast – First and Final Frames, primi e ultimi secondi dei film più famosi di sempre

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

Avete mai provato a guardare un film focalizzandovi solo sulla prima e l’ultima scena?
Saltando, cioè, tutto ciò che lo racconta nel dettaglio?
Probabilmente no, perché non è una cosa che ha gran senso.

A meno che, come Jacob T. Swinney, non siate mossi dalla curiosità di sapere il perché di determinate scelte invece che altre.
Saggista cinematografico e regista, ha voluto fare questo esperimento per capire differenze e uguaglianze tra i primi e gli ultimi secondi di 55 film tra i più amati di sempre.
Li trovate tutti in First and Final Frames, e siccome sappiamo è impossibile riconoscerli tutti qui sotto trovate anche la lista in ordine di apparizione.

Buon divertimento, speriamo di non avervi rovinato nulla.

The Tree of Life 00:00
The Master 00:09
Brokeback Mountain 00:15
No Country for Old Men 00:23
Her 00:27
Blue Valentine 00:30
Birdman 00:34
Black Swan 00:41
Gone Girl 00:47
Kill Bill Vol. 2 00:53
Punch-Drunk Love 00:59
Silver Linings Playbook 01:06
Taxi Driver 01:11
Shutter Island 01:20
Children of Men 01:27
We Need to Talk About Kevin 01:33
Funny Games (2007) 01:41
Fight Club 01:47
12 Years a Slave 01:54
There Will be Blood 01:59
The Godfather Part II 02:05
Shame 02:10
Never Let Me Go 02:17
The Road 02:21
Hunger 02:27
Raging Bull 02:31
Cabaret 02:36
Before Sunrise 02:42
Nebraska 02:47
Frank 02:54
Cast Away 03:01
Somewhere 03:06
Melancholia 03:11
Morvern Callar 03:18
Take this Waltz 03:21
Buried 03:25
Lord of War 03:32
Cape Fear 03:38
12 Monkeys 03:45
The World According to Garp 03:50
Saving Private Ryan 03:57
Poetry 04:02
Solaris (1972) 04:05
Dr. Strangelove 04:11
The Astronaut Farmer 04:16
The Piano 04:21
Inception 04:26
Boyhood 04:31
Whiplash 04:37
Cloud Atlas 04:43
Under the Skin 04:47
2001: A Space Odyssey 04:51
Gravity 04:57
The Searchers 05:03
The Usual Suspects 05:23

Short video for Breakfast – First and Final Frames, primi e ultimi secondi dei film più famosi di sempre
Art
Short video for Breakfast – First and Final Frames, primi e ultimi secondi dei film più famosi di sempre
Short video for Breakfast – First and Final Frames, primi e ultimi secondi dei film più famosi di sempre
1 · 1
The little people project, la micro street art di Slinkachu

The little people project, la micro street art di Slinkachu

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

Chi sia Slinkachu non è dato saperlo, di lui conosciamo solo il nome d’arte, la provenienza londinese, l’anno di nascita, il 1979, e la professione: street artist.
Ma, nonostante i pochi dettagli sulla sua persona, le sue micro opere sono diventate famose in tutto il mondo per la loro ironia e per l’importanza della loro funzione.

The little people project, questo il nome del progetto che lo ha reso celebre, è un insieme di mini opere site-specific che l’artista ha sparso per le strade di tutto il mondo con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica su due fronti differenti: lo straniamento che proviamo nelle grandi città e l’inquinamento con cui ormai conviviamo.

I suoi microcosmi rappresentano situazioni del mondo reale da un punto di vista differente e sottolineano sia la nostra incapacità nel renderci conto di ciò che ci circonda, sia il poco interesse che abbiamo nel trovare soluzioni intelligenti a problemi che, giorno dopo giorno, diventano sempre più importanti.

 “Mi piace l’idea che quasi nessuno veda il mio lavoro perché noi tutti ignoriamo, intenzionalmente o meno, ciò che ci circonda in una città”.

The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 3 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 5 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 2 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 11 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 1 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 4 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 16 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 6 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 7 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 8 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 9 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 10 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 18 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 12 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 17 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 13 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 14 The little people project, la micro street art di Slinkachu | Collater.al 15

The little people project, la micro street art di Slinkachu
Art
The little people project, la micro street art di Slinkachu
The little people project, la micro street art di Slinkachu
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18