Il realismo colorato della street art di Dourone

Il realismo colorato della street art di Dourone

Claudia Fuggetti · 1 anno fa · Art

Fabio Lopez aka DOURONE è nato a Madrid ed è cresiuto in una famiglia di appassionati d’arte. È attivo nella scena dal 1991 e si è subto distinto per il suo stile incredibilmente colorato. Il colori sgargianti, però, non tendono a sminuire il grande realismo che contraddistingue i suoi ritratti, che lo rendono un artista di ispirazione pop.

La gioia che traspare è evidente nel frequente uso di una tavolozza composta quasi sempre da colori caldi come il giallo, il rosso e l’arancio, smorzati da un blu deciso. Il suo lavoro è stato ispirato dalla seguente citazione:

“Think with the heart, feel with your head”

La frase è ripresa dallo scrittore e giornalista uruguaiano Eduardo Galeano, che ha fondato il movimento “Sentipensante”,  composto dalla contrazione delle parole spagnole “sentir” (sentire) e “pensar” (pensare);  è un invito all’apertura e al superamento dei paradossi, al non dividere, ma piuttosto a riunire. Fabio con le sue opere fa propio questo, ci fa sentire più vicini ed empatici nei confronti dei suoi soggetti.

Se vuoi vedere altri lavori dell’artista, vai sulla sua pagina Instagram.

Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.alIl realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al  Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al Il realismo colorato della street art di Dourone | Collater.alIl realismo colorato della street art di Dourone | Collater.al

 

 

Il realismo colorato della street art di Dourone
Art
Il realismo colorato della street art di Dourone
Il realismo colorato della street art di Dourone
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13
Short video for Breakfast – Le nostre campagne preferite a tema Halloween

Short video for Breakfast – Le nostre campagne preferite a tema Halloween

Giulia Guido · 1 anno fa · Art

Per questo Halloween vi propongo uno short video un po’ diverso, anzi ve ne propongo tre. Come ben sappiamo è una delle feste più legate al suo aspetto commerciale e durante gli anni è entrato a gran passo anche nel mondo della pubblicità. Ecco perché ho scelto di riproporvi tre campagne pubblicitarie di Halloween che amiamo alla follia.

La prima è una di Nike, che sfrutta quelle classiche scene dei film horror in cui il protagonista scappa da un mostro o da un assassino. In questo caso la ragazza nello spot riesce magistralmente a fuggire da un killer armato di sega elettrica grazie alle Nike che ha ai piedi. A volte è proprio vero che fare sport allunga la vita.

Il secondo di Snickers, il gustoso snack americano al caramello e burro d’arachidi, è un grande insegnamento per tutti gli adulti, perché non si può pretendere l’aiuto dei bambini quando non gli si danno i dolcetti. Neanche se state per cadere da un tetto.

L’ultimo, il mio preferito è di ZonaJobs, un sito spagnolo che aiuta nella ricerca di un lavoro. La situazione che mostra lo spot l’abbiamo vissuta tutti, ammettetelo. Il protagonista inventa migliaia di scuse per non andare al lavoro, ma tutte hanno un comune denominatore, sua nonna.

Short video for Breakfast – Le nostre campagne preferite a tema Halloween
Art
Short video for Breakfast – Le nostre campagne preferite a tema Halloween
Short video for Breakfast – Le nostre campagne preferite a tema Halloween
1 · 2
2 · 2
La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art

Claudia Fuggetti · 1 anno fa · Art

OSGEMEOS è il nome d’arte dei due fratelli di Cambuci Gustavo e Otavio Pandolfo, conosciuti anche come “THETWINS”. Da sempre interessati alla vita di strada, hanno iniziato ballando la breakdance, facendo i DJ ed MC, prima di diventare artisti visuali.

Recentemente hanno lanciato Lyrical, la loro ultima mostra. L’esibizione è costituita da un’installazione che include una vasta gamma di opere tra cui dipinti, sculture, murales, interventi in situ, elementi audio e un’impressionante scultura zoetrope, precedentemente realizzata per la loro mostra “Ópera da Lua” del 2014 a San Paolo.

I pezzi della collezione privata includono opere d’arte popolare che hanno acquisito durante i loro viaggi, esposte accanto ad altre realizzate appositamente per l’evento. Le loro installazioni, murales e dipinti sono pieni di personaggi colorati che esprimno gioia e raccotano il mondo di strada.

Lyrical si troverà presso la Mattress Factory fino al 4 agosto 2019, nel frattempo ti consigliamo di dare un’occhiata al sito del duo.

