ProBoyNick l’artista russo che disegna sulle auto sporche

ProBoyNick l’artista russo che disegna sulle auto sporche

Collater.al Contributors · 6 mesi fa · Art

Nikita Golubev detto ProBoyNick, è un artista russo che realizza delle singolari illustrazioni utilizzando lo sporco e la fuliggine depositato sulle macchine, camion e furgoni sporchi. L’artista sta trasformando le strade di Mosca operando su macchine parcheggiate trasformandole in opere d’arte ambulanti.

Gli strati di sporcizia e le vetture stesse diventano un mezzo perfetto, fatto di colori e supporti per immagini sottili e nascoste al loro interno. I suoi soggetti preferiti sono i ritratti di animali e scene della natura.

Conveniamo tutti che le tele di Golubev siano non convenzionali e sembrano essere una forma d’arte che il pubblico adora.
A tal punto da non voler più lavare delle macchina che, una volta, erano semplicemente molto sporche.

Testo di Elisa Scotti

ProBoyNick l’artista russo che disegna sulle auto sporche
Art
ProBoyNick l’artista russo che disegna sulle auto sporche
ProBoyNick l’artista russo che disegna sulle auto sporche
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
LEGO dedica un set a Friends per i 25 anni della serie

LEGO dedica un set a Friends per i 25 anni della serie

Giulia Pacciardi · 6 mesi fa · Art

Per festeggiare i 25 anni dalla messa in onda della prima indimenticabile puntata, risalente al 22 settembre 1994, LEGO ha deciso di rendere omaggio alla serie cult Friends con un set interamente dedicato ai personaggi e ai luoghi protagonisti dei 236 episodi.

In particolare, oltre alle statuette di Ross, Rachel, Chandler, Monica, Joey, Phoebe e di Gunther, il set è dedicato al Central Perk, l’iconico locale preferito dal gruppo.
Con i 1.070 mattoncini sarà possibile ricreare alcune delle scene più memorabili della serie, grazie ad accessori come la macchina del caffè, il barattolo dei biscotti, la cassa, il divano e anche la chitarra e l’asta del microfono con cui Phoebe intonava la sua indimenticabile hit “Gatto rognoso”.

Il LEGO Friends Central Perk Set sarà disponibile sul sito e negli store dal primo settembre, fossimo in voi lo porteremmo subito a casa.

LEGO dedica un set a Friends per i 25 anni della serie
Art
LEGO dedica un set a Friends per i 25 anni della serie
LEGO dedica un set a Friends per i 25 anni della serie
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Da settembre Edoardo Tresoldi esporrà all’Arte Sella

Da settembre Edoardo Tresoldi esporrà all’Arte Sella

Collater.al Contributors · 6 mesi fa · Art

Arte Sella è un museo a cielo aperto situato nella valle del Trentino, che da oltre 30 anni presenta opere che cercano di sensibilizzare sulla fragilità della natura e sul rapporto con l’uomo.
Il 15 settembre Edoardo Tresoldi avrà la possibilità di esporre una delle sue opere, che avrà un profondo legame con il bosco, proprio qui.

Lo scorso anno a causa di forti venti, gran parte di questo sito è andato perso. Il percorso intorno a Villa Strobele è stato invaso da tronchi che, schiantandosi a terra, hanno distrutto gran parte delle installazioni artistiche. I passaggi sono stati quasi del tutto risanati e restaurati nelle loro condizioni d’origine. Arte Sella offre ora nuove opere d’arte e diverse suggestioni a seconda delle stagioni.

Abbiamo già parlato di Tresoldi e delle sue opere realizzate in reti metalliche, installazioni eteree, che chiedono allo spettatore di considerare l’assenza anziché la materia. Gli archetipi classici si mixano ad un modo di esprimersi contemporaneo. La dinamicità di queste opere è data dalle condizioni naturali che le circondano, il sole, il vento, le nuvole e la pioggia, insomma, un dialogo continuo tra opera e paesaggio. Anche la trasparenza risponde agli agenti esterni che fondono e dissolvono la materia.
E quando arriva la notte, l’illuminazione artificiale appositamente studiata, arricchisce i volumi e accentua ulteriormente le composizioni architettoniche.

Negli ultimi mesi l’artista ha dato qualche assaggio della sua futura opera, sui canali social e solo lì abbiamo potuto vedere delle anteprime di quello che potrebbe essere. Non ci resta quindi che attendere il 15 settembre e andare a dare un’occhiata.

Testo di Elisa Scotti

Da settembre Edoardo Tresoldi esporrà all’Arte Sella
Art
Da settembre Edoardo Tresoldi esporrà all’Arte Sella
Da settembre Edoardo Tresoldi esporrà all’Arte Sella
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Le eleganti linee NSFW di Cupofyou

Le eleganti linee NSFW di Cupofyou

Giulia Pacciardi · 6 mesi fa · Art

Tratti brevi, sottili e leggeri che descrivono con poesia l’intimità.
Cupofyou, artista anonimo di cui si conosce poco e niente, utilizza semplici tratti neri per raccontare il rapporto fra uomo e donna senza entrare troppo nel dettaglio, anzi, lasciando allo spettatore la possibilità di interpretare le sue illustrazioni.

Nei suoi artwork, che raramente si permettono qualche colpo di colore, ci sono molte delle sfumature che caratterizzano l’amore ed il sesso, dalla carezza al bacio più casto, fino ai momenti più sensuali e erotici di ogni rapporto.

Su Instagram, dove conta più di 60.000 followers, accompagna le sue illustrazioni a brevi citazioni a loro legate, per completare il lavoro e renderlo ancora più immediato.
Lavori semplici e eleganti che affascinano per la loro grande delicatezza.

Le eleganti linee NSFW di Cupofyou
Art
Le eleganti linee NSFW di Cupofyou
Le eleganti linee NSFW di Cupofyou
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
Quasi, l’ultima inquietante opera di Ronnie Van Hout.

Quasi, l’ultima inquietante opera di Ronnie Van Hout.

Collater.al Contributors · 6 mesi fa · Art

Ronnie Van Hout, artista di Melbourne, realizza opere che ritraggono soggetti inquietanti, sculture dalle notevoli dimensioni che mescolano parti del corpo umano ad oggetti domestici scelti praticamente a caso. La sua ultima creazione è forse una delle più inquietanti e spaventose mai realizzate.

La mano ibrida “Quasi”, alta circa 5 metri, si trova sul tetto della Wellington City Gallery in Nuova Zelanda. L’artista ha realizzato il soggetto attraverso scansioni della sua stessa mano, sul quale palmo è impressa la sua faccia e lo definisce “autoritratto parziale”.
L’ opera era stata originariamente installata nella sua città natale dopo il terremoto avvenuto nel 2011, precisamente a Christchurch.

Inutile dire che le reazioni degli spettatori siano state abbastanza contrastanti, alcuni dei quali non hanno perso occasione di riportare il loro parere sui social descrivendola come “orribile” e “mostruosa”, non ci stupisce se a qualcuno di loro abbia causato incubi.

Testo di Elisa Scotti

Quasi, l’ultima inquietante opera di Ronnie Van Hout.
Art
Quasi, l’ultima inquietante opera di Ronnie Van Hout.
Quasi, l’ultima inquietante opera di Ronnie Van Hout.
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4