Noah: l’utopia della sostenibilità nel fashion

Noah: l’utopia della sostenibilità nel fashion

Andrea Tuzio · 3 settimane fa · Style

Fa specie che uno dei brand che da anni lotta per l’ecosostenibilità, l’ecologia, la tracciabilità, il rispetto dei diritti umani, l’equità sociale e che cerca di essere un’azienda responsabile in ogni aspetto della sua produzione, dichiari apertamente attraverso un post sul proprio profilo Instagram pubblicato poche ore fa di “non essere un brand ecosostenibile” e “di non esserci nemmeno vicino”. 

È di un mese fa la notizia che Noah, il brand americano fondato da Brendon Babenzien nel 2015, ha prodotto una serie di long sleeve in sostegno dell’Australia devastata da una serie di incendi che hanno messo in ginocchio gran parte del continente e distrutto 8 milioni di ettari del territorio oltre ad aver messo in pericolo la vita di migliaia e migliaia di donne, uomini e animali. 

Quello della sostenibilità è un tema centrale nel mondo del fashion, il problema è che per adesso è non più di una chimera; un concetto nobile, serio e vitale ma che comporta un ripensamento generale dell’economia e del suo funzionamento. Siamo lontani dal raggiungimento di un ideale goal della questione a dircelo è un brand che ogni giorno da 5 anni lavora senza sosta e sotto tutti punti di vista concentrando le proprie energie nel creare una cultura fatta di rispetto nei confronti del pianeta e di tutti gli esseri viventi che lo abitano.

Testo di Andrea Tuzio

Noah: l’utopia della sostenibilità nel fashion
Style
Noah: l’utopia della sostenibilità nel fashion
Noah: l’utopia della sostenibilità nel fashion
1 · 2
2 · 2
Nike x Tokyo 2020

Nike x Tokyo 2020

Andrea Tuzio · 3 settimane fa · Style

In occasione della New York Fashion Week, Nike ha presentato 5 collaborazioni con altrettanti brand iconici del mondo della moda in vista dei giochi olimpici di Tokyo in programma quest’estate, e lo ha fatto durante il Future Sport Forum

Nike | Collater.al

L’idea dietro queste partnership è una vera e propria sfida da parte dell’azienda di Beaverton; immaginare nuovi linguaggi attraverso i quali veicolare le varie espressioni legate allo sport nel contesto che più di tutti ne esalta i valori fondamentali, i giochi olimpici. 

I 5 brand coinvolti in questo progetto sono: UNDERCOVER di Jun Takahashi, AMBUSH di Yoon Ahn, Off-White, 1017 ALYX 9SM di Matthew Williams e sacai con Chitose Abe. 5 designers e 5 collezioni diverse plasmate in modo tale da riflettere le caratteristiche peculiari di un singolo atleta, della sua disciplina sportiva e della sua personale interpretazione della stessa. 

Nike | Collater.al

Le collabo presentate stanotte sono parte integrante di un progetto forte di Nike intento a porre l’accento sul valore saldante e inclusivo che contraddistingue lo sport e che da sempre si pone come obbiettivo quello di abbattere ogni tipo di barriera socio-culturale grazie alla scintilla dell’immaginazione, della possibilità e della vitalità. 

Nike x Tokyo 2020
Style
Nike x Tokyo 2020
Nike x Tokyo 2020
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Acne Studios celebra i mostri

Acne Studios celebra i mostri

Andrea Tuzio · 2 settimane fa · Style

Ci sono due ex dirigenti della Mattel dietro alla nuova capsule collection di Acne StudiosMonster in My Pocket”. 

Joe Morrison e John Weems sono due illustratori che, dopo aver lasciato l’azienda di giocattoli più famosa del mondo, hanno fondato un media franchise che porta proprio il nome della capsule disponibile dall’8 febbraio. 

Morrison e Weems con la loro agenzia hanno come focus mostri, creature leggendarie provenienti dal mondo della mitologia, della religione, del fantasy, della fantascienza, etc., realizzando cards, action figures, fumetti, videogiochi, giochi da tavolo, e tanto altro.  

Al centro della collezione ci sono 4 mostri creati dal duo negli anni ’90: il Licantropo (Werewolf), lo Zombie, Tritone e The Great Beast ognuno dei quali serigrafato sugli item Acne Studios.

I mostri, da sempre, stimolano l’immaginario collettivo e hanno ispirato la creatività di milioni di persone ma come ci insegna Ishirō Honda, regista e creatore di Godzilla,

la tragedia dei mostri è di essere troppo grandi e potenti per essere accettati dal genere umano.

Ed è forse anche per questo che ne siamo così affascinati.

