Shae DeTar e i mondi ultraterreni fotografati e poi dipinti

Shae DeTar e i mondi ultraterreni fotografati e poi dipinti

Tommaso Berra · 4 settimane fa · Photography

Le fotografie di Shae DeTar sono incantevoli, nel vero senso della parola, riescono a incantare per la bellezza con la quale mondi reali vengono connotati di qualità ultraterrene grazie all’utilizzo de colori brillanti. La fotografa americana dipinge direttamente le proprie fotografie, per far emergere di volta in volta protagonisti diversi, in alcuni casi la natura, in altri i corpi, nudi e messi in evidenza proprio da quell’alone di luce che proietta tutto in una dimensione non più decifrabile.

Le immagini di Shae DeTar diventano agli occhi dell’osservatore illusioni incantate. Ogni dettaglio in scena contribuisce a rendere questo effetto, accattivante e surreale, che rimanda ai film di fantascienza o alle fotografie vintage, con quella grana che uniforma e appiattisce la scena.
Sono numerosi i progetti della fotografa per i più grandi editori internazionali, così come le mostre allestite nel corso degli anni. Scopri sul sito e sull’account Instagram tutto il lavoro e i soggetti raffigurati da DeTar.

Shae DeTar | Collater.al
Shae DeTar | Collater.al
Shae DeTar | Collater.al
Shae DeTar | Collater.al
Shae DeTar | Collater.al
Shae DeTar | Collater.al
Shae DeTar | Collater.al
Shae DeTar | Collater.al
Shae DeTar | Collater.al
Shae DeTar e i mondi ultraterreni fotografati e poi dipinti
Photography
Shae DeTar e i mondi ultraterreni fotografati e poi dipinti
Shae DeTar e i mondi ultraterreni fotografati e poi dipinti
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Charles-Henry Bédué sulla famiglia e sull’identità francese

Charles-Henry Bédué sulla famiglia e sull’identità francese

Tommaso Berra · 2 settimane fa · Photography

I sette anni trascorsi in Cina per staccarsi dalle proprie radici e dalle proprie certezze sono serviti al fotografo Charles-Henry Bédué anche, in un meccanismo opposto, per consolidare quello che lo aveva formato, il contesto e tutti i ricordi legati alla propria famiglia.
Nato a Tolosa nel 1980, ora lavora a Parigi e dal 2020 ha iniziato a raccogliere migliaia di scatti di inquadrature di vita comune, alcuni d’archivio e altri realizzati personalmente. Il quadro che appare è un racconto familiare che ha molti punti di contatto con lo sviluppo di tutta la società francese, compaiono scene che potrebbero essere nascoste nel cassetto di molti cittadini francesi.
Nelle foto di Charles-Henry Bédué vivono contrasti visivi e cromatici, ma anche tematici, come quelli che contrappongono figurativo e astratto, sconosciuto e familiare, in un continuo dialogo di opposti.
Scopri tutto il lavoro dell’artista, le pubblicazioni e le serie fotografiche passate sul sito ufficiale e nel profilo instagram di Bédué.

Charles-Henry Bédué | Collater.al
Charles-Henry Bédué | Collater.al
Charles-Henry Bédué sulla famiglia e sull’identità francese
Photography
Charles-Henry Bédué sulla famiglia e sull’identità francese
Charles-Henry Bédué sulla famiglia e sull’identità francese
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Le foto di Tonje Thilesen raccontano Oslo e Brooklyn

Le foto di Tonje Thilesen raccontano Oslo e Brooklyn

Tommaso Berra · 2 settimane fa · Photography

Tonje Thilesen è a nato nel 1991 in Norvegia, a Oslo, si è trasferito poi a Berlino e ora guarda il mondo attraverso la sua macchina fotografica da Brooklyn, New York. Il cambio di paesaggio che ha visto nel corso della sua vita è una chiave di lettura dei suoi scatti, e della varietà di soggetti immortalati.
La città vista dagli occhi di Thilesen è popolata da animali, che sembrano quasi sempre liberi e imprendibili, ma c’è anche uno studio sulla figura umana, la sua plasticità e i suoi movimenti nello spazio fisico. La luce raggiunge i soggetti o in modo uniforme o attraverso fasci definiti, gli stessi fasci che possono filtrare tra gli alberi o tra i palazzi.

