Stefano Vitale si è fidato dell’arte popolare

Stefano Vitale si è fidato dell’arte popolare

Tommaso Berra · 2 mesi fa · Art

Arrivato negli Stati Uniti, a Los Angeles, per studiare alla University of Southern California, Stefano Vitale cerca un modo per esprimere le sue idee fino a quel momento inespresse utilizzando le competenze che aveva a disposizione. L’arte inizia a figurarsi come lo strumento più preciso e sincero attraverso il quale farlo, così inizia un percorso che lo porta a intraprendere una carriera da artista affermato, grazie alle sue illustrazioni coloratissime e metafisiche, evocative di mondi magici in cui la natura dialoga con l’uomo, in cui le figure sono sospese a mezz’aria in cieli stellati e sotto il sole caldo della Sicilia.

Nei primi anni della sua carriera Stefano Vitale insiste su un soggetto ricorrente, una Madonna con un solo occhio, soggetto certamente influenzato dall’iconografia sacra che ha studiato e approfondito durante tutti i suoi viaggi in Messico e Centro America. “Mi sono sempre fidato di più dell’arte popolare che dell’arte ufficiale” spiega Vitale.
Il suo sguardo verso un’arte elementare si rispecchia nello stile che si serve di linee semplici, lasciando al colore la componente decorativa. I soggetti sono celebrazioni di gioia o di legami primordiali come quello tra madre e figlio o tra uomo e natura. Piante e foglie si sovrappongono ai volti, mentre il cielo è sempre un soggetto centrale delle composizioni, segnalato dalla presenza di stelle luminose o lune che rendono magiche notti e tramonti.
L’attività di Stefano Vitale è poi legata da più di due decenni dalla collaborazione con Donnafugata. Per l’azienda vitivinicola siciliana l’artista illustra le etichette delle bottiglie, rappresentando visivamente un immaginario di sapori e odori che nasce in Sicilia, trova la sua ispirazione dalla musica e dal Gattopardo e si insinua nella memoria sensoriale. Qui di seguito alcune delle etichette realizzate da Vitale per Donnafugata.

Stefano Vitale | Collater.al
Stefano Vitale | Collater.al
Stefano Vitale | Collater.al
Stefano Vitale si è fidato dell’arte popolare
Art
Stefano Vitale si è fidato dell’arte popolare
Stefano Vitale si è fidato dell’arte popolare
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Brad Walls sa che lo squash è uno sport geometrico

Brad Walls sa che lo squash è uno sport geometrico

Tommaso Berra · 3 giorni fa · Photography

Non dev’essere stato facile far volare un drone all’interno di un campo da squash di 20mq, ma il fotografo Brad Walls ha ritenuto fosse l’unico modo per esaltare in pochi scatti geometrie e movimento. La serie “Vacant” raffigura la geometria dei corpi, che si muovono un una coreografia all’interno di scene ispirate al surrealismo e al retrofuturismo.
L’idea di scegliere quel particolare luogo è nata da una visita dell’artista al campo da squash nel quale giocava ai tempi del liceo. Lo spazio vuoto le linee del campo hanno ispirato l’artista a realizzare una delle sue serie aeree, che avessero al centro il corpo umano distaccato dal contesto ma perfettamente inserito nell’impianto geometrico.

Squash | Collater.al

Una delle sfide di Brad Walls era quella di evitare un effetto claustrofobico, per questo il bianco è il colore predominante degli scatti, ripetuto anche nei vestiti delle modelle, una scelta che farebbe felici anche gli organizzatori di Wimbledon.
Proprio i vestiti sono un elemento che rinforza il concetto di retrofuturismo, creando una tensione tra passato e futuro grazie all’inserimento di un guardaroba futurista in un contesto anni ’80 come quello del campo da squash.
In attesa di pubblicare il suo primo libro, in uscita in autunno e intitolato intitolato “Pools from Above”, Brad Walls ha definito “Vacant” così: “La geometria fornisce un accenno di coerenza in un mondo sempre più incoerente. Gli esseri umani ne sono innatamente attratti. Io, forse, ancora di più“.

Squash | Collater.al
Squash | Collater.al
Squash | Collater.al
Squash | Collater.al
Squash | Collater.al
Squash | Collater.al
Brad Walls sa che lo squash è uno sport geometrico
Photography
Brad Walls sa che lo squash è uno sport geometrico
Brad Walls sa che lo squash è uno sport geometrico
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Kaisar Ahamed  e “la città dei mille giardini” che non esiste più

Kaisar Ahamed e “la città dei mille giardini” che non esiste più

Tommaso Berra · 3 giorni fa · Photography

Il quartiere di Hazaribagh, nella città di Daka (Bangladesh), in lingua farsi significa “la città dei mille giardini”, e il nome rende l’idea di ciò che era il paesaggio, prima che le fabbriche di pellami inquinassero tutto.
Il fotografo Kaisar Ahamed ha raccontato nel suo ultimo progetto il paesaggio intorno al fiume Buriganga, reso biologicamente morto dai veleni riversati nelle acque dalle concerie. Il corso del fiume ora appare come un paesaggio irreale, scenografia di un film apocalittico in cui l’acqua sporca diventa un elemento di terrore più che di vita.
Kaisar Ahamed è un chimico, ma ha scelto di condurre le sue analisi sull’acqua di Hazaribagh attraverso la fotografia. Ha scattato campioni di acqua prelevati dal fiume Buriganga in diverse località, costruendo una sorta di laboratorio in cui la fotografia aiuta a raccontare un disastro ambientale.
Il titolo “A Thousand of Gardens” suona così un po’ ironico, una beffa al quale l’osservatore è messo subito al corrente.

