Posti sinceri, il profilo Instagram che scopre la vecchia Milano

Posti sinceri, il profilo Instagram che scopre la vecchia Milano

Giulia Pacciardi · 7 mesi fa · Art

Il 21 luglio 2018 sbarcava su Instagram la Trattoria Manfredi Amilcare, uno di quei posti dove il tempo sembra essersi fermato.
Dall’insegna esterna alle sedie in paglia, dai quadri in bianco e nero fino al muro interamente dedicato all’Inter e alle foto con gli autografi.
Uno di quei posti che sa di casa e infanzia, solo il primo che @postisinceri ha deciso di raccontare con un account Instagram che ti fa sentire la mancanza di luoghi dove non sei mai stato.

Si, perché quando lasci la tua città, non lasci solo i tuoi affetti, lasci tutta quelle serie di bar, ristoranti, botteghe e negozietti dove ti chiamano per nome e dove, se ti assenti per un po’, si offendono e quando torni non vedono l’ora di fartelo notare.
@postisinceri, per me, è proprio questo. Quei luoghi che esistono per tutti, che sia nella propria città o in quella in cui si passano le vacanze.

Una gallery di immagini senza tempo, dalle porzioni abbondanti, dal chiasso di risate fragorose, dai banconi in mogano e i tavoli da biliardo, dai nomi dei locali che hanno il nome del proprietari, Beppe, Pino, Lucio, Margy, Achille, Massimo, Tomaso, dalle tovaglie a quadri e i tendoni a righe.

Un profilo che, oltre a raccontare questi luoghi, vi permette di scoprirli con la mappa che trovate qui, ma fate in fretta, alcuni dei posti elencati non esistono più.

Posti sinceri, il profilo Instagram che scopre la vecchia Milano
Art
Posti sinceri, il profilo Instagram che scopre la vecchia Milano
Posti sinceri, il profilo Instagram che scopre la vecchia Milano
1 · 2
2 · 2
Nike lancia la misteriosa campagna 1985 Lost Shipment

Nike lancia la misteriosa campagna 1985 Lost Shipment

Giulia Pacciardi · 7 mesi fa · Art

Please call 1.800.561.1985, perché numerose spedizioni firmate Nike, datate 1985, sono scomparse.
Recitano queste parole i billboards comparsi all’improvviso fra New York e Los Angeles.

A campeggiare su uno sfondo rosso è la scritta “LOST SHIPMENT” accompagnato dall’hotline sopracitato e dallo swoosh di Nike.
Non sono molte le altre notizie trapelate, solo una brevissima clip, pubblicata dal brand di Beaverton su twitter ,che mostra un camion dell’azienda uscire da un garage tramite le telecamere di sicurezza.

PLEASE
if found, do not approach shipment on your own accord. Please contact authorities now.”

Non resta che aspettare perché questo non può essere che l’annuncio di una nuova release.

Nike lancia la misteriosa campagna 1985 Lost Shipment
Art
Nike lancia la misteriosa campagna 1985 Lost Shipment
Nike lancia la misteriosa campagna 1985 Lost Shipment
1 · 2
2 · 2
I murales di Odeith sembrano uscire dai muri

I murales di Odeith sembrano uscire dai muri

Giulia Guido · 7 mesi fa · Art

Avete mai sentito parlare di anamorfismo? Di sicuro lo street artist portoghese Odeith sì. 

In arte, si parla di anamorfismo quando ci si riferisce a un’illusione ottica creata da un’immagine che appare distorta e che “si svela” solamente guardandola da un punto ben preciso. 

É proprio questo il minimo comune denominatore di tutte le opere di Odeith. 

Classe 1976, Sergio Odeith nasce a Lisbona e cresce all’interno della scena street portoghese, sviluppatasi insieme a quella hip-hop, diventando uno di quei pochi nomi che sfondano il confine nazionale e diventano conosciuti a livello globale. 

Come abbiamo anticipato, i suoi murales si differenziano da quelli dei suoi colleghi perché si basano su un’attenta costruzione prospettica. In questo modo, gli enormi animali che raffigura, suo soggetto preferito, sembrano uscire dal muro e saltarci addosso. Inoltre, ogni suo murales è caratterizzato da un’atmosfera cupa, data grazie all’utilizzo di colori bui e marcati, che matchano perfettamente con i luoghi che Odeith sceglie per i suoi artwork, di periferia e abbandonati. 

