Per l’Ortigia Sound System abbiamo intervistato Nathy Peluso

Quest’estate, sulla caratteristica isola di Ortigia (SR), torna per il quinto anno di fila l’Ortigia Sound System.

La quinta edizione del festival musicale in cui i ritmi della tradizione mediterranea si mischiano agli ultimi trend della musica contemporanea internazionale si terrà dal 25 al 29 luglio portando con sé un programma fitto di eventi, con musicisti italiani e non solo. Si passerà così dalla leggenda della musica giamaicana Lee “Scratch” Perry, al giovanissimo rapper britannico Jimothy Lacoste, da Cesare Basile, pietra miliare della scena musicale siciliana, fino ad arrivare al producer olandese Jarreau Vandal.

Questi sono solo alcuni degli artisti che animeranno l’OSS 2018, che quest’anno renderà omaggio al concetto di festa siciliana, dedicando il suo concept grafico alla festa dei Giudei della Settimana Santa di San Fratello (Messina), durante la quale il sacro si unisce al profano. Festa che rappresenta al meglio l’essenza della Sicilia, e per osmosi l’OSS, luogo in cui convivono amine diverse.

L’edizione di quest’anno sarà anche palco per le installazioni site specific del duo artistico Quiet Ensemble, che integrano tecniche e strumenti diversi, come luce, suoni, immagini. Inoltre, nella nuova location della Terrazza-Opra verrà esposta una selezione di progetti della scena underground italiana.

Ortigia Sound System rinnova per quest’anno la collaborazione sia con Automat radio, la stazione radio indipendente in collaborazione con Emporio Armani, con dj set pomeridiani e numerosi ospiti, con Spotify e con Compagnia del Selene, che ospiterò sulle sue barche 7 boat party.

Tra i tanti artisti che si esibiranno al festival compare anche Nathy Peluso, cantante argentina con un background multidisciplinare tra swing, jazz e teatro. Quest’anno Nathy ha pubblicato il suo primo EP, La sandunguera, un originale punto d’incontro tra i ritmi della tradizione sudamericana, l’hip hop e la trap.

Ortigia Sound System | Collater.al

Curiosi di saperne di più sull’artista rivelazione del 2017 siamo andati a intervistarla e questo è quel che ci ha raccontato:

Chi è Nathy Peluso e come hai iniziato la tua carriera musicale?

Ho iniziato la mia carriera musicale quando sono diventata consapevole di amare la musica, fin da piccola ho imparato a comunicare le mie emozioni con il suono.

La tua musica è caratterizzata da suoni differenti, swing, soul, R&B, salsa, jazz, rap. Quali sono i tuoi idoli e come influenzano la tua arte?

Ho talmente tanti idoli che sarebbe impossibile elencarli tutti. Per citarne alcuni direi Gloria Estefan, Joao Gilberto, Ella Fitzerald, James Brown, Nina Simone, Dona Summer, Notorious Big, The Roots, Ray Barreto, Celia Cruz, D’angelo, Erykah Badu, Lauryn Hill, J Dilla, Louis Amstrong, Mercedes Sosa e molti altri artisti.

Lo scorso 9 marzo è uscito il tuo primo EP, La sandunguera. Com’è cambiato il tuo approccio verso la musica una volta che la logica del mercato internazionale, le visualizzazioni e le date sold-out hanno preso il sopravvento?

Continuo a comportarmi nello stesso modo, semplicemente sta aumentando il carico di lavoro e tutto cresce con la mia proposta. Accada quel che accada, cercherò di mantenere le mie radici intatte.

In occasione dell’Ortiga Sound System ti esibirai per la prima volta in Italia. Descrivimi con tre aggettivi come sarà la tua performance davanti a questo nuovo pubblico.

Sincero, gustoso e pieno di gioia.

Ortigia Sound System | Collater.al Ortigia Sound System | Collater.al Ortigia Sound System | Collater.al Ortigia Sound System | Collater.al Ortigia Sound System | Collater.al Ortigia Sound System | Collater.al Ortigia Sound System | Collater.al Ortigia Sound System | Collater.al  Ortigia Sound System | Collater.al

Arteventmusic
x
Ascolta su