I soggetti di Tonje Thilesen molto spesso sembrano quasi brillare, ci sono piccoli bagliori che creano punti di luce, come quelli dai quali potremmo essere abbagliati davanti a una distesa di neve per esempio.
I primissimi piani sono uno dei tagli preferiti dal fotografo, questo perché il suo approccio con la fotografia è nato proprio per la necessità di analizzare la realtà, studiarla durante i suoi anni in Norvegia e poi in maniera più consistente in Germania, quando Tonje ha seguito i protagonisti della scena musicale della città.

Le foto di Tonje Thilesen raccontano Oslo e Brooklyn
Photography
Le foto di Tonje Thilesen raccontano Oslo e Brooklyn
Le foto di Tonje Thilesen raccontano Oslo e Brooklyn
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Le foto di Brett Lloyd sono una riflessione su Napoli

Le foto di Brett Lloyd sono una riflessione su Napoli

Tommaso Berra · 2 settimane fa · Photography

Nel viaggio per raggiungere un amico a Sorrento, Brett Lloyd perde la coincidenza per l’ultima coincidenza direzione Costiera Amalfitana e si ritrova solo, di notte, a Napoli. Il fotografo inglese ha lasciato il documento a Roma, e senza la possibilità di trovare un hotel per l notte inizia a girare per i vicoli della città fino all’alba, innamorandosi di quella che diventerà per i futuri 12 anni la sua casa, fisica e artistica.
Il legame di Brett Lloyd con Napoli è intenso ed emotivo, le persone e la classicità dei paesaggi hanno ispirato per più di un decennio l’attività del fotografo, raccolta ora in un nuovo libro edito da Mörel Books e intitolato “Napoli Napoli Napoli“, presentato a Parigi 10 novembre e ora al centro di una mostra allestita a Milano il 16 e il 16, da Spazio Maiocchi.

I 135 scatti contenuti all’interno del libro raccontano una giornata a Napoli, dall’alba al tramonto, mettendo in scena quel teatro popolare che è la città ai piedi del Vesuvio. Lloyd riflette sul classicismo e sul potere del mare, elemento al centro di molti scatti e della vita dei ragazzi, spesso giovanissimi, ritratti dall’artista.
Il racconto di “Napoli Napoli Napoli” è un opera paziente, che corre lungo quattro estati, l’unità di misura per definire il passare del tempo quando si è giovani e spensierati. proprio con queste persone negli anni Brett ha intessuto rapporti attraverso gli sguardi e le emozioni comuni, superando una barriera linguistica iniziale che non sembra emergere mai nelle foto. la sintonia tra la lente fotografica e i soggetti è totale, gli occhi e i rosari puntano dritti verso l’obiettivo, mentre il mare continua il suo moto perpetuo.

Brett Lloyd | Collater.al
Brett Lloyd | Collater.al
Brett Lloyd | Collater.al
Brett Lloyd | Collater.al
Brett Lloyd | Collater.al
Le foto di Brett Lloyd sono una riflessione su Napoli
Photography
Le foto di Brett Lloyd sono una riflessione su Napoli
Le foto di Brett Lloyd sono una riflessione su Napoli
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
Le impressioni di New York di Aleksandr Babarikin

Le impressioni di New York di Aleksandr Babarikin

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Photography

Da poco più di un anno Aleksandr Babarikin si è trasferito a New York, di lavoro fa il software engineer ma voleva cercare uno strumento per capire a pieno gli abitanti della città, i suoi ritmi e più in generale il contesto di un mondo molto diverso da quello bielorusso, nazione in cui è nato.
La fotografia per Aleksandr Babarikin è quindi un hobby, le sue impressioni di New York sono molto forti e l’aspetto interessante è nella sua scelta di intendere lo strumento non come una conoscenza approfondita, non come uno studio esaustivo della realtà che lo circonda, piuttosto come una raccolta di sensazioni, come accade nelle prime fasi di qualunque conoscenza.
Il concetto di “impressione” di New York è resa visivamente chiara attraverso le sfumature che uniformano tutta la scena scattata da Babarikin. I soggetti si mischiano con lo sfondo, le ombre della città, i taxi e la scenografia di cemento sono mosse, come instabili e inafferrabili, forse un “impressione” che è già certezza.

Le impressioni di New York di Aleksandr Babarikin
Photography
Le impressioni di New York di Aleksandr Babarikin
Le impressioni di New York di Aleksandr Babarikin
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Altri articoli che consigliamo