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art | Collater.al

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art | Collater.al

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art | Collater.al

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art | Collater.al

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art | Collater.al

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art | Collater.al

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art | Collater.al

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art | Collater.al

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art | Collater.al

La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art
Art
La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art
La mostra immersiva di OSGEMEOS, tra street e folk art
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Il video-racconto della quinta edizione dell’Altrove Festival

Il video-racconto della quinta edizione dell’Altrove Festival

Giulia Guido · 1 anno fa · Art

Si è svolto gli scorsi 8 e 9 agosto, a Catanzaro, la quinta edizione dell’Altrove Festival, il progetto che, dal 2014, ha come obiettivo quello di riportare il concetto di bellezza in luoghi abbandonati al degrado estetico e sociale. Da cinque anni promuovono l’arte come mezzo di ricostruzione e come punto da cui ripartire per costruire un futuro diverso, migliore.

Il fitto programma di Altrove prevedeva una mostra collettiva ospitata dal museo MARCA (Museo nazionale d’arte moderna e contemporanea) e la realizzazione di una nuova opera d’arte contemporanea.

Per quest’edizione, dal titolo Post-Graffiti Stress Disorder, le opere sono state realizzate in una residenza, dove gli artisti hanno avuto la possibilità di vivere a 360° il paesaggio urbano circostante. Questa esperienza condivisa ha ricreato alla perfezione la tipica attitudine dell’arte dei graffiti.

Aspettando la prossima edizione, che si terrà il 7 e l’8 agosto 2019 e per la quale si cercherà di rafforzare l’autorevolezza già raggiunta grazie al lavoro di graphic designer, specialisti nella comunicazione e nei social media, potete rivedere l’esperienza degli artisti di quest’anno che è stata filmata da Nicola Barbuto, che ha realizzato il documentario che mostra alla perfezione il clima di Altrove Festival.

Altrove Festival | Collater.al Altrove Festival | Collater.al Altrove Festival | Collater.al Altrove Festival | Collater.al Altrove Festival | Collater.al Altrove Festival | Collater.al Altrove Festival | Collater.al Altrove Festival | Collater.al

Il video-racconto della quinta edizione dell’Altrove Festival
Art
Il video-racconto della quinta edizione dell’Altrove Festival
Il video-racconto della quinta edizione dell’Altrove Festival
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Gorillaz x G-SHOCK, tre incredibili video svelano la collezione

Gorillaz x G-SHOCK, tre incredibili video svelano la collezione

Giulia Guido · 1 anno fa · Art

Per annunciare la loro collaborazione con il famoso marchio di orologi G-SHOCK, i Gorillaz potevano farlo solo via web, essendo la band virtuale più famosa al mondo, attraverso un video, anzi tre. 

Gorillaz x G-Shock – Mission M101 è il primo di tre episodi che hanno l’obiettivo di presentare attraverso una storia, i quattro orologi che compongono la collezione. Quattro come i personaggi della band.

Il video inizia con Mr. Ibe, il creatore di G-SHOCK, che per il 35° anniversario del brand ha in mente una missione impossibile, portare i suoi orologi nello spazio e per raggiungere l’obiettivo decide di assoldare i Gorillaz. 2D, Murdoc Niccals, Noodle e Russel Hobbs salgono immediatamente sulla loro super car e partono verso galassie inesplorate.

Una settimana fa siamo andati a Londra all’evento di lancio della collezione presso lo store G-SHOCK di Carnaby Street dove è stata presentata la collezione in anteprima che comprende tre varianti del classico modello DW5600 “The Origin” che rispecchiano rispettivamente le caratteristiche di 2D, Murdoc Niccals e Noodle. Al batterista Russel Hobbs è stato invece dedicato il più resistente GX56 “The King”, anche questo con un design unico che rispecchia il personaggio. 

Oltre agli orologi è stata svelato anche il secondo episodio della Mission 101. I nostri quattro eroi-musicisti arrivano finalmente su un pianeta popolato da alieni e, dopo qualche piccolo ostacolo, tipico di una missione impossibile, i Gorillaz riescono a far amare gli orologi anche agli extra-terrestri. Quello che si rivela davvero problematico è il ritorno sulla Terra, avvenuto con un disastroso atterraggio all’interno dello store londinese, dove noi abbiamo ritrovato una riproduzione in dimensioni reali della super car utilizzata dalla band virtuale.

Per il lancio negli store e online dei modelli Gorillaz x G-SHOCK, che reinterpretano due grandi classici, sono previste due date: il 15 novembre per gli orologi di Murdoc Niccals e 2D e il 15 dicembre per quelli di Russel e Noodle.

Dobbiamo aspettare anche per l’uscita del terzo e ultimo episodio prevista per metà dicembre, intanto possiamo cercare qualche indizio nei due precedenti.

gorillaz x g shock | Collater.al gorillaz x g shock | Collater.al gorillaz x g shock | Collater.al gorillaz x g shock | Collater.al gorillaz x g shock | Collater.al gorillaz x g shock | Collater.al

Gorillaz x G-SHOCK, tre incredibili video svelano la collezione
Art
Gorillaz x G-SHOCK, tre incredibili video svelano la collezione
Gorillaz x G-SHOCK, tre incredibili video svelano la collezione
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9