È possibile sostenere la pubblicazione di un volume dedicato al lavoro del fotografo Kaisar Ahamed attraverso la raccolta fondi lanciata da SelfSelf, clicca qui per scoprire come aiutare a realizzare questo progetto fotografico.

Kaisar Ahamed | Collater.al
Kaisar Ahamed | Collater.al
Kaisar Ahamed | Collater.al
Kaisar Ahamed | Collater.al
Kaisar Ahamed | Collater.al
Kaisar Ahamed | Collater.al
Kaisar Ahamed | Collater.al
Kaisar Ahamed | Collater.al
Kaisar Ahamed e “la città dei mille giardini” che non esiste più
Photography
Kaisar Ahamed e “la città dei mille giardini” che non esiste più
Kaisar Ahamed e “la città dei mille giardini” che non esiste più
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Il racconto della pastorizia in Trentino di Giulia Degasperi

Il racconto della pastorizia in Trentino di Giulia Degasperi

Tommaso Berra · 4 giorni fa · Photography

D’estate mandrie intere di bestiame si spostano dalle valli fino ai prati di montagna, a migliaia di metri di altezza, dove l’aria è più rarefatta e i ritmi sono dettati solo dai bisogni della natura. Insieme agli animali viaggiano pastori, che in alpeggio diventano parte di un unico ciclo della vita, che non subisce pause ma scorre lento e costante.
Giulia Degasperi ha rappresentato questa pratica millenaria delle montagne del Trentino, senza mostrare direttamente la bellezza dei paesaggi ma quella del lavoro, dello sforzo e della tradizione. La serie “These Dark Mountains” è uno studio antropologico che descrive l’abbandono dei piccoli centri di montagna e la difficoltà di conservare abitudini che legano da sempre uomo e natura.
La scelta di scattare in bianco e nero rende le fotografie quasi senza tempo. Non si riesce ad inquadrare un periodo storico perché tutto è rimasto uguale, dai luoghi fino ai vestiti dei pastori.

È possibile sostenere la pubblicazione di un volume dedicato al lavoro della fotografa Giulia Degasperi attraverso la raccolta fondi lanciata da SelfSelf, clicca qui per scoprire come aiutare a realizzare questo progetto fotografico.

Giulia Degasperi | Collater.al
Giulia Degasperi | Collater.al
Giulia Degasperi | Collater.al
Giulia Degasperi | Collater.al
Giulia Degasperi | Collater.al
Giulia Degasperi | Collater.al
Giulia Degasperi | Collater.al
Giulia Degasperi | Collater.al
Il racconto della pastorizia in Trentino di Giulia Degasperi
Photography
Il racconto della pastorizia in Trentino di Giulia Degasperi
Il racconto della pastorizia in Trentino di Giulia Degasperi
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Un mondo senza adulti nelle foto di Julie Blackmon

Un mondo senza adulti nelle foto di Julie Blackmon

Tommaso Berra · 1 settimana fa · Photography

Un mondo senza “quando avevo la tua età era diverso”, senza “i giovani d’oggi non valgono nulla”, un mondo i cui quindi non esiste “adultsplanning” e i bambini sembrano poter fare tutto in totale autonomia.
Questo è il paesaggio rappresentato in fotografia da Julie Blackmon, artista americana legata ai temi della famiglia e alla vita nei piccoli centri abitati.
Gli scatti sono una satira sociale, mascherata all’interno di scene quotidiane in cui i bambini sono i veri protagonisti, per non dire gli unici. Tutti i dettagli rappresentati sono simbolici, così come la disposizione dei soggetti, ispirata alle scene dipinte dai pittori fiamminghi del XVII secolo.
L’obiettivo di Julie Blackmon è quello di rappresentare il contesto delle piccole comunità americane, tracciando i sogni promossi dal modello americano.

Una caratteristica dei bambini di Julie Blackmon è il loro totale distacco da qualunque elemento legato alla tecnologia contemporanea. Si trovano così a giocare “come ai vecchi tempi”, pitturando con i gessetti il vialetto di casa, o nella piscina costruita artigianalmente nel proprio cortile.
Di ispirazione per la visione della fotografa c’è il contesto delle famiglie numerose, essendo lei stessa la maggiore di nove fratelli. Così facendo ripercorre i ricordi e ciò che più in generale influenza l’infanzia, fatta di paesaggi e elementi che modellano il nostro modo di pensare anche da adulti, quelli che Julie non vuole rappresentare, lasciando volutamente la sensazione di un mondo in cui tutto è sconnesso.

Un mondo senza adulti nelle foto di Julie Blackmon
Photography
Un mondo senza adulti nelle foto di Julie Blackmon
Un mondo senza adulti nelle foto di Julie Blackmon
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11