Il postneocubismo di Miguel Ángel Belinchón aka Belin

Il postneocubismo di Miguel Ángel Belinchón aka Belin

Giulia Guido · 5 mesi fa · Art

L’ultima volta che abbiamo parlato di Miguel Ángel Belinchón aka Belin è stato sette anni fa, quando la sua arte propendeva per uno stile che riusciva ad unire il surrealismo con l’iperrealismo. Ora sono passati un po’ di anni e, inevitabilmente, alcune cose sono cambiate mentre altre sono rimaste le stesse. 

Se prima la sua arte era influenzata dal Graffiti, dal Wildstyle, oggi mantiene queste caratteristiche, mescolandole ulteriormente con l’iperrealismo e soprattutto con il cubismo, riuscendo ad affermarsi nella corrente che ha preso il nome di postneocubismo

Non passano assolutamente inosservate le citazioni a Picasso, sia per quanto riguarda i soggetti, i copri e i volti che decompone, sia per la costruzione dell’immagine. 

Gli anni di studio, ma anche quelli di produzione autonoma e di ricerca lo hanno portato ad avere una tecnica perfetta, che non ha bisogno di griglie, di linee guida, di stencil, l’unico strumento di Belin è la sua mano, che sa già dove andare. 

Tutte queste caratteristiche permettono alla sua arte di trovare casa su qualsiasi superficie, sulla carta, sulla tela e ovviamente sui muri dei palazzi e delle case. 

Miguel Angel Belinchon aka Belin | Collater.al
Miguel Angel Belinchon aka Belin | Collater.al
Miguel Angel Belinchon aka Belin | Collater.al
Miguel Angel Belinchon aka Belin | Collater.al
Miguel Angel Belinchon aka Belin | Collater.al
Miguel Angel Belinchon aka Belin | Collater.al
Miguel Angel Belinchon aka Belin | Collater.al
Miguel Angel Belinchon aka Belin | Collater.al
Il postneocubismo di Miguel Ángel Belinchón aka Belin
Art
Il postneocubismo di Miguel Ángel Belinchón aka Belin
Il postneocubismo di Miguel Ángel Belinchón aka Belin
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Dare.Win ha colorato di verde un’intera strada di Parigi

Dare.Win ha colorato di verde un’intera strada di Parigi

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Art

L’agenzia di comunicazione Dare.Win ha messo in piedi un’operazione di comunicazione a dir poco accattivante per l’iconico marchio GET 27. L’idea è brillante, quanto semplice: per combattere l’ondata di calore imperante, è stata ridipinta un’intera strada di Parigi con il colore verde, in modo che la temperatura rimanga tollerabile.

Com’è possibile?

Semplice, stiamo parlando di una vernice fuori dal comune che è in grado di ridurre la temperatura esterna di 7-9 gradi. Sarebbe bello se questa idea venisse applicata anche nelle nostre città roventi italiane! Questa cromoterapia rinfrescante è stata ribattezzata col nome di “GET FRESH” e la si può sperimentare in Rue de la Butte aux Cailles fino al 14 luglio.

Dai un’occhiata al sito dell’agenzia Dare.Win qui.

Dare.Win ha colorato di verde un'intera strada di Parigi | Collater.al
Dare.Win ha colorato di verde un'intera strada di Parigi | Collater.al
Dare.Win ha colorato di verde un'intera strada di Parigi | Collater.al
Dare.Win ha colorato di verde un'intera strada di Parigi | Collater.al
Dare.Win ha colorato di verde un’intera strada di Parigi
Art
Dare.Win ha colorato di verde un’intera strada di Parigi
Dare.Win ha colorato di verde un’intera strada di Parigi
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
I ritratti di Nick Runge danno vita alle emozioni

I ritratti di Nick Runge danno vita alle emozioni

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Art

L’artista di Los Angeles Nick Runge si serve della tecnica dell’acquerello per realizzare ritratti di persone e scheletri con uno stile unico, che comprende elementi di astrazione e accenni di realismo.

Nato nel 1985, Nick Runge è cresciuto in Colorado. Proveniente da una famiglia creativa di artisti professionisti, è sempre stato interessato all’arte e al mondo della creatività. Dopo aver lavorato come illustratore a tempo pieno dal 2004-2015 ha deciso di dedicarsi alla tecnica dell’acquerello.

