Design Regan Appleton – Bicycle Taxidermy
Designinterior design

Regan Appleton – Bicycle Taxidermy

-
Gabe
Regan Appleton-Bicycle Taxidermy

Appendere i propri trofei al muro ricorda i cervi impagliati nei cottage dei cacciatori, sempre ben in vista a mo’ di prolungamento fallico. Pratica sempre attuale, credo.

Regan Appleton-Bicycle Taxidermy

Regan Appleton, uno studente londinese di design, ha pensato di espandere questa lugubre esposizione anche alle bici, creando il primo prototipo della vecchia bicicletta di suo padre. Regan non ha fatto altro che staccare il manubrio della bici, montarlo su una placca di rovere e infine fissargli una targhetta con nome, data di “morte” ed epitaffio celebrativo.

Un progetto unico nel suo genere che Regan ha continuato con altre bici “decedute” a cui ha regalato lo stesso trattamento. Arte, artigianato, design e ricordo funebre si fondono creando addirittura una nuova industria, ogni pezzo infatti viene venduto a circa 100 sterline.

Quindi, se giù in cantina avete un vecchio bolide impolverato a cui siete legati e che non siete mai riusciti a rottamare, chiedete pure a Regan che lo farà rivivere per sempre nel vostro salotto.

Regan Appleton-Bicycle Taxidermy
Regan Appleton-Bicycle Taxidermy
Regan Appleton-Bicycle Taxidermy
Regan Appleton-Bicycle TaxidermyRegan Appleton-Bicycle Taxidermy
Regan Appleton-Bicycle Taxidermy

Regan Appleton

Designinterior design
Scritto da Gabe
x
Ascolta su