Scopri i lavori dello street artist portoghese nella nostra gallery e sul suo profilo Instagram e sul suo canale Youtube

odeith | Collater.al 2
odeith | Collater.al 2
odeith | Collater.al 2
odeith | Collater.al 2
odeith | Collater.al 2
odeith | Collater.al 2
odeith | Collater.al 2
odeith | Collater.al 2
odeith | Collater.al 2
odeith | Collater.al
odeith | Collater.al 2
I murales di Odeith sembrano uscire dai muri
Art
I murales di Odeith sembrano uscire dai muri
I murales di Odeith sembrano uscire dai muri
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Le illustrazioni di Willie Hsu cercano di sfondare la pagina

Le illustrazioni di Willie Hsu cercano di sfondare la pagina

Giulia Guido · 7 mesi fa · Art

Alcune volte non serve molto per creare dell’arte, ad esempio a Willie Hsu bastano una matita e un foglio bianco. L’artista, che si auto-definisce amante dell’arte, fotografo e appassionato di tatuaggi, pubblica i suoi disegni sul suo profilo Instagram che giornalmente vengono apprezzati da un seguito di più di 70 mila persone. 

Willie Hsu si ispira all’idea dell’aldilà, all’oscuro fascino che avvolge l’idea di questo luogo post morte. L’artista restituisce questa idea disegnando delle figure sfuocate che sembra stiano per uscire dal foglio. Queste silhouette tentano in tutti i modi di lasciare il mondo del disegno per arrivare in quello reale, alcune allungando un piede, altre tendendoci la mano.  

I suoi lavori potrebbero ricordarvi qualcosa, in effetti somigliano molto i tatuaggi di Blackdotkime che se vi siete persi potete rivederli QUI

Scoprite tutti i lavori di Willie Hsu nella nostra gallery e sul suo profilo Instagram.

Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Willie Hsu | Collater.al
Le illustrazioni di Willie Hsu cercano di sfondare la pagina
Art
Le illustrazioni di Willie Hsu cercano di sfondare la pagina
Le illustrazioni di Willie Hsu cercano di sfondare la pagina
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
Louis Vuitton inaugura una mostra a Rodeo Drive

Louis Vuitton inaugura una mostra a Rodeo Drive

Collater.al Contributors · 7 mesi fa · Art, Style

Louis Vuitton ospiterà una mostra – intitolata “ Louis Vuitton X “- che vi farà immergere nel suo archivio raccontandovi la sua storia attraverso i prodotti più iconici della maison e che hanno cambiato la percezione della moda nel panorama mondiale nel corso di questi 160 anni.

Una composizione di 180 pezzi unici verrà rispolverata e rimessa alla luce dopo più di un secolo. Dai bauli speciali dei primi del secolo scorso, alle bottiglie di profumo art deco e alle vetrine commissionate e disegnate dal nipote di Louis Vuitton, Gaston-Louis.
Ci saranno anche alcune delle più importanti collaborazioni e commissioni del marchio con Karl Lagerfeld, Rei Kawakubo, Cindy Sherman, Frank Gehry, Yayoi Kusama, Richard Prince e Zaha Hadid.

Louis Vuitton X ” avrà in anteprima anche la nuova collezione Artycapucines, una selezione di borse originali Capucines – che prendono il nome dalla strada su cui ha aperto il primo negozio – reinterpretate dagli artisti contemporanei Sam Falls, Urs Fischer, Nicholas Hlobo, Alex Israel, Tschabalala Self e Jonas Wood che sarà realizzata in tiratura limitata.

La mostra avrà luogo in 468 North Rodeo Drive, Beverly Hills, CA, 90210 dal 27 giugno al 15 settembre. Non perdetevela.

Testo di Elisa Scotti

Louis Vuitton inaugura una mostra a Rodeo Drive
Art
Louis Vuitton inaugura una mostra a Rodeo Drive
Louis Vuitton inaugura una mostra a Rodeo Drive
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14