“La pittura ad olio e l’acquerello mi hanno portato ad allontanarmi dalla pop art realistica, inoltre, questo mi ha permesso di concentrarmi maggiormente su COME qualcosa è dipinto, e non su CHI sto ritraendo. L’arte per l’arte”.

I volti dipinti da Nick sono modellati su semplici tratti decisi, ma allo stesso tempo dettagliati, che trasmettono lo stato d’animo dei personaggi con grande credibilità, senza mai avvicinarsi troppo al realismo vero e proprio. I colori tenui e pose espressive aggiungono un tocco naturalistico ai ritratti, anche quando il soggetto è uno scheletro che indossa una giacca.

“Prima abbozzo la composizione, ma cerco di non avere nessun tipo di formula”.

Per vedere altri dipinti di Nick Runge visita il suo sito, mentre se vuoi imparare di più, dai un’occhiata ai suoi laboratori di acquerello online.

I ritratti di Nick Runge danno vita alle emozioni | Collater.al
I ritratti di Nick Runge danno vita alle emozioni | Collater.al
I ritratti di Nick Runge danno vita alle emozioni | Collater.al
I ritratti di Nick Runge danno vita alle emozioni | Collater.al
I ritratti di Nick Runge danno vita alle emozioni
Art
I ritratti di Nick Runge danno vita alle emozioni
I ritratti di Nick Runge danno vita alle emozioni
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti

Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Art

Merijn Hos è un artista e illustratore con base ad Utrecht che realizza lavori caratterizzati da uno stile fortemente astratto e visionario. Merijn divide il suo tempo tra ricerca visuale creativa e richieste commerciali, infatti tra i suoi clienti troviamo Coca-Cola, Dazed & Confused Magazine, Down The Rabbit Hole Festival e ancora, Red Bull, WIRED Magazine, Keds, Vice Magazine, Pepsi, Adobe e Nike.

La sua palette è caratterizzata prevalentemente da toni pastello, accuratamente sfumati, degradati ed ammorbiditi che vanno a costituire un’esperienza visuale a tutto tondo, evocativa e visionaria. Attraverso l’astrazione è possibile liberare tutte le pulsioni interiori più profonde e raggiungere uno stato di calma e serenità, sensazioni che ritroviamo guardando le sue creazioni.

Gli accostamenti geometrici e i gradienti sono degli elementi essenziali per l’artista che esplora, scopre e sperimenta. Ma non è finita qui, perché Merijn è famoso anche per le sue bellissime sculture in legno!

Possiamo dunque definire Merijn Hos un artista dall’attitudine mixed media, che non pone barriere tra le varie discipline artistiche, ma le porta ad un altro livello. Scopri di più sul suo sito e non scordarti di seguirlo anche su Instagram.

Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti | Collater.al
Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti | Collater.al
Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti | Collater.al
Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti | Collater.al
Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti | Collater.al
Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti | Collater.al
Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti
Art
Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti
Merijn Hos, illustrazioni fatte di geometrie e gradienti
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Plegados Itinerantes, le installazioni di carta di Claudio Acuña J.

Plegados Itinerantes, le installazioni di carta di Claudio Acuña J.

Giulia Guido · 5 mesi fa · Art

Si chiama Plegados Itinerantes (o travelling folds) ed è il magistrale progetto dell’artista Claudio Acuña J. che si sviluppa in diverse città del Cile. Plegados Intinerantes si compone di una serie di installazioni di sculture fatte di carta che rappresentano in scala 1:1 gruppi di persone. 

Una volte realizzate tutte le sculture necessarie, partendo sempre da un foglio di carta e utilizzando la tecnica degli origami, le installa in alcuni spazi pubblici in diverse pati del Cile. L’obiettivo finale di questo progetto è quello di farci riflette sull’impatto dell’uomo in determinati luoghi di uso quotidiano e su quale uso ne viene fatto. 

Quello creato da Claudio Acuña J. è una sorta di specchio di noi stessi e della nostra società, proprio per questo motivo tutte le sculture sono senza volto, in modo tale da favorire la nostra immedesimazione. 

Così i parchi, le biblioteche, le chiese e altre decine di luoghi pubblici si riempiono delle figure di Plegados Itinerarios.

Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes | Collater.al
Plegados Itinerantes, le installazioni di carta di Claudio Acuña J.
Art
Plegados Itinerantes, le installazioni di carta di Claudio Acuña J.
Plegados Itinerantes, le installazioni di carta di Claudio Acuña J.
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15