Acne Studios celebra i mostri
Style
Acne Studios celebra i mostri
Acne Studios celebra i mostri
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
Celebrare un’icona: Jerry Lorenzo x Allen Iverson

Celebrare un’icona: Jerry Lorenzo x Allen Iverson

Andrea Tuzio · 2 settimane fa · Style

Tutti noi abbiamo degli idoli, delle figure che ispirano o che hanno ispirato il nostro lavoro o la nostra vita ed è proprio a questi personaggi che dobbiamo riconoscere l’importanza e la centralità che meritano.
La riconoscenza è un valore. 

Jerry Lorenzo, founder di Fear of God, ha fatto proprio questo.

In occasione del lancio della sua nuova collaborazione con Nike e della nuova colorway delle Nike Air Fear of God 1 “String” ha voluto celebrare la figura che più di ogni altra lo ha influenzato, Allen Iverson

Iverson è stato uno dei più grandi giocatori di basket della storia della NBA. 
183 centimetri di puro talento, MVP della Regular Season nel 2001 e giocatore fuori dalla norma. 

Grazie al lavoro del fotografo Gary Land, autore del libro fotografico “The Iverson Book”,  l’editoriale che Lorenzo e Land mettono in piedi è un vero e proprio “magnificat” dello storico numero 3 dei Philadelphia 76ers. 
Land reinterpreta alcune delle fotografie iconiche scattate ad AI con Lorenzo come protagonista concentrandosi sull’importanza che Iverson ha avuto nella vita del designer americano. 

Le Nike Air Fear of God 1 “string” verranno rilasciate il 14 febbraio esclusivamente a Chicago dove si terrà l’All Star Game 2020

Celebrare un’icona: Jerry Lorenzo x Allen Iverson
Style
Celebrare un’icona: Jerry Lorenzo x Allen Iverson
Celebrare un’icona: Jerry Lorenzo x Allen Iverson
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Futura x Off-White™

Futura x Off-White™

Andrea Tuzio · 2 settimane fa · Style

Game recognize Game. 

Nello slang americano questa frase definisce una situazione precisa, ovvero quando quello che noi definiremmo “un campione” ne riconosce un altro semplicemente perché lui sa, conosce il gioco e sa distinguerne un altro immediatamente. 

Patti Astor, attrice e performer newyorkese, fece esattamente questo. Si accorse che nella cultura sub-urbana di New York una serie di writer avevano scelto di allontanarsi dal lettering puro per creare qualcosa di nuovo, di originale, di personale. Per utilizzare una frase di Martin Scorsese citata dal regista di Parasite Bon Joon-ho, “più una cosa è personale più risulterà creativa”. 

Patti Astor

Nel 1981 la Astor aprì la prima galleria d’arte dell’East Village di New York interamente dedicata all’esposizione di opere realizzate da street artist come Jean-Michel Basquiat, Kenny Scharf, Keith Haring e Futura, proprio per “dare voce” ad un movimento che da lì in avanti verrà riconosciuto a livello globale sia da un punto di vista artistico che culturale. 

Le interconnessioni tra arte e mondo del fashion sono innumerevoli ed è notizia di oggi che proprio, Futura, artista e writer newyorkese, ha collaborato con Off-White™ alla creazione di due blazer: uno caratterizzato da un pattern multicolor, l’altro monocromatico, entrambi però realizzati in twill con dettagli in chiaro stile retrò. 


La volontà di Virgil Abloh di scegliere Futura come partner di una collaborazione ci regala la possibilità di andare oltre la semplice collabo e raccontare l’artista newyorkese.

Futura

Vera e propria leggenda della street art, Leonard Hilton McGurr, nasce nella New York di metà anni ’50: un coro cosmopolita di turisti, “intellettuali”, studenti, hippie, mentre nei locali notturni si esibiscono artisti jazz e blues. 
Agli inizi degli anni ’70 si manifesta la sua “disease”. Quella vera e propria malattia che lo porta ad esprimere la sua arte sui treni delle linee 1 e 3 della metropolitana di New York. La tag “Futura 2000” inizia ad essere onnipresente e la sua evoluzione artistica è veloce e fortissima affermandosi come uno degli artisti più influenti della scena newyorkese e non solo.

L’arte dei suoi graffiti diventa altro, si trasforma, progredisce assumendo un codice visivo netto che riflette i canoni dell’espressionismo astratto.

Gli anni ’90 sono per Futura l’inizio delle prime collabo con le aziende di abbigliamento mentre nei primi anni del 2000 i suoi artwork si trasformano e si adattano alla contemporaneità: toys da collezione e sneaker su tutto. Dopo le collaborazioni con brand del calibro di Nike, Supreme, The North Face, Undercover, A Bathing Ape, arriva quella con il brand fondato da Virgil Abloh che immaginiamo non sarà di certo l’ultima. 

Potete acquistare i Futura Abstract Blazers di Off-White™ su SSENSE.

Futura x Off-White™
Style
Futura x Off-White™
Futura x Off-White™
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Altri articoli che consigliamo