Design Lynk & Co, un nuovo modo di concepire l’automobile
Designdesignwheels

Lynk & Co, un nuovo modo di concepire l’automobile

-
Giulia Guido

Se vivete a Milano e nelle scorse settimane siete passati in zona City Life avrete sicuramente notato un pop-up dal design pulito e minimale, oppure avrete visto per le strade che circondano il parco delle nuovissime ed elegantissime automobili. Sono i primi segnali dell’arrivo di Lynk & Co in Italia. 

Lynk & Co non è un brand di automobili, è una filosofia di vita che fonda le sue radici su una visionaria idea di mobilità, è una community di cui non si può non voler far parte. 

Nato da poco e già apprezzato da un ampio pubblico – oggi conta 25.000 membri -, il brand nasce dalla volontà di offrire nuove soluzioni nel campo della mobilità. Le parole d’ordine infatti sono flessibilità, sostenibilità e condivisione

Noi di Collater.al abbiamo avuto la fortuna di immergerci nel mondo di Lynk & Co sia partecipando ai test drive offerti in City Life, sia prendendo parte all’inaugurazione del loro Club berlinese avvenuta lo scorso 14 settembre. In occasione di questi due appuntamenti abbiamo fatto quattro chiacchiere con Telma Negreiros, Vicepresidente PR & Comunicazione per l’Europa di Lynk & Co, che ci ha letteralmente aperto le porte del futuro delle automobili. 

Tutto è cominciato con l’obiettivo di cambiare il mondo della mobilità, senza stravolgerlo, ma adattandolo al nostro tempo, ai nuovi stili di vita e alle nuove necessità. “Il cellulare si è evoluto più di quanto abbia mai fatto l’industria automobilistica. Abbiamo Airbnb per il settore turistico, abbiamo Netflix per il settore dell’intrattenimento e del cinema, perché il settore automobilistico è rimasto fermo?”, questo è il quesito su cui Telma ci ha invitato a riflettere.
Se l’industria automobilistica ha sempre puntato tutto sulla produzione in massa, portando le strade delle nostre città a essere popolate da macchine che per il 96% del tempo stanno ferme, Lynk & Co ha deciso di cambiare strada proponendo due possibilità: si può comprare la loro macchina, la 01, oppure si può diventare un membro della loro community e decidere di avere l’auto per i mesi necessari o addirittura di condividerla con altri membri.
Le opzioni, sia per privati che per aziende, sono davvero molteplici e potete scoprirle sul sito, ma per comprendere al meglio la loro idea Telma ha commentato: “non abbiamo l’ambizione di avere molte auto per strada, abbiamo l’ambizione di avere molte persone che utilizzano le auto in modo diverso.”

Ciò che bisogna tenere a mente è che acquistando la 01 o la membership è come se si decidesse di sposare e di supportare i loro valori. 

Lynk & Co è attento alla sostenibilità non solo decidendo di non produrre automobili in grandi quantità, ma anche nella scelta dei singoli materiali: “non abbiamo sedili in pelle, i nostri sedili sono fatti in Econyl, un materiale che deriva per il 90% da reti da pesca riciclate e per il 10% da altre plastiche riciclate. È un materiale che non ha nulla da invidiare alla pelle, è davvero bello, ha un aspetto sportivo e soprattutto è comodo”, ci ha spiegato Telma Negreiros. 

Ma la loro attenzione non finisce qui: “abbiamo studiato i più grandi marchi automobilistici del mondo e la percentuale di donne che lavora in questo settore è vergognosa, è un vero problema. Alla Lynk & Co al momento abbiamo una divisione del 45% donne e 65% uomini, ma alla fine di quest’anno puntiamo al 50/50; il management team è già al 50/50, io ad esempio faccio parte del team di gestione, per la parte manageriale siamo al 35%. Ciò significa che ogni nostra percentuale è tre volte maggiore di quelle di qualsiasi altro marchio. 

Per noi la parità di genere è un argomento molto importante, è parte di chi siamo, è parte del nostro DNA, e di come vogliamo che la gente ci veda. Non è qualcosa che succede per caso, è qualcosa che devi rendere parte della tua strategia aziendale e per cui devi lavorare.” 

Lynk & Co

Ultimi ma non per importanza sono i Club che Lynk & Co sta piano piano aprendo in tutta Europa. Dopo quelli di Amsterdam, Gothenburg e Anversa (e in attesa delle aperture di Barcellona, Parigi e Milano), lo scorso 14 settembre siamo stati invitati all’inaugurazione del Club berlinese, nel cuore del Mitte. Qui, grazie alla collaborazione con lo studio di design S-P-A-C-E Projects, due piani dell’edifico all’angolo tra Neue Schönhauser Straße e Münzstaße sono stati completamente ripensati con un progetto che ha migliorato l’estetica architettonica della facciata e trasformato gli spazi interni.

Ogni sala sembra una vera e propria installazione immerisva (basti sapere che uno dei due bagni presenti è stato realizzato come se fosse una piccola baita in legno) dove chiunque, membri e non, può fermarsi a prendere un caffè, lavorare o fare riunioni, scoprire alcuni piccoli brand supportati da Lynk & Co e, perché no, dare un’occhiata alla 01, prenotare il proprio test drive ed entrare a far parte della community. 

Lynk & Co
Lynk & Co
Designdesignwheels
Scritto da Giulia Guido
x
